Coronavirus: La Grecia riapre all’estate 2020

Tempo di lettura: 4 minuti

Coronavirus: La Grecia riapre all’estate 2020

A Mykonos, l’isola con il “mare degli dei”, il sindaco Koukas sta puntando tutto sul rilancio del turismo che è linfa vitale dell’economia locale.
Koukas e le sue controparti nelle città di tutta Europa stanno cercando di salvare la stagione estiva dopo che la pandemia di Coronavirus ha portato alla colossale crisi del settore turistico.
Con la malattia ampiamente sotto controllo in Grecia, Mykonos è in una posizione forte per trarne beneficio. Le restrizioni vengono allentate più rapidamente rispetto alle nazioni colpite più duramente come l’Italia e la Spagna.
Paesaggio greco

Il settore europeo del turismo in ginocchio

Dopo una battaglia di due mesi per contenere il virus, i governi europei hanno iniziato lentamente ad allentare le restrizioni, dando speranza a albergatori, ristoratori e proprietari di bar. 
È un delicato gesto di bilanciamento per i funzionari desiderosi di rilanciare l’attività, ma intimoriti dalla possibilità di un nuovo picco di Coronavirus.
L’epidemia ha inferto un colpo senza precedenti al turismo in Europa, mettendo a rischio milioni di posti di lavoro. Il turismo rappresenta il 10% del PIL europeo.
Quest’anno la domanda crollerà di circa il 40% e non dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi fino al 2023, secondo la Commissione europea per i viaggi, che rappresenta 33 organizzazioni turistiche nazionali.
Lisbona, Portogallo

Grecia, Germania e Austria

I paesi con tassi di infezione più bassi, tra cui Grecia, Germania e Austria, sono pronti ad aprirsi più rapidamente, concludendo accordi bilaterali sui viaggi. 
In altri, come l’Italia, la Spagna e la Francia, dove sono morte più di 85000 persone, non è molto chiaro come evolverà il turismo date le rigide regole di distanziamento sociale.
Per stimolare una rinascita nel settore, la Commissione europea ha pubblicato questa settimana linee guida su tutto, dalla rimozione delle restrizioni alle frontiere, all’uso delle applicazioni di rintracciamento dei telefoni cellulari.
Tuttavia, molte persone non si sentiranno abbastanza sicure da viaggiare fino a quando non ci sarà un vaccino o un trattamento. Sappiamo che la cosa potrebbe richiedere mesi o anni.
Paesaggio svizzero

Il sostegno finanziario

L’impatto immediato sarà attenuato dagli aiuti finanziari dei governi europei, tra cui il sostegno salariale, le garanzie sui prestiti e le riduzioni dell’imposta sulle vendite. 
Ma la European Travel Commission, afferma che il livello di perturbazione è “molto più grave” rispetto alla crisi finanziaria di un decennio fa e porterà “cambiamenti fondamentali” nel settore.
Ci si aspetta che i turisti che di solito volano in Spagna o in Italia, si sposteranno sulle spiagge della Grecia nell’estate 2020.

Differenti strategie

In Austria, gli imprenditori stanno inventando nuove idee per attirare gli ospiti, tra cui serate a tema o sessioni di filosofia e letteratura.
Il braccio esecutivo dell’Unione europea ha spinto per un rilancio del turismo in tutto il continente. Sono state predisposte una serie di raccomandazioni politiche per i paesi dell’UE, mentre allentano i blocchi innescati dalla pandemia di Coronavirus. 
I funzionari svizzeri sperano che l’immagine di paese pacifico con paesaggi montani incontaminati, gli dia un vantaggio competitivo. 
Una nuova campagna di marketing si concentra sui consumatori post-blocco, come le famiglie con bambini che devono controllare il proprio budget e le coppie che potrebbero essere state separate dalla distanza, o che hanno bisogno di una pausa da una situazione stressante.
In Portogallo, si punta alla sfida di convincere gli ospiti che gli standard di igiene siano abbastanza rigidi da proteggerli da possibili infezioni.
Una buona idea è quella di mettere posate in confezioni sigillate sui tavoli, per dare l’idea di un ambiente protetto. E se gli hotel solitamente cercano di essere “invisibili” nel processo di pulizia, ora punteranno sul farsi vedere mentre svolgono i protocolli di igiene, per rassicurare gli ospiti.

Alicante, Spagna

La buona strategia della Grecia

La Grecia ha attuato una strategia di contenimento dei virus relativamente riuscita. Il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha dichiarato giovedì che il settore turistico dovrebbe tornare a pieno regime entro il 1 luglio.
Le 515 spiagge organizzate del paese hanno appena riaperto, ma condizioni rigorose illustrano come le vacanze dovranno cambiare nell’era del Coronavirus.
Il numero di bagnanti sarà limitato a 40 per ogni 1000 metri quadrati, con una distanza obbligatoria tra gli ombrelloni, fissata a 4 metri e le sedie a sdraio posizionate a 1,5 metri di distanza. 
Il personale deve disinfettare le sedie dopo ogni utilizzo e può essere servito solo cibo da asporto.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:

6 pensieri su “Coronavirus: La Grecia riapre all’estate 2020

  1. Anna dice:

    Il distanziamento sociale sulle spiagge greche non è mai stato un problema. Lo scorso anno a ferragosto eravamo in penisola calcidica e c’era davvero poca gente in spiaggia.

  2. Valentina dice:

    Mi chiedo come si farà a far rispettare la distanza in spiaggia (non solo in Grecia, anche da noi), non c’è spazio per tutti…andare al mare diventerà un’esperienza elitaria, per chi può permettersi di spendere di più

    • Elina Sindoni dice:

      Ci dispiace tanto per tutti quelli che sono impiegati negli stabilimenti balneari, ma per quest’anno la vita da spiaggia non sarà facile..

  3. Daniele & Marilena dice:

    Avevamo messo Milos nel nostro mirino per l’estate 2020, ma sinceramente pensiamo che questo sogno rimarrà chiuso nel cassetto per quest’anno.
    Ci sono ancora troppo incognite in ballo (comprese tra l’altro le ferie estive aziendali) per portarci ad ipotizzare dove e quando si svolgeranno le nostre vacanze 2020…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *