Tempo di lettura: 2 minuti

Bonus vacanze 2020: come funziona?

Il Decreto previsto dal Governo a rilancio dell’economia causato dalla crisi della pandemia Coronavirus, contiene anche un contributo per rilanciare il turismo del nostro paese, settore martoriato dalla situazione.
Conte ed il suo staff, hanno previsto un bonus vacanze 2020 da 500 euro. Ma come funziona?

Chi potrà usufruire del bonus vacanze 2020?

Il bonus vacanze fino a 500 euro, riguarda tutte le famiglie con Isee inferiore a 40 mila euro.
Potrà essere usato dal primo luglio 2020 al 31 dicembre 2020, esclusivamente in ambito nazionale.
Potrà essere speso in hotel, campeggi, bed & breakfast, agriturismi e villaggi vacanze.
Non funzionerà se prenotate tramite piattaforme come Booking o Expedia.
Il Decreto Rilancio prevede aiuti per 55 miliardi a famiglie e imprese, per supportare una buona parte della popolazione che in queste ore sta vivendo un tragico impoverimento.
Una misura, questa, approvata assieme ad altre norme dal ministro Franceschini.
La somma del bonus, verrà modulato in base al numero dei componenti della famiglia.
L’importo più alto di 500 euro, riguarderà le famiglie composte da tre o più soggetti, mentre 300 euro, saranno il bonus per le famiglie composte da due persone.  150 euro, infine, per le famiglie costituite da una persona.

Come viene calcolato lo sconto sul soggiorno?

Come abbiamo ricordato, il bonus vacanze potrà esser usato dal primo luglio al 31 dicembre: 80% come sconto sulla spesa in struttura e 20% come detrazione da imposta su reddito.
Per quanto riguarda le strutture ricettive, questo credito potrà essere ceduto ai creditori come fornitori, o privati, ma anche ad intermediari finanziari e istituti creditizi.

Come richiedere il bonus vacanze?

Per richiedere il bonus vacanze 2020, occorre rivolgersi all’INPS, non appena sarà pubblicato il bando ufficiale con tutte le indicazioni del caso.

Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:
Fase 2 Covid-19: quando e come viaggeremo in aereo?
Il Cammino di Santiago ai tempi del Coronavirus
Coronavirus: la “sindrome della capanna” nella Fase 2
Diffondi il verbo!

2 risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *