Tempo di lettura: 13 minuti

20 cose che puoi fare solo a Napoli

Napoli è una città sorprendente e in continua evoluzione. 
Caleidoscopica e multiforme, la città offre un’esperienza nuova ogni volta che la visiti.
Probabilmente ci vorrebbe un mese per avere una panoramica decente delle diverse aree della città e dai sconfinati tesori artistici, gastronomici e storici che custodisce. 
Non sorprende che molti autori abbiano descritto la città come una delle più affascinanti e belle del mondo.
Che tu sia in viaggio sulla Costiera Amalfitana o in una gita dedicata in città, ecco la nostra lista delle 20 migliori cose che puoi fare solo a Napoli.
Noi di Traveltherapists, ci rechiamo spesso in questa caratteristica, passionale e stimolante città. Per questo, la consigliamo vivamente in un’ottica di turismo di prossimità per l’estate 2020.

1. Il capolavoro “Cristo Velato” alla Cappella Sansevero

Nascosta in una stradina fuori Via dei Tribunali e Via Nilo si trova la bellissima Cappella Sansevero, la cappella-tomba di una delle più antiche famiglie nobili di Napoli. 
Questa Cappella contiene una serie di tesori notevoli.
Al centro della collezione c’è il Cristo velato di Sanmartino, una delle opere d’arte più imponenti e intriganti del mondo. 
Interamente scolpita nel marmo nel 1753, la statua del Cristo sembra essere coperta da un velo infinitamente sottile, che in realtà è scolpito nello stesso blocco.
L’incredibile trasparenza e sottigliezza del duro velo di marmo, che rivela a malapena l’espressione facciale del Cristo, le sue mani e i suoi piedi torturati ed il suo corpo martirizzato, è così insolito che alcuni hanno suggerito che debba essere stato applicato in seguito e “pietrificato”, usando una tecnica conosciuta solo dall’artista. 
Tuttavia, oggi si crede che la statua ed il velo siano stati scolpiti dallo stesso blocco di marmo.
Particolarmente degno di nota tra la cappella riccamente decorata sono anche la Pudicizia di Antonio Corradini, che rappresenta la madre del principe Raimondo de Sangro, morto quando era molto giovane, e Disinganno di Francesco Queirolo, con la sua imponente rete delicatamente scolpita nella pietra, dedicato al padre del Principe che ha condotto una vita avventurosa e tormentata.

2. Opera nel più antico teatro d’opera d’Europa

Un viaggio a Napoli probabilmente non sarebbe completo senza una visita all’Opera San Carlo, il teatro dell’opera più antico del mondo, tuttora in servizio. 
Inaugurato nel 1737, quindi, decenni prima della Scala di Milano e della Fenice di Venezia, il teatro dell’opera napoletano è una vera istituzione.  
Negli anni in cui fu costruito il Teatro San Carlo, l’Italia e Napoli erano l’epicentro della cultura musicale europea. 
Prima della sua annessione al Regno d’Italia nel 1861, Napoli era in effetti una delle città più opulente d’Europa, paragonabile per dimensioni a Parigi e Londra.
Compositori dell’epoca, come Haydn, Bach, Rossini, Donizetti e Mozart, passarono tutti per Napoli. 
La musica napoletana era considerata l’apice della moda e Napoli una fonte di ispirazione per il genio musicale.
Molti aspiranti musicisti si recavano a Napoli per perfezionare la loro tecnica. 
Persino il filosofo svizzero del XVIII secolo Jean-Jacques Rousseau si riferiva a Napoli come “la capitale del mondo musicale”, esortando i giovani artisti a “correre e volare a Napoli per andare ad ascoltare i capolavori” che venivano eseguiti lì.
Nel XIX secolo il San Carlo continuò a essere all’origine di nuovi orientamenti musicali con Puccini, Mascagni, Leoncavallo e Giordano.
Quindi, quale posto migliore per ammirare la grandiosità del passato se non in questo bellissimo teatro dell’opera dalla storia antica, sorseggiando un bicchiere di prosecco con piccoli stuzzichini nell’atrio, in attesa dell’inizio dello spettacolo?

3. Vista sul golfo di Napoli

A Napoli, ci sono numerosi punti panoramici da cui si gode una vista mozzafiato sul golfo e sul Vesuvio. 
Se stai pensando di soggiornare in un hotel in Via Partenope, consigliamo vivamente di pagare il piccolo extra per una camera con vista sul mare.  Non te ne pentirai.
Via Partenope è un delizioso lungomare sul quale troverai Castel dell’Ovo. Nelle vicinanze si trova anche la Fontana del Gigante, una fontana monumentale progettata nel XVII secolo da Michelangelo Naccherino e Pietro Bernini.
Quest’ultimo, è lo stesso che progettò la Fontana dei Quattro Fiumi di Piazza Navona a Roma, per il Palazzo Reale di Napoli, prima che fosse trasferito nella posizione corrente.
Un altro punto di vista panoramico è dall’ex monastero Certosa di San Martino situato sulla collina del Vomero, ora trasformato in un museo. 
I monaci certosini che abitavano il monastero commissionarono ai più grandi artisti del XVI e XVIII secolo, la decorazione del loro magnifico edificio. 
I giardini pensili della Certosa offrono una vista mozzafiato sulla baia.
Sempre al Vomero si trova la Villa Floridiana, che offre una vista altrettanto straordinaria sul golfo di Napoli.
 

4. Il castello nella città dei castelli

Un tempo conosciuta come “la città dei sette castelli”, Napoli è probabilmente la città con il maggior numero di castelli al mondo. 
Nel corso dei secoli la città è stata dotata di un sistema difensivo strategico costituito dalle seguenti fortificazioni: Castel Capuano, Castel dell’Ovo, Castel Nuovo (Maschio Angioino), Castel Sant’Elmo, Castello del Carmine, Castello di Nisida e Forte Vigliena.
Il più famoso dei castelli di Napoli è probabilmente il lungomare Castel dell’Ovo, la più antica fortificazione permanente della città.
E’ situato sulla penisola di Megaride (precedentemente un’isola), dove, secondo la leggenda, fu sepolto il corpo della sirena vergine Parthenope e fu fondato il primo nucleo della città, anche prima di Neapolis.
Un altro importante castello di Napoli è Castel Nuovo noto anche come sede reale del Maschio Angioino per i re di Napoli, Aragona e Spagna fino al 1815.
Poi c’è anche Castel Capuano, situato all’estremità sud-ovest di Via dei Tribunali e che ha dato il nome alla strada, poiché ai tempi di Don Pedro di Toledo questo castello era la Corte di giustizia della città.
Elina in centro a Napoli

5. Tre classici napoletani (oltre la pizza)

Oltre all’acclamata pizza napoletana, ci sono altre tre autentiche icone della città che probabilmente dovrebbero essere presenti nella tua lista di sapori: la mozzarella di bufala, la sfogliatella (dolce tipico per la colazione) e la tazzulella, una vera tazza di caffè napoletano.
Il babà napoletano

6. Gran Caffè Gambrinus

Ora che hai letto com’è un autentico caffè napoletano, potresti provarne uno al Gran Caffè Gambrinus. 
È anche uno dei caffè storici e letterari d’Italia. 
Fondato un anno prima del Regno d’Italia, il caffè contava tra i suoi clienti Giuseppe Verdi, Gabriele d’Annunzio, Oscar Wilde e Sartre.
Adornato con statue, stucchi e dipinti, l’elegante caffetteria serviva (e serve tuttora) bevande e stuzzichini in quello che è a tutti gli effetti, un centro di vita sociale e culturale. Qui, politici, artisti, intellettuali, turisti e gente del posto si mescolano con i cantanti d’opera che si esibiscono nel vicino teatro dell’opera San Carlo.
Prova il babà con panna di Gambrinus (con panna montata), uno dei migliori in città. 
Il nostro babà preferito personale, tuttavia, che si scioglie in bocca, è quello di Scaturchio, in Piazza S. Domenico Maggiore, non lontano dalla Cappella Sansevero menzionata in precedenza.
Vale la pena provare anche i loro cioccolatini con un ripieno “segreto”.

7. Maiolica nel centro della città

Nel centro della città vecchia si trova il sorprendente Chiostro di Santa Chiara, risalente al 1310.
La Chiesa è nel suo stile gotico originale con una semplice facciata, ma ciò che è ancora più sorprendente è il giardino di maiolica. Si tratta di un’oasi di piastrelle colorate che ricopre il giardino. Troverai caratteristiche colonne e panche ottagonali, raffiguranti decorazioni floreali (attribuite a Donato e Giuseppe Massa) e scene rurali, marittime e mitologiche.
Il giardino è diviso in quattro aree con due corsie che si intersecano secondo un piano realizzato da Vaccaro tra il 1739 e il 1742. 
Le pareti del chiostro sono ricoperte da affreschi seicenteschi raffiguranti santi, allegorie e scene dell’Antico Testamento.
Museo archeologico di Napoli

8. Il più grande centro storico della città in Europa

Dichiarato patrimonio mondiale dell’UNESCO nel 1995, il centro storico di Napoli è il più grande centro storico d’Europa, sviluppato attraverso 27 secoli di storia (dall’VIII secolo a.C. alla città spagnola barocca, quando la città iniziò ad espandersi verso ovest).
Il vero centro storico autentico di Napoli è costituito da due parti: la collina di Pizzofalcone, dove fu fondata la città di Parthenope nell’VIII secolo a.C., e l’area dei Decumani di Napoli dove fu rifondato il nuovo centro urbano di Neapolis nell’entroterra nel VI secolo. 
Quest’ultimo corrisponde grosso modo alle aree di via dei Tribunali e Spaccanapoli. 
Di conseguenza il centro originale di Parthenope venne chiamato Paleopolis, la “città vecchia”.
Invece, Neapolis, letteralmente “la nuova città”, si sviluppa tra Via Foria, Corso Umberto, Castel Capuano e Piazza Bellini. 
L’area dei Decumani di Napoli è costituita dalle tre strade principali disposte in epoca greca antica, che attraversano la vecchia Neapolis nella sua interezza. Abbiamo il decumano superiore, corrispondente all’attuale via della Sapienza; via dell’Anticaglia e via Santi Apostoli. Si continua sul decumano maggiore; il cuore dei Decumani di Napoli, corrispondente all’attuale Via dei Tribunali. In ultimo, il decumano inferiore, noto come Spaccanapoli in quanto la lunga strada divide Napoli in due parti.
Il fatto che la struttura originale risalente ai tempi dell’antica Grecia sia stato preservato nella sua interezza, rende il centro storico di Napoli piuttosto unico.
Marzia nei quartieri spagnoli

9. Icone peculiari di Napoli

In via dei Tribunali fai una sosta alla statua di Pulcinella, personaggio della Commedia dell’Arte e icona di Napoli, considerato anche un portafortuna.  Nella stessa strada troverai una delle famiglie di pizzaioli più famose di Napoli: Sorbillo.
Un’altra icona napoletana è la Fontana della Spinacorona, la più antica, ma meno famosa delle fontane Parthenope di Napoli, risalente al 1498.
Secondo la leggenda, la sirena vergine Parthenope era all’origine della fondazione di Napoli. 
È sul sito della sua tomba che i coloni greci fondarono il primo insediamento ancor prima della fondazione di Neapolis. 
Ancora oggi i napoletani sono conosciuti come “Parthenopeans” dopo il nome della vergine sirena (parthenos = vergine in greco).
La delicata Fontana della Spinacorona è l’unica fontana Parthenope ancora nella sua forma originale, che mostra la sirena con ali e zampe di uccello (prima di essere trasformata in una sirena nel Medioevo). 
A proposito, l’originale della fontana è ospitato nel Museo di San Martino di Napoli, un museo che merita una visita.

10. Tre dipinti del genio del chiaroscuro, Caravaggio

Napoli conta tre dipinti del grande artista Caravaggio, che da soli valgono un viaggio in città. 
Caravaggio fu un influente pittore dal 1590 al 1610, molto attivo a Napoli. Nel 1606 e 1609-1610 divenne famoso per il suo controllo della tecnica del chiaroscuro.
Era anche una personalità affascinante, considerata enigmatica, ribelle e spericolata.
I tre Caravaggio che si possono ammirare a Napoli sono:
Le sette opere di misericordia, a Pio Monte della Misericordia.
Il dipinto è stato appositamente commissionato e non si è mai spostato da Pio Monte della Misericordia.
La seconda opera è la Flagellazione di Cristo nel Museo di Capodimonte
Il martirio di Sant’Orsola, la sua ultima opera conosciuta, fu creato a Napoli nel 1610, a Palazzo Zevallos Stigliano.
Si prega di verificare sempre se gli ultimi due dipinti siano o meno in città, perché spesso vengono prestati ad altri musei e viaggiano molto.
San Biagio dei Librai

11. Le Macchine anatomiche e il Museo Anatomico

Alla Cappella Sansevero menzionata nel nostro primo punto ci sono anche le intriganti macchine anatomiche risalenti al 1700.
Sono costituiti da due corpi umani mummificati con sistemi vascolari e digestivi completi. 
I sistemi vascolari e digestivi sono stati preservati utilizzando un tipo speciale di processo di solidificazione. 
Le macchine anatomiche sembrano così irreali che molte guide ti diranno che le vene e le arterie sono fatte di materiale sintetico. 
Tuttavia, la cosa divertente è che le conoscenze mediche e anatomiche necessarie per ricostruire un sistema vascolare e digestivo così preciso e dettagliato mancavano ancora in quel momento.
Le autopsie complete erano ancora rare e il sistema capillare che collegava le arterie e le vene era stato scoperto negli animali solo nel 1661, da Marcello Malpighi, ma ci sarebbe voluto più di un secolo prima che la cosa diventasse conoscenza generale anche tra gli scienziati.
Quindi, immaginare che le macchine anatomiche siano state realizzate a mano più di duecento anni fa è ancora più surreale che accettare la teoria della ricetta segreta della “pietrificazione”.
Un dettaglio orribile è che non si sa se questa “operazione” sia stata eseguita prima o dopo la morte dei soggetti.
Vale la pena ricordare anche il museo di anatomia di Napoli (Museo Anatomico della Seconda Università), uno dei più antichi e importanti del suo genere al mondo. 
Presenta alcuni strumenti e campioni medici molto rari, pur essendo uno dei pochi aperti al pubblico (pochi giorni alla settimana), poiché spesso questi tipi di musei sono strettamente riservati a studenti e studiosi.

12. Il culto del cranio napoletano

Napoli ha sempre avuto un rapporto particolare con la morte. 
A Napoli esiste il culto popolare delle capuzzelle.
Si tratta della devozione materializzata di una parte tangibile del defunto, il cranio. 
I napoletani pregano per i loro morti tanto quanto pregano i loro santi.
Il culto del cranio napoletano fu attivo dal 1605 al 1959, fino a quando il culto e la manipolazione di teschi, furono messi fuorilegge dalla Chiesa principalmente per motivi sanitari.
L’origine di questo culto si trova probabilmente nella Chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, in Via Tribunali. Tuttavia, esistevano altri tre luoghi a Napoli dove questo culto era praticato: il Cimitero delle Fontanelle, San Pietro ad Aram e Santa Luciella a San Biagio.
Elina con la capuzzella

13. Quartieri Spagnoli

Un’altra parte, storicamente più recente, di Napoli che è ancora considerata parte della vecchia Napoli sono i Quartieri Spagnoli. 
A lungo considerata la famigerata e popolosa parte di Napoli, questa parte unica della città fu creata nel 1563 per posizionare le guarnigioni militari spagnole, da cui il nome. 
Le truppe spagnole erano state reclutate per frenare possibili rivolte della popolazione napoletana.
I Quartieri Spagnoli sono una griglia di strade strette e affollate disposte come una scacchiera dal politico spagnolo e primo viceré di Napoli, Don Pedro de Toledo. 
Alcune delle strade labirintiche sono collegate da scale e così strette che la luce del giorno raggiunge a malapena i muri. 
La parte più colorata è quella immediatamente adiacente a Via Toledo.
Diverse strade dei quartieri spagnoli, sono state decorate con opere dedicate a Sophia Loren, Totò, Pino Daniele, Diego Maradona e altre celebrità della cultura napoletana. 
Questo quartiere, è un set cinematografico all’aperto e alcuni film famosi sono stati effettivamente girati qui come “Matrimonio all’italiana” di Vittorio De Sica con Sophia Loren e Marcello Mastroianni.
Non puoi perdere una visita ai Quartieri Spagnoli!
Nel caso in cui tu faccia una passeggiata, assicurati di controllare il tuo itinerario in quanto puoi facilmente perderti nel labirinto di strade strette. 
Per lo stesso motivo non consigliamo di visitare il quartiere dopo il tramonto.  
 
Nei pressi di Via Toledo a Napoli – quartieri spagnoli

14. Le famose strade celebrate da Flaubert e Stendhal

Descritto da Flaubert come “una lunga passeggiata di querce verdi, gli alberi che formano un tunnel e il mormorio delle onde sullo sfondo” Via Chiaia è abbastanza diversa dalle altre strade di Napoli. 
L’atmosfera descritta dall’autore è ancora visibile nella prima parte della strada che collega il lungomare con Piazza del Plebiscito e che presenta ancora il “tunnel degli alberi” come descritto da Flaubert.
Via Toledo, descritta dallo scrittore francese Stendhal come indimenticabile, inizia nel quartiere reale e si estende fino al Museo Archeologico.

15. Quartieri alti chic

Posillipo è uno dei quartieri chic in cima alla collina di Napoli. 
La bella strada che porta a Piazza San Luigi da Posillipo dal centro di Napoli, è fiancheggiata da lussuose ville. 
Il nome della Chiesa di Santa Maria di Bellavista testimonia delle viste mozzafiato che si possono ammirare da solo da qui.
Da vedere in cima alla collina è il Parco Virgiliano. 
Fu chiamato così perché si ritiene che sia qui che Virgilio fu sepolto. 
Mentre questa è probabilmente una leggenda, il parco ospita il luogo di sepoltura di Giacomo Leopardi.
Anche una delle ville iconiche di Napoli, Villa Donn’Anna si trova a Posillipo. 
Marechiaro, invece, è un piccolo borgo situato nel quartiere Posillipo punteggiato da scorci meravigliosamente romantici.
Quartiere di Chiaia Napoli

16. Canzoni tipiche napoletane

Napoli è probabilmente l’unica città al mondo che può essere orgogliosa di avere diverse canzoni in lingua locale che sono diventate incredibilmente popolari all’estero. 
La canzone “O sole mio”, risalente al 1898, è stata coverizzata da Elvis come “It’s Now or Never”.
La canzone “Funiculì Funiculà”, originariamente composta nel 1880 per celebrare l’apertura della prima funicolare sul Vesuvio, fu resa popolare dai compositori Richard Strauss e Rimsky-Korsakov, e più recentemente da Disney e Il Volo.

17. La Smorfia

Magia e superstizione sono state un tema costante nella cultura napoletana. 
Una delle espressioni tipiche di questa tradizione è la smorfia. 
Sebbene presente in tutta Italia in diverse versioni, la smorfia è davvero tipicamente napoletana. 
È un sistema utilizzato per convertire i sogni e gli eventi della vita quotidiana in numeri che vengono poi utilizzati per giocare alla lotteria.
L’interpretazione degli eventi non è semplice perché possono entrare in gioco molte interpretazioni metaforiche e contestuali.
Per capire Napoli, si deve cogliere un po’ dei significati dietro la smorfia.  

18. Alta sartoria 

Mentre Milano è acclamata a livello internazionale come la capitale della moda in Italia (anche se alcuni dei più famosi designer italiani provengono da Roma e Firenze), Napoli è la capitale storica della sartoria e dell’abbigliamento maschile in Italia. 
Per secoli Napoli è stata lodata per la sua impeccabile sartoria e cravatte fatte a mano.
Le botteghe artigiane a conduzione familiare vivono di generazione in generazione. 
In tutta la lavorazione, i pezzi sono tagliati a mano con le forbici e quasi interamente cuciti a mano.

19. La “strada del presepe” di Napoli

San Gregorio Armeno è famosa per i suoi negozietti che vendono piccole figure intagliate a mano appositamente realizzate per i presepi. 
San Gregorio Armeno
Elina e Pino Daniele
 

20. Opere d’arte uniche 

Con le sue collezioni archeologiche uniche, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, è uno dei musei più antichi e importanti al mondo.
Il primo impulso per il museo fu dato quando Carlo III di Borbone promosse gli scavi di Pompei. 
All’incirca nello stesso periodo desiderava anche allestire un Museo Farnesiano unico basato sulla ricca collezione ereditata da sua madre Elisabetta Farnese. 
Fu suo figlio Ferdinando IV a scegliere la posizione attuale per ospitare sia le reliquie di Pompei che la collezione Farnese.
Nel 1957, quando tutti i dipinti del museo furono trasferiti a Capodimonte, il museo fu rinominato in base alla sua unica identità di Museo Archeologico.
Oltre a collezioni archeologiche uniche, tra cui alcuni dei più bei mosaici delle ville di Pompei, e la sua camera segreta, il museo ospita alcune importanti opere d’arte come il Toro Farnese, Ercole Farnese e Afrodite Kallipygos.
Marzia e Pulcinella
Marzia e l’iconica Pulcinella

E la pizza napoletana?

Naturalmente, una parte imperdibile della cultura napoletana è la famosa pizza. 
Dato che Napoli è il luogo di nascita della pizza, difficilmente puoi escludere questo punto.
In questo articolo, abbiamo scelto di dare priorità ad altri punti di interesse. 
Se questa è la tua prima volta a Napoli, scegli una pizza tradizionale: una margherita (condita con pomodori, mozzarella e basilico) o una marinara (con pomodori freschi, aglio e origano).
Così potrai assaporare davvero quella che è un’opera d’arte.
La meraviglia della pizza napoletana, sta nella sua semplicità e nella qualità dei suoi ingredienti base.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:

Mostra Stadio Maradona: la stazione della Cumana a Napoli dedicata al pibe de oro

Cosa vedere a Napoli in un weekend
Estate 2020: 10 motivi per il turismo di prossimità in Italia
10 motivi per visitare Torino
Diffondi il verbo!

2 risposte

  1. Dovevo andarci ad inizio aprile… ma adesso ho qualche dritta in più su cosa vedere a Napoli. Mi piacerebbe vedere le opere di Caravaggio!

    1. Napoli è una città che sa svelarsi piano piano e dai mille segreti. Ogni volta che ci torniamo, ci auguriamo di rivederla al più presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *