Cronache dal mondo degli abbracci vietati

Tempo di lettura: 6 minuti

Cronache dal mondo degli abbracci vietati

Oggi è il 17 ottobre 2020 e sento il bisogno di scrivere queste parole, perché tirando le fila delle notizie degli ultimi giorni, le cose non si stanno mettendo bene e mi sta tornando un po’ di ansia (non so a voi).

Non che questo malessere se ne sia mai andato del tutto, anzi.

 

abbraccio traveltherapists

L’ansia dell’incontrollabile

E pensare che quando ero piccola e a scuola ci avevano parlato dell’influenza spagnola, la vedevo un po’ come la peste bubbonica.

Lontana da noi. Lo stesso fino a un anno fa.

Chi avrebbe mai pensato ad una pandemia che non fosse quella narrata nei film d’azione complottistici?

Con attacchi terroristici e virus che si propagano per mano delle persone? 

(Sì, lo so che molti pensano ci sia la mano di qualche governo).

Ma la verità è che noi siamo molto più fragili di così.

Queste cose possono capitare, proprio perché siamo in grado di prevederle, ma non di controllarle.

Invece pensare che sia colpa di qualcuno che l’ha “sparso in giro”, se ci pensate, crea meno ansia perché significa che la possiamo gestire e dipende da noi.

 

Tuttavia, non è rassicurante vedere medici ed esperti avere opinioni così discordanti.

 

 

Coronavirus: dovremo conviverci almeno fino al 2021

 

La pandemia come la Grande Onda di Kanagawa

Comunque, stranamente, sento che mi sia arrivata una sorta di “onda lunga”, avete presente la Grande Onda di Kanagawa di Katsushika Hokusai?

Ecco, solo un po’ più alta e meno veloce.

La contrapposizione fra natura e fragilità umana.

Nel senso che all’inizio – un po’ perché noi di Traveltherapists ci siamo fatte un mese in meno di chiusura – essendo in Giappone; un po’ perché l’estate ci aveva fatto ben sperare, non ho avvertito subito il colpo sul mio umore.

Abbiamo vissuto mesi di lockdown, di distanza dai familiari (nel mio caso abitiamo in regioni diverse) e poi ho pensato tanto al contatto fisico, fino a chiedermi da dove prendesse origine, per esempio l’usanza della “stretta di mano”.

Nonostante il nostro lavori ruoti attorno al turismo, al circolare liberamente, alla possibilità di conoscere e vedere nuovi scenari, abbiamo cercato di farci forza e non abbiamo mollato.

 

marzia kimono con onda di hokusai
Marzia che indossa Yukata con lo sfondo dell’onda di Hokusai 

L’esperienza al Book&Go del TTG 2020

Ed in qualche modo siamo state premiate anche dal fatto che uno dei nostri libri, La casa di carta – la guida di viaggio, è stato scelto per essere presentato alla sezione Book&Go del TTG Travel Experience 2020 di Rimini il 14 ottobre.

Si tratta di una delle maggior fiere dedicate al turismo a livello internazionale e abbiamo parlato di psicologia del viaggio, travel therapy, benessere, crescita personale e Cineturismo.

A proposito, abbiamo appena scoperto di essere uscite anche come notizia Ansa per il nostro libro. Se vuoi saperne di più, cliccate qui.

Comunque. Pensate che i temi ai quali ruota l’evento di Rimini sono #thinkhuman e #thinkfuture. Già.

 

traveltherapists ttg 2020 book&go
Traveltherapists al Book&Go 2020

Ma quale umanità e quale futuro?

Sapete qual è la cosa che mi è mancata di più dopo mesi in cui non rivedevo i miei familiari e amici?

Non poterli abbracciare, stringere, toccare.

 

marzia traveltherapists amiche abbraccio
Marzia con le amiche in un tempo in cui ci si poteva abbracciare

Poter abbracciare non ha prezzo

Forse è una sciocchezza, ma ho pensato anche a tutte le persone sole che durante il lockdown, non avevano un/una partner da stringere.

Poter abbracciare/ essere abbracciati da qualcuno, è una delle più grandi fortune e non ha prezzo. Non si può comprare a differenza del sesso.

Mi sento fortunata, essendo in coppia, a poter dare e ricevere abbracci ogni giorno.

Ma mi manca terribilmente non poter abbracciare i miei amici.

E’ davvero triste doverli incontrare con una mascherina, rinunciando a tutte le sfumature delle espressioni facciali e avendo paura di far loro del male.

Penso ai bambini a scuola, che devono stare chiusi in classe, anche loro mortificando il loro respiro e la loro vitalità, da un “bavaglio”.

MA DOBBIAMO FARLO.

Ora più che mai dobbiamo farlo.

In un momento in cui ovunque aleggia il rischio di nuove chiusure, coprifuoco, rovina economica, incapacità di controllare e prevedere il futuro e tanta, tantissima stanchezza. Dobbiamo farlo.

Proprio ora che ci verrebbe da crollare.

 

traveltherapists ttg 2020 book&go elina
Elina al TTG Travel Experience 2020

 

Non siamo niente senza sogni

Perciò coltivate dentro di voi i sogni di nuovi progetti e obiettivi da realizzare non appena le cose andranno meglio.

Perché, anche se non so quando, succederà.

Noi non siamo niente senza sogni.

Come dice Shakespeare nella “Tempesta”:

“Noi siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni e la nostra breve vita è circondata dal sonno”.

 

 

marzia traveltherapists con bandiera spagna
Marzia con la bandiera spagnola al TTG 2020

Le parole dello psichiatra Vittorino Andreoli sul Coronavirus

Sapete, questo articolo mi è stato ispirato dalle parole di ieri sera di Vittorino Andreoli al TG5.

E’ un professionista che stimo tanto e che a differenza di altri, non aveva ancora detto nulla a livello pubblico sulla situazione.

Le sue semplici, ma efficaci parole che trovate in questo video (scusate non è di qualità), le ho trascritte qui sotto, affinché fossero d’ispirazione a tutti in questo momento difficile.

“Osservo dentro di me e vedo attorno a me, aumentare il diffondersi di un senso di inutilità. Come se ciascuno di noi non avesse più significato, fosse un incapace.

E da questo deriva l’impotenza in un popolo che è abituato a fare, un Homo Faber e allora, occorre prenderne consapevolezza per mettere un freno.

E non bisogna per questo uccidere la speranza – che non è una parola vuota – ma ha un significato medico, perché ha un’azione che aumenta la nostra capacità immunitaria.

La nostra volontà di fare.

Bisogna dunque non lasciarsi andare alla dis-perazione. E finalmente e allora, facciamo tacere questi “profeti”, che non lasciano spazio nemmeno a questa grande forza su cui dobbiamo contare.

Allora cerchiamo di essere uniti, dimostriamo di essere tutti uniti una volta per vincere una grande sfida.

Ogni volta che superficialmente noi veniamo contaminati e rompiamo quella che è la serenità di un bambino che rimane chiuse dentro, o di un vecchio che non ha speranza. Perché sembra che quel virus spietatamente lo colpisca.

Io sono uno psichiatra, un vecchio psichiatra. Io non vi raccomando grandi strategie.

Sorridete che ce la facciamo. Dovete sperare e ad ogni aumento di difficoltà – che ci sarà – sapere che tutto dipende da noi.” 

 

In bocca al lupo a tutti da Traveltherapists!

 

 

Marzia Parmigiani 

 

 

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Regali utili da fare didattica a distanza

 

 

Dal Giappone arriva la mascherina anti Coronavirus per mangiare nei ristoranti

 

 

Tokyo 2021: i gruppi LGBT del Giappone chiedono una legge per l’uguaglianza

 

 

Torneremo a viaggiare

 

 

Come coltivare la resilienza ai tempi del Coronavirus

 

 

Tokyo 2020: il Giappone valuta di riaprire al turismo da aprile 2021

 

 

22 posti imperdibili di Tokyo consigliati da giapponesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *