Airbnb: quando l’host non ti aiuta

Tempo di lettura: 3 minuti

Airbnb: quando l’host non ti aiuta

Scegliere un Airbnb piuttosto che un hotel può essere davvero conveniente, ma non è una soluzione sempre vantaggiosa. Se la scelta non viene fatta nel modo accurato, potrebbero verificarsi dei problemi, soprattutto nei momenti di emergenza. 
Ciò significa che potrebbe essere necessaria una pianificazione più ponderata per aiutare a ridurre lo stress e farvi godere al meglio il tempo libero, soprattutto viaggiando all’estero.
Negli ultimi anni, abbiamo alloggiato in appartamenti Airbnb ad Amsterdam, Lione, Copenhagen ed in molte altre città.
Ovunque potrete trovare soluzioni su come stare al sicuro, compresi i suggerimenti di Airbnb. Non sempre però si toccano alcuni argomenti che sono fondamentali quando non è scontato che l’host vi aiuti come succederebbe in un hotel.
Ecco alcuni suggerimenti che abbiamo imparato lungo la strada, su come prepararsi al peggio, quando non c’è una reception a risolvere i problemi.

Le recensioni sono fondamentali

Questo potrebbe sembrare abbastanza ovvio, ma non tutti pongono la giusta attenzione. Cercate di capire davvero dove alloggerete. 
Di solito sono preferibili Airbnb con molte recensioni positive ed un punteggio molto alto. Leggete attentamente queste recensioni e non solo una o due, ma almeno una decina. Più elementi avrete, più riuscirete a prendere una decisione ponderata.
 

La sicurezza

Negli alberghi, esiste un servizio abbastanza standard: una piccola cassaforte per documenti importanti.

Le cassette di sicurezza non sono molto comuni negli Airbnb. Se per voi è una priorità, per esempio, dovrebbe essere uno dei criteri di scelta. All’arrivo, fatevi mostrare la cassaforte ed il suo funzionamento. Molti di noi hanno bisogno di poter custodire in sicurezza documenti importanti, denaro o carte di credito che non si vogliono portare dietro. Potete acquistare una piccola cassaforte portatile, adatta al vostro bagaglio a mano. Ne esistono con chiave o con codice.

Le porte

Se avete un po’ d’esperienza in condivisioni domestiche, saprete che ci sono migliaia di tipi di porte con diversi meccanismi di chiusura.
Prendetevi un minuto in più quando arrivate per fare in modo che il vostro host chiarisca come funzionano le cose, in modo da non chiudervi dentro o fuori o facilitare l’ingresso agli ospiti indesiderati.
Durante il nostro ultimo soggiorno a Londra, non abbiamo bloccato la seconda porta e abbiamo rischiato che entrassero sconosciuti. La serratura era difettosa e abbiamo rischiato di rimanere chiuse fuori. 

Emergenza sanitaria

Senza l’aiuto dello staff di un hotel, in caso di emergenza sanitaria, sarete da soli.
Ciò rende particolarmente importante sapere come ottenere assistenza sanitaria in fretta.
Un mio amico ha imparato quella lezione quando suo figlio ha chiuso un dito nella porta di un Airbnb a Barcellona.
Fortunatamente, sono arrivati ​​rapidamente in ospedale; è importante essere preparati per un problema di salute. In tal senso, assicuratevi che esista in casa un kit di pronto soccorso, oppure portatelo voi da casa.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:
Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!