9 agosto 2020: Nagasaki 75 anni dopo la bomba atomica

Tempo di lettura: 4 minuti

9 agosto 2020: Nagasaki 75 anni dopo la bomba atomica

Recentemente abbiamo raccontato del nostro pellegrinaggio a Hiroshima, in occasione del 75 esimo anniversario della bomba atomica, avvenuto il 6 agosto.
Molti di noi, idealmente, uniscono il nome di Hiroshima, con un’altra città giapponese: Nagasaki.
In effetti, la seconda bomba atomica del 1945, colpì anche questa città collocata a circa 400 chilometri di distanza. L’ordigno nucleare colpì Nagasaki in un’altra data: proprio oggi, 9 agosto.
ragazza giapponese fra macerie nagasaki
9 agosto 1945: Nagasaki viene colpita dalla bomba atomica. Una ragazza giapponese visita le macerie

Nagasaki celebra il 75 esimo anniversario della bomba atomica con una funzione cristiana nella chiesa di Urakami

In occasione di questa triste ricorrenza, circa 250 persone hanno partecipato ad una messa cristiana.
La celebrazione ha onorato le vittime del bombardamento atomico di Nagasaki nella chiesa di Urakami.
La cattedrale fu ricostruita sulle macerie della distruzione di quella originale, causata dal bombardamento del 9 agosto del 1945.
fronta cattedrale Uramaki nagasaki
La cattedrale di Uramaki oggi

Nagasaki centro dei Kakure Kirisan

Anche se oggi Nagasaki è una bella cittadina moderna, il suo passato è stato più che travagliato.
Nagasaki di notte
Nagasaki oggi
Nagasaki è un città dalla storia religiosa particolare. Infatti nel 1568, il Daimyo Omura Sumitada si convertì dallo Shintoismo al Cristianesimo.  Tuttavia, soltanto qualche decina di anni dopo, a causa di un cambio di regime politico, i cristiani iniziarono ad essere perseguitati e uccisi ed il cristianesimo proibito.
A seguito a questi eventi, molti si trovarono a praticare clandestinamente il Cristianesimo.
Per questo, l’area di Nagasaki divenne la principale area dei Kakure Kirisan (cristiani nascosti).
i resti del bmbardamento a Nagasaki
Edifici sventrati a Nagasaki
Durante la messa del 9 agosto 2020, il sacerdote Daichi Miyahara, ha illustrato diversi aneddoti di solidarietà e di fede, rimasti impressi nella memoria di quei giorni bui della storia del Giappone.
fungo atomico bn giappone

Perché gli americani hanno colpito Nagasaki con la bomba atomica durante la Seconda Guerra Mondiale?

Nagasaki, nella prima metà del XX secolo, era un fiorente polo commerciale e industriale.
Infatti, in quel periodo diverse fabbriche, miniere ed acciaierie avevano collocato in questa zona le loro sedi, in particolare la Mitsubishi.
Quindi la scelta della seconda città del famigerato piano Manhattan, cadde su Nagasaki.
Tuttavia, bisogna ricordare che la sorte giocò contro Nagasaki, dato che gli americani non l’avevano inizialmente scelta.
Gli americani desideravano colpire un’altra città: Kitakyushu-Kohura. Tuttavia, a causa delle cattive condizioni meteorologiche, gli USA dovettero optare per Nagasaki, obiettivo altrettanto attraente.
vista su battleship island nagasaki
Hashima, la “Battleship Island”

Nel 75 esimo anniversario della bomba atomica la città di Nagasaki rinnova la richiesta di divieto di armi nucleari

Nonostante queste tristi pagine nella storia dell’umanità, sembra che i governi di diversi paesi, soprattutto quelli dell’area Asia- Pacifico, stiano operando una nuova corsa agli armamenti.
Come abbiamo detto altrove, se un paese si dota di ordigni nucleari, anche altri li vorranno.
E scegliere di avere questo tipo di armi, porta con sé l’idea che potrebbero essere utilizzate.
Il Giappone non fa eccezione.
statua giapponese bn rovine Nagasaki
Le rovine di Nagasaki
Per questo, gli attivisti di Nagasaki, continuano a chiedere al loro paese il divieto di armi nucleari, mentre si profila una nuova corsa agli armamenti. Mai in un momento così difficile a livello globale, è doverosa una riflessione generalizzata sugli armamenti nucleari.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *