Tempo di lettura: 6 minuti

 

Consigli per viaggiatori disabili

I tempi sono cambiati per i viaggiatori che usano la sedia a rotelle, sono ipovedenti o non udenti o hanno un’altra disabilità, questo è certo. Negli ultimi 30 anni, l’esperienza di viaggio per le persone disabili è sicuramente migliorata, ma occorre fare ancora molta strada, soprattutto per l’esperienza in treno ed in generale, i viaggi in aereo. In questo articolo, noi di Traveltherapists desideriamo fare il punto della situazione sui viaggi per disabili e dare qualche consiglio. Il viaggio è una bellissima possibilità e noi crediamo debba esser alla portata di tutti.

Consigli tecnici per i viaggi in aereo

I viaggi in aereo possono causare molta apprensione sia ai viaggiatori esperti che ai principianti.  Se state prendendo quel volo con la vostra sedia a rotelle,sicuramente sarete soggetti ad un ulteriore livello di stress.

Le persone spesso parlano della bellezza del viaggio in sé, ma per gli utenti su sedia a rotelle, prendere un aereo è spesso più un’avventura di quanto vorrebbero.
Muoversi attraverso grandi aeroporti affollati, trasportare bagagli e aspettare in lunghe file. Poi essere posti su una minuscola sedia nel corridoio e stare seduto per ore, incapaci di muoversi è davvero estenuante.
Abbiamo imparato che il modo migliore per aggirare alcune delle inevitabili questioni è sapere cosa aspettarsi e prepararsi di conseguenza.

Cosa ricordare prima di prenotare

Prima di fare clic sul pulsante di acquisto, anche i viaggiatori esperti dovrebbero ridare un’occhiata alle politiche della compagnia aerea in merito ai passeggeri con disabilità.

I viaggiatori, in particolare quelli che non possono trasferirsi da una sedia a rotelle al proprio posto in modo indipendente, potrebbero optare per il sedile del corridoio. I posti più spaziosi della paratia potrebbero essere un’opzione per alcuni, basta essere consapevoli che i braccioli non si alzano. Inoltre, tenete presente che gli utenti su sedia a rotelle escono per ultimi dall’aereo. Il processo di uscita dall’aereo, può facilmente richiedere 25 minuti o più, quindi al momento della prenotazione di un volo in coincidenza, calcolate sempre molto tempo (almeno 90 minuti). Considerando che una sosta veloce potrebbe essere la vostra unica opportunità di andare in bagno, quei pochi minuti in più sono preziosi. Dopo aver prenotato il volo, contattate la compagnia aerea almeno 48 ore prima della partenza, per far loro sapere che avrete bisogno di assistenza speciale. Se dovete cambiare compagnia aerea, cosa che può essere comune sui voli internazionali, assicuratevi di avvisare anche loro.

 

Evitare danni alla sedia a rotelle

Potete aiutare a prevenire danni alla sedia a rotelle allegando istruzioni scritte che spiegano come utilizzare la sedia, come si piega e si inclina.  Prima di consegnare una sedia a rotelle al personale dell’aeroporto, togliete eventuali parti rimovibili come il cuscino del sedile, le ruote (se possibile) e i poggiapiedi. Questi pezzi possono essere trasportati sull’aereo e non contano come bagaglio. Sarebbe meglio trasportare il minor numero di bagagli possibile. Prendete in considerazione l’acquisto di una valigia progettata per essere agganciata a una sedia a rotelle. Infine, ispezionate sempre attentamente la vostra sedia a rotelle per eventuali danni quando vi viene restituita e informate immediatamente la compagnia aerea se c’è qualche problema.  Documentate eventuali danni riscontrati con foto. Sarà più facile quando invierete alla compagnia aerea, la vostra eventuale richiesta di risarcimento.
 

Il problema dei servizi igienici

Molti voli nazionali sono su aerei a corridoio singolo che raramente hanno bagni accessibili a bordo. Anche se gli aerei più larghi (quelli a due navate) devono avere un bagno accessibile, la configurazione stretta degli stessi, non funziona per molti viaggiatori con disabilità.
Per evitare problemi, confermate sempre prima della partenza che porterete con voi una sedia a rotelle a bordo.
Gli assistenti di volo possono accompagnarvi in bagno, ma ricordate che non vi aiuteranno nel trasferimento in bagno o nella cura personale.
Meglio ancora, considerate che gli aeroporti nazionali devono avere servizi igienici accessibili in tutti i terminal; starete sicuramente meglio usando il bagno prima di partire.
Tuttavia, alcuni aeroporti piccoli o più vecchi potrebbero non averli. Il personale del banco informazioni in aeroporto può guidarvi verso un bagno accessibile. Oppure potete studiarvi la struttura del terminal su una mappa vicina, o sullo smartphone prima di partire per trovare il bagno accessibile più vicino.
Alcuni viaggiatori potrebbero scegliere di utilizzare un catetere o indossare indumenti intimi protettivi.

Cosa fare una volta arrivato all’aeroporto

All’arrivo in aeroporto, ricordate alla vostra compagnia aerea che avete bisogno di assistenza per sedie a rotelle.
Una volta arrivati al gate, comunicate all’agente che siete disabile e volete pre-imbarcarvi.
I passeggeri che non sono in grado di camminare, vengono trasferiti su una sedia stretta e con schienale alto con cinturini di sicurezza.  La misura di pre-imbarco consente alle persone con disabilità il tempo o l’assistenza aggiuntiva di cui hanno bisogno, per raggiungere i loro posti.

Cosa fare se le cose vanno male

Se riscontrate un problema di accesso all’aeroporto e la compagnia aerea non è in grado di risolverlo, chiedete di parlare con il funzionario addetto alla risoluzione dei reclami.
Ogni vettore aereo deve avere uno o più disponibili sul posto o essere disponibile al telefono.  

Fatevi aiutare dalle compagnie aeree

Come abbiamo detto, chiedere assistenza alla compagnia aerea, al momento della prenotazione o pochi giorni prima del viaggio, renderà il vostro viaggio in aeroporto molto più semplice. Molte compagnie aeree lavorano in questo modo: designano un dipendente che vi incontrerà sul marciapiede al vostro arrivo o al check-in. Vi guiderà attraverso i controlli di sicurezza. Potete anche richiedere assistenza quando atterrate a destinazione.

Di solito non è previsto alcun addebito per questo servizio, ma le politiche variano a seconda della compagnia aerea e possono dipendere dal personale disponibile e dalla disabilità, quindi assicuratevi di chiarire con il vostro operatore prima di volare.
Inoltre, molti vettori consentono cani guida a bordo gratuitamente, per i passeggeri con problemi di vista (purché prenotiate per il vostro cane guida almeno 48 ore prima del volo).

Pianificate in anticipo con il vostro hotel

La maggior parte degli hotel di tutte le fasce di prezzo accolgono i viaggiatori con disabilità. Tuttavia, è fondamentale avvertirli su quali sono le vostre esigenze se c’è qualcosa di specifico.
Se siete su una sedia a rotelle, ad esempio, fatevi dare le misure per le porte anteriori e del bagno prima del vostro soggiorno.
La maggior parte degli hotel sarà felice di fornirvi queste informazioni. Spesso molte sono disponibili online. Potrebbe accadere che alcune sedie a rotelle siano troppo grandi per molte strutture, nonostante questi hotel affermino di avere camere e strutture accessibili.
Inoltre, se siete ipovedenti e trovate difficile approcciarvi alla colazione a buffet o la colazione continentale, chiedete al vostro hotel di riempire il frigorifero in camera con prodotti per la colazione o di consegnarli invece in camera.

 

Rivolgetevi ad un agente di viaggio

Un agente specializzato nel lavorare con viaggiatori disabili può organizzare ogni aspetto del viaggio, tra cui la prenotazione di biglietti aerei, tour e ristoranti.  Possono assicurarsi di ottenere le misure di cui avete bisogno, verificare che gli hotel, i resort o i ristoranti a cui siete interessati siano accessibili e fornire altri servizi per assicurarvi un viaggio senza stress ed un soggiorno confortevole. Alcuni di questi agenti, non addebitano spese per la pianificazione del viaggio, ma guadagnano una commissione prenotando con hotel e resort specializzati per le persone con bisogni speciali. Vi consigliamo di visitare il sito di Maximiliano Ulivieri,che dal 2009 si occupa del turismo accessibile a persone con disabilità. Se siete interessati, cliccate qui.

 

Prenotate le guide giuste

Ci sono guide in tutto il mondo che hanno esperienza nel lavoro con viaggiatori con disabilità. Si tratta di persone che possono favorirvi senza problemi perché conoscono i luoghi adatti e inadatti per disabili, in modo che non restiate bloccati a metà escursione. Alcune guide possono persino conoscere il linguaggio dei segni per comunicare con chi ha problemi di udito. Altri semplicemente ricordano di tenere conto delle disabilità visibili e invisibili, quando pianificate attività o escursioni, in modo da non avere spiacevoli sorprese.


Prendete in considerazione un tour

Numerosi operatori turistici offrono viaggi privati ​​e di gruppo per persone con disabilità. Si tratta di itinerari personalizzati  che tengono conto esattamente delle vostre esigenze, quindi non dovete organizzarvi da soli.

https://www.go4all.it/

https://www.lptour.it/

Speriamo di avervi dato strumenti utili in questo articolo, o almeno fatto conoscere la realtà di molti viaggiatori con disabilità.
Marzia Parmigiani
Potrebbe interessarvi inoltre:
House Sitting per principianti
Volterra e le sue attrazioni più belle
Consigli per donne che viaggiano da sole
Diffondi il verbo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *