Coronavirus: perché colpisce alcuni paesi e non altri?

Tempo di lettura: 7 minuti

Coronavirus: perché colpisce alcuni paesi e non altri?

Gli esperti stanno cercando di capire perché il Covid-19 colpisca duramente alcuni paesi per risparmiarne altri. 
Ad esempio, il Coronavirus ha ucciso così tante persone in Iran che il paese ha fatto ricorso a sepolture di massa, ma nel vicino Iraq il conteggio delle vittime è inferiore a 100.
La Repubblica Dominicana ha segnalato quasi 7600 casi di virus. 
Appena oltre il confine, Haiti ha registrato circa 85.
In Indonesia, si ritiene che migliaia di persone siano morte del Coronavirus. 
Nella vicina Malesia, un rigoroso blocco ha portato a circa 100 vittime.
Il Coronavirus ha toccato quasi tutti i paesi della terra, ma il suo impatto è sembrato capriccioso. 
Le metropoli globali come New York, Parigi e Londra sono state devastate, mentre città brulicanti come Bangkok, Baghdad, Nuova Delhi e Lagos sono state finora risparmiate.
La domanda sul perché il virus abbia travolto alcuni luoghi e ne abbia lasciato altri relativamente intatti, è un enigma che ha generato numerose teorie e speculazioni, ma nessuna risposta definitiva.

Gli studi in corso

Esistono già centinaia di studi in corso in tutto il mondo che esaminano come la demografia, le condizioni preesistenti e la genetica possano influenzare l’ampia variazione di impatto del Coronavirus.
I medici in Arabia Saudita stanno studiando se le differenze genetiche possono aiutare a spiegare i diversi livelli di gravità nei casi di Covid-19. In Brasile, gli scienziati stanno esaminando la relazione tra genetica e complicanze di Covid-19. 

I paesi in via di sviluppo

Molte nazioni in via di sviluppo con climi caldi e giovani popolazioni, sono sfuggite al peggio, suggerendo che la temperatura e la demografia potrebbero essere fattori protettivi rilevanti. 
Tuttavia, in paesi come Perù, Indonesia e Brasile, ovvero paesi tropicali, l’epidemia ha raggiunto livelli alti. 
In altri casi, le misure draconiane di distanziamento sociale e di blocco anticipato sono state chiaramente efficaci. Tuttavia, Myanmar e Cambogia non lo hanno fatto e hanno riportato pochi casi.
 

L’incompletezza dei dati

I medici che studiano le malattie infettive in tutto il mondo affermano di non disporre ancora di dati sufficienti per avere un quadro epidemiologico completo e che le lacune nelle informazioni in molti paesi rendono pericoloso trarre conclusioni. 
I test sono difficili in molti luoghi, portando a vaste sottostime dei progressi del virus e le morti sono quasi certamente sottostimate.
 
Esperti di tutto il mondo, suggeriscono che quattro fattori principali potrebbero aiutare a spiegare la diffusione del virus: demografia, cultura, ambiente e velocità delle risposte del governo.

Demografia

Ogni possibile spiegazione arriva con notevoli avvertimenti e contro-prove che confondono.
Se una popolazione “vecchia” è la più vulnerabile, ad esempio, il Giappone dovrebbe essere in cima alla lista per i contagi: non è così.  

Perché il virus colpisce duramente alcune nazioni e non altre? 

Molti paesi che sono sfuggiti alle epidemie di massa, hanno popolazioni relativamente più giovani.
I giovani hanno maggiori probabilità di contrarre casi lievi o asintomatici che sono meno trasmissibili agli altri, ha affermato Robert Bollinger, professore di malattie infettive alla Johns Hopkins School of Medicine. 
E hanno meno probabilità di avere alcuni problemi di salute che possono rendere Covid-19, particolarmente mortale, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità.

Dati difficili da interpretare

L’Africa, con circa 45000 casi segnalati, una piccola frazione dei suoi 1,3 miliardi di persone, è il continente più giovane del mondo, con oltre il 60% della sua popolazione di età inferiore ai 25 anni.
In Thailandia e Najaf, in Iraq, i funzionari sanitari locali hanno scoperto che il gruppo di età fino a 29 anni presentava il più alto tasso di infezione, ma spesso mostrava pochi sintomi.
Al contrario, l’età media nazionale in Italia, uno dei paesi più colpiti, supera i 45 anni. L’età media delle vittime di Covid-19 è di circa 80 anni.
I giovani tendono ad avere un sistema immunitario più forte, che può provocare sintomi più lievi, ha affermato Josip Car, esperto di popolazione e salute globale presso la Nanyang Technological University di Singapore.
A Singapore e in Arabia Saudita, ad esempio, la maggior parte delle infezioni è dovuta a lavoratori migranti stranieri, molti dei quali vivono in dormitori angusti.
Tuttavia, molti di questi lavoratori sono giovani e in forma e non hanno richiesto il ricovero in ospedale.

Le condizioni mediche di base

Insieme ai giovani, una buona salute relativa può ridurre l’impatto del virus tra coloro che sono infetti. Invece, alcune condizioni preesistenti, in particolare ipertensione, diabete e obesità, possono determinare una condizione grave, affermano i ricercatori negli Stati Uniti.
Vi sono notevoli eccezioni alla teoria demografica. 
Il Giappone, con la popolazione media più antica del mondo, ha registrato meno di 520 morti, sebbene il suo carico di lavoro sia aumentato con l’aumentare dei test.
La regione dell’Ecuador, Guayas, epicentro di un focolaio che potrebbe aver causato fino a 7000 vittime, è una delle più giovani del paese, con solo l’11% dei suoi residenti di età superiore ai 60 anni.

Distanza culturale

Gli epidemiologi sostengono che fattori culturali, come il distanziamento sociale integrato in alcune società, possono offrire maggiore protezione ad alcuni paesi.
In Thailandia e India, dove il numero di virus è relativamente basso, le persone si salutano a distanza, con i palmi uniti come nella preghiera. 
In Giappone e Corea del Sud, le persone si inchinano per salutarsi. Da molto prima dell’arrivo del Coronavirus, i cittadini hanno l’abitudine di indossare mascherine anche per un banale raffreddore, per tutelare gli altri.
In gran parte dei paesi in via di sviluppo, l’usanza di prendersi cura degli anziani a casa porta a un minor numero di case di cura: che sappiamo essere i tristi focolai in Occidente. 
Tuttavia, ci sono notevoli eccezioni alla teoria del distanziamento culturale. 
In molte parti del Medio Oriente, come l’Iraq e i paesi del Golfo Persico, gli uomini spesso si abbracciano o si stringono la mano per incontrarsi, ma la maggior parte non si ammala.
I paesi che sono meno accessibili per motivi politici, come il Venezuela o a causa di conflitti, come la Siria e la Libia, sono stati in qualche modo protetti dalla mancanza di viaggiatori.
La mancanza di trasporto pubblico nei paesi in via di sviluppo potrebbe anche aver ridotto la diffusione del virus lì.
 

Caldo e luce

La geografia dell’epidemia si è diffusa rapidamente durante l’inverno in paesi a clima temperato come l’Italia e gli Stati Uniti. In paesi più caldi come il Ciad o la Guyana, era invece assente: ciò sembrava suggerire che il virus non avesse vita facile al caldo.  Altri Coronavirus, come quelli che causano il raffreddore comune, sono meno contagiosi nei climi più caldi e umidi.
Ma i ricercatori sostengono che il caldo caldo non disattivi il virus.
Alcuni dei peggiori focolai nei paesi in via di sviluppo sono stati in luoghi come la regione brasiliana dell’Amazzonia, un luogo tropicale come qualsiasi altro.
Il virus che causa Covid-19 sembra essere così contagioso da mitigare qualsiasi effetto benefico di calore e umidità, ha affermato il dott. Raul Rabadan, biologo computazionale della Columbia University.

Stare all’aperto

Altri aspetti dei climi caldi, come le persone che trascorrono più tempo all’aperto, potrebbero aiutare.
Le persone che vivono in ambienti chiusi possono favorire il ricircolo dei virus, aumentando le possibilità di contrarre la malattia.
I raggi ultravioletti della luce solare diretta inibiscono la crescita di questo Coronavirus, secondo uno studio condotto da modellisti ecologici all’Università del Connecticut.  Quindi le superfici in luoghi soleggiati possono avere meno probabilità di rimanere contaminate, ma la trasmissione di solito avviene attraverso il contatto con una persona infetta, non toccando una superficie.
 

Lockdown precoci

I paesi che hanno attuato precocemente il lockdown, come il Vietnam e la Grecia, sono stati in grado di evitare contagi fuori controllo.
Prove del potere che il distanziamento sociale e la quarantena, siano ottime per contenere il virus.
In Africa, paesi con amara esperienza di infezioni quali HIV, tubercolosi resistente ai farmaci ed Ebola, hanno reagito rapidamente.
Il personale dell’aeroporto dalla Sierra Leone all’Uganda, ha iniziato a misurare la temperatura e a indossare mascherine, molto prima che negli Stati Uniti e in Europa.
Senegal e Ruanda hanno chiuso i loro confini e hanno annunciato il coprifuoco quando avevano ancora pochissimi casi. 
L’Uganda, che ha sofferto anche durante il contagio dell’Ebola, ha rapidamente messo in quarantena i viaggiatori provenienti da Dubai dopo l’arrivo del primo caso di Coronavirus.  
Per quanto efficaci siano i blocchi, nei paesi in cui manca una forte rete di sicurezza sociale e quelli in cui la maggior parte delle persone lavora nell’economia informale, sarà difficile mantenere a lungo gli ordini che chiudono le imprese e richiedono alle persone di stare in casa.
 Quando le persone sono costrette a scegliere tra l’allontanamento sociale e dar da mangiare alle loro famiglie, scelgono modi per portare qualcosa in tavola.

Fortuna

Infine, la maggior parte degli esperti concorda sul fatto che potrebbe non esserci un’unica ragione per cui alcuni paesi vengano colpiti e altri siano risparmiati.
È probabile che la risposta sia una combinazione dei suddetti fattori, nonché un’altra menzionata dai ricercatori: pura fortuna.
Alcuni paesi che avrebbero dovuto essere inondati non lo sono, lasciando i ricercatori perplessi.
La Thailandia ha riferito il primo caso confermato di Coronavirus al di fuori della Cina a metà gennaio. Era un passeggero proveniente da Wuhan.
In quelle settimane critiche, la Thailandia ha continuato ad accogliere un afflusso di visitatori cinesi. 
Per qualche ragione, questi turisti non hanno dato il via ad una trasmissione esponenziale dei contagi. Come abbiamo visto, troppo difficile delineare una teoria unitaria.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:
 
 

2 pensieri su “Coronavirus: perché colpisce alcuni paesi e non altri?

  1. Maria dice:

    Sono sempre più convinta che esistano fattori che non solo vediamo, ma che non potremo mai controllare nella diffusione della malattia. E sì, dipende tanto anche dalla fortuna. Vediamo cosa succede da oggi in poi, temo poca cautela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *