Tempo di lettura: 3 minuti

Come la Corea del Sud ha fermato il Coronavirus

La Corea del Sud in questi giorni, ha registrato il suo primo giorno senza nuovi contagi di Covid-19, trasmessi localmente. Non succedeva dalla metà di febbraio.
Ha registrato solamente quattro nuovi casi, ma riguardava persone provenienti dall’estero, che sono state intercettate all’arrivo e messe in isolamento.
In numero totale di casi confermati nel paese a 10774.
È una pietra miliare importante per un paese che una volta era tra i maggiori hotspot di virus al mondo, ma arriva dopo sforzi significativi  e sorprendentemente, senza un blocco totale.

Cosa è successo in Corea del Sud?

La Corea del Sud ha visto un enorme aumento del numero di infezioni a febbraio, dopo che un gruppo religioso nella città di Daegu è stato identificato come focolaio del virus. Infatti, un membro della chiesa di Gesù Shincheonji aveva contagiato dozzine di altri e migliaia di casi sono stati successivamente ricollegati alla chiesa.

Test a tappeto

Il governo ha reagito lanciando una massiccia campagna di test.
Nell’ambito della messa a disposizione dei test liberamente, sono state istituite cliniche drive-through in tutto il paese. 
Qui, i conducenti sono sottoposti a test dalle loro auto nella capitale, Seoul.
L’enorme numero di test ha comportato un rapido aumento del numero di infezioni della Corea del Sud, ma anche che le autorità sono state in grado di trovare rapidamente coloro che erano stati infettati, isolarli e curarli.

La tracciatura dei casi

La Corea del Sud ha anche iniziato a tracciare i contatti in modo aggressivo tramite app, trovando persone che avevano interagito con un caso confermato, isolando e testando anche loro.
Quando qualcuno risulta positivo, le autorità inviano un avviso a coloro che vivono o lavorano nelle vicinanze.  Per la gente è diventata presto un’abitudine, ricevere una raffica di questi messaggi dalle autorità.
I casi collegati al cluster di Shincheonji a un certo punto rappresentavano circa la metà del totale della Corea del Sud.
 A tutte le chiese della Corea del Sud fu ordinato di chiudere mentre i funzionari combattevano per frenare le riunioni pubbliche.

Chiese e ristoranti

Oggi le chiese sono state riaperte, ma i fedeli sono ancora tenuti a mantenere le distanze e a indossare le mascherine.
E queste regole si applicano anche agli studenti, assicurandosi che non ci siano possibilità di contatto (e ancor meno possibilità di barare).
La pausa pranzo non è più un momento di socializzazione e ritrovo con gli amici nelle caffetterie e nei ristoranti della Corea del Sud. 
Sono stati installati schermi protettivi e sono state introdotte pause pranzo sfalsate per tenere le persone separate.
Tuttavia, non è chiaro se tutti i ristoranti e i caffè aderiscano a regole così rigide, sebbene ai sudcoreani sia stato ancora detto di praticare l’allontanamento sociale.

 

Una nuova normalità

Ma per molti, la vita sembra tornare a una nuova normalità.  Le persone sono in giro per le strade, ma la temperatura viene sempre misurata, prima di essere ammesse ad eventi o all’ingresso degli edifici.

Le elezioni di aprile

E’ stata comunque la chiamata elettorale, all’inizio di questo mese che ha davvero testato la capacità della Corea del Sud di contenere il virus.
Migliaia di persone si sono messe in fila davanti ai seggi elettorali il 15 aprile per votare alle elezioni dell’Assemblea nazionale. 
Hanno ricevuto guanti di plastica ed è stata controllata la temperatura, prima che gli elettori entrassero nei seggi elettorali.
Si temeva che il voto potesse causare un picco nel numero di casi, ma dopo due settimane è evidente che non sia successo.
Inoltre, il partito al potere ha ottenuto una clamorosa vittoria, indicando il sostegno pubblico per la gestione della crisi.

Trasporto pubblico e scuole

Il paese è anche riuscito a mantenere il trasporto pubblico relativamente privo di virus.
Le stazioni della metropolitana sono state meticolosamente pulite e disinfettate in modo che i pendolari possano respirare facilmente.
Il baseball, che è estremamente popolare in Corea del Sud, continua a svolgere le sue partite, sebbene a porte chiuse.
I fan non sono ammessi, agli arbitri è stato detto di indossare guanti.
Gli alunni sono tornati a scuola, ma solo virtualmente. Le aule rimangono vuote anche e le lezioni sono ora condotte online.
 “Stiamo di fatto aprendo una nuova strada”, ha detto il primo ministro Chung Sye-kyun quando le lezioni sono riprese a metà aprile.
 “Mireremo a garantire che l’apprendimento a distanza vada bene, ma alla fine faremo del nostro meglio per stabilizzare la pandemia di Covid-19 in modo che i nostri bambini possano andare a scuola.”
Le rigide misure adottate dalla Corea del Sud in diversi aspetti della vita quotidiana, le hanno permesso di tenere sotto controllo l’epidemia.
Chiunque si rechi nel paese dall’estero, è sottoposto a 14 giorni di quarantena.
Tuttavia i funzionari sono cauti.
Il Centro coreano per il controllo delle malattie ha affermato che fino a quando non vi sarà un vaccino, sarà inevitabile avere nuovi focolai di Covid-19.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:
Corea del Nord: Kim Jong-un è davvero morto?
Spagna: effetti psicologici del blocco sui bambini
Germania: misure allentate ma l’epidemia Coronavirus riparte
Diffondi il verbo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *