Come superare la paura del fallimento

Tempo di lettura: 5 minuti

Come superare la paura del fallimento

Come avrai capito, Traveltherapists non è solo un blog di viaggio. O meglio, noi siamo qui per parlare del viaggio a 360 gradi e perché no, ad aiutare anche chi ci segue a provare a migliorare la propria vita. Vivere potendo gestire il proprio tempo e guadagnando onestamente, si può. Ed è una cosa talmente bella, che vogliamo fartela conoscere. Altrove, abbiamo già parlato dei nomadi digitali.
Se deciderai d’intraprendere l’avventura per lavorare da remoto, la prima battaglia che dovrai affrontare sarà quella contro te stesso/a. Te lo dico perché ci sono passata. Dubbi e paure inizieranno a insinuarsi nella tua mente.
Internamente puoi iniziare a mettere in discussione le tue abilità, la tua capacità di esecuzione. Ti chiederai se sei abbastanza degno/a, e se sei abbastanza esperto/a.
Sarà inevitabile chiedersi: “E se fallissi?”
Già. E se fallissi?
La possibilità di fallire, esiste. Ma non solo in questo caso. Potresti non essere adeguato in qualsiasi lavoro. Ma lavorare da nomade digitale, cambia le carte in tavola. Il fatto di doverti autogestire cambierà fondamentalmente il tuo approccio alla vita e la tua routine.
Riflettiamo su questa cosa e scopriamo insieme come superare la paura del fallimento.

Che cos’è la paura del fallimento?

La paura del fallimento è un enorme blocco che impedisce a molte persone di perseguire i loro sogni e, nella fattispecie, di lavorare da remoto da qualsiasi parte del mondo. Ti blocca: certo non ti uccide, ma fa leva sulle tue ansie. Lentamente ti spegne, consumando le tue energie.
Se ci immergiamo più in profondità, possiamo pensare alla domanda: “Cosa accadrà se fallirò?” Piuttosto che il fallimento stesso, la più grande paura della maggior parte delle persone è ciò che le altre persone penseranno se fallisci. Logicamente è una paura inerente alla tua persona. Potrei parlare dell’effetto spotlight. Hai presente il faro proiettato su un attore nel buio di un teatro? In psicologia sociale, si tratta della tendenza a sopravvalutare il grado di attenzione che le persone stanno avendo nei nostri confronti, aspetto e comportamento, proprio come se in quel momento fossimo illuminati da quella luce.
Ti svelo un segreto: forse gli altri non sanno che esisti e se dovessero sospettarlo, magari non sei il primo dei loro pensieri!

Il fallimento è quando decidi di arrenderti

Innanzitutto, definiamo il fallimento. Il fallimento, in poche parole, è quando decidi di arrenderti.
Durante il viaggio per lavorare in remoto, potresti inciampare e cadere lungo la strada. Infatti, è inevitabile affrontare una sorta di blocco. Il potere sta nell’apprendere dal blocco. Si tratta di una volontà di imparare e crescere da quegli stop che ti può dare la vita.
Le lezioni di apprendimento lungo la strada, non sono fallimenti. Potrebbero richiedere di intraprendere un percorso più lungo o più impegnativo, ma portano comunque allo stesso risultato. Il risultato che otterrai ogni volta che cadrai e ti rialzerai, avrà un gusto di vittoria, impagabile.
Così tante persone confondono un blocco o un’opportunità di apprendimento, come un fallimento. Non lo sono. Sono lezioni per aiutarti a crescere e migliorare in ciò che stai facendo.
Il fallimento è quando SCEGLI (la parola chiave è “scegliere”) di rinunciare a perseguire un obiettivo.

Qual è lo scenario peggiore che puoi immaginare?

Consideriamo ora lo scenario peggiore con alcuni dei blocchi di cui abbiamo parlato prima. Lo stiamo considerando proprio per esaminare la tua paura e capire insieme come superare la paura di fallire.
Supponiamo che tu sia un po’ più avverso/a al rischio, ma scegli di lanciarti nello stile di vita dei nomadi digitali come ho fatto io, senza un piano specifico. Dovrai trovare un piano di vita in poche settimane per sbarcare il lunario.
Passando attraverso questo viaggio diventa un gioco ciò che sei disposto a fare o disposto a rinunciare per rendere questo obiettivo una realtà. Io ero disposta a investire in un nuovo pc e nuova attrezzatura.
Tuttavia, cosa potrebbe succedere nel caso in cui non avessi abbastanza soldi per iniziare? Cosa sarebbe successo?
Il tuo ego ne uscirebbe male. Ma non devi però scoraggiarti, al massimo torni a casa tua e ricominci da li.

Il disagio ti ricompenserà

Lascia che ti dica questo: essere in grado di avere la libertà di lavorare da remoto da qualsiasi parte del mondo, supererà qualsiasi momento di “frantumazione dell’ego”. La tua tenacia e dedizione verso il raggiungimento di un obiettivo ti aiuterà ad andare fino in fondo.
La paura impedirà a più persone di realizzare i propri sogni, più di quanto non faccia mai il fallimento, perché la paura ti impedisce di iniziare; il fallimento si verifica solo quando ti arrendi.
Se stai già vivendo il tuo scenario peggiore, perché non rischiare? Per esperienza personale, posso dirti che il viaggio vale sempre la pena. Ora riesco a vivere uno stile di vita che avrei sempre sognato prima. Non sono nata così. Ho fatto una scelta per perseguire un grande obiettivo e l’ho seguito con tutta me stessa.
Quindi chiediti:
– “qual è il mio scenario peggiore?”
– “Le mie paure sono motivate dall’ego o sono paure legittime?”

Il fallimento è una condizione contemporanea

Di’ a te stesso/a che il fallimento è solo una condizione temporanea. Dopo un fallimento, devi tornare indietro e ripartire per conquistare il tuo obiettivo finale. Il fallimento può insegnarti molto su te stesso/a e aiutarti a realizzare cose che potresti non aver notato in precedenza.
Devi anche mettere le cose in prospettiva: ripeti a te stesso/a che questo fallimento può aiutarti a ricominciare da capo, che potresti aver iniziato sulla strada sbagliata.
Riconsidera le tue motivazioni, ma segui sempre le tue passioni, qualunque cosa accada. Per mettere le cose in prospettiva, puoi anche fare un elenco di tutti i diversi scenari che potrebbero accadere, un po’ come abbiamo detto prima. Quello che è realmente accaduto non è poi così terribile!
Il mio consiglio è di perseguire il tuo sogno e arriverai a realizzarlo un po’ per la legge dell’attrazione! Ne avrai sentito parlare: pensare a cose negative, non fa che attrarle e peggiorare il tuo umore. Immaginare cose buone, ti aiuta a visualizzarle e magari a darti quella spinta essenziale per raggiungerle.
Non avere paura di fallire.
E se dovessi incorrere in un fallimento, riutilizzalo per il tuo fine.
Elina Sindoni
Altro, in questo blog di viaggio:
Diffondi il verbo!