Donne lavoratrici single in Giappone: una condizione critica

Tempo di lettura: 7 minuti

Donne lavoratrici single in Giappone.

Donne lavoratrici single in Giappone: una condizione critica

In un paese sviluppato come il Giappone, le donne sono considerate a tutti gli effetti parte integrante dell’economia. Tuttavia, come spesso succede anche in Occidente, anche nel Paese del Sol Levante, l’aumento di donne lavoratrici single è associabile al continuo calo del tasso di natalità nel paese.

In questo articolo risponderemo ad una delle curiosità più diffuse quando si parla di donne lavoratrici single. Ovvero quale sia la condizione reale che vivono milioni di donne giapponesi, fra carriera, matrimonio e figli.

donne giapponesi il mio viaggio in giappone traveltherapists

Ciò, anche perché fra i nostri lettori e le nostre lettrici, ci sono persone che sognano di vivere e lavorare in Giappone.

Prima di continuare, per essere sempre informati sugli aggiornamenti in merito a curiosità sul Giappone, cultura giapponese, migliori hotel di Tokyo dove dormire a Tokyo e consigli sull’organizzazione dei viaggi in Giappone, consigliamo di visitare e seguire la nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio In Giappone”.

A proposito se stai organizzando il tuo viaggio in Giappone (o in qualsiasi altro paese del mondo) e desideri avere un codice sconto assicurazione di viaggio, ti consigliamo Heymondo che ti regala il 10% di riduzione sul prezzo, solo per essere lettore di Traveltherapists!

madre bimbo il mio viaggio in giappone traveltherapists

Iniziamo con il dire che esistono nel Paese diverse politiche in grado di inibire il tasso di natalità.

Come mancanza di asili nido adeguati; un sistema di congedo di maternità e paternità lacunoso e la forte presenza nel contesto sociale di norme patriarcali radicate. Approfondiamo questi aspetti singolarmente.

madre con bimbo giapponese il mio viaggio in giappone traveltherapists Donne lavoratrici single in Giappone

Donne lavoratrici single in Giappone: l’asilo nido

L’asilo nido in Giappone è ben lungi dall’essere gratuito. Includendo i congedi di maternità e di assistenza all’infanzia, la spesa pubblica giapponese rappresentava solo l’1,65% del PIL della nazione nell’anno fiscale 2018.

Alcune delle sue controparti europee hanno budget molto più elevato per l’assistenza all’infanzia: la Svezia al 3,42% (quasi il doppio del budget del Giappone), e la Gran Bretagna al 3,19% nello stesso anno.

Se ti stai chiedendo dove si trova l’Italia in questa classifica, purtroppo è messa ancora peggio del Giappone, con 1,1% del PIL (2019).

Tuttavia, il governo giapponese si è impegnato a raddoppiare il budget all’inizio del 2022, dato il continuo peggioramento dei tassi di fertilità, così come del progressivo invecchiamento della popolazione.

copertina donne single lavoratrici giappone il mio viaggio in giappone traveltherapists

Attualmente, gli asili nido giapponesi sono fortemente a corto di personale per assenza di fondi. E hanno liste d’attesa enormi con il problema di dover pagare tariffe esorbitanti, sebbene per un servizio di alta qualità.

In più, gli asili nido sono aperti solo dalle 7:00 alle 18:00 in Giappone, ma i lavoratori solitamente finiscono molto più tardi e rendono inutili queste strutture.

Insomma, tempistica, qualità, spese e accessibilità, impediscono alle donne giapponesi di avere figli perché senza strutture adeguate diventa difficile mantenere un lavoro a tempo pieno.

famiglia etero giapponese il mio viaggio in giappone traveltherapists Donne lavoratrici single in Giappone

Il congedo di maternità e paternità

Per quanto riguarda il congedo per madri e padri, questo include una somma forfettaria di JPY 420.000 dopo il parto (circa 2900 euro).

Sembra un ottimo Bonus e incentivo, ma non molti uomini e donne in Giappone ne sono convinti. Con questa somma, difficilmente si possono coprire costi per allevare i figli in Giappone, se pensiamo alle scuole, le attività extra-scolastiche o gli asili nido.

Inoltre, molte donne tendono a lasciare l’impiego dopo il parto, per dedicarsi all’educazione dei figli. Poiché la spietata cultura lavorativa del Giappone è incompatibile con la flessibilità necessaria ad una neo-mamma con bambino piccolo a casa.

Infine, secondo un rapporto pubblicato dall’UNICEF nel 2019, i padri giapponesi avrebbero a disposizione un congedo di paternità per 30,4 mesi.

Ma sarebbero davvero pochissimi ad utilizzarlo, a causa delle norme radicate nella società nipponica che vedono il congedo per paternità, ancora come qualcosa di non normale.

madre felice con bimbo il mio viaggio in giappone traveltherapists Donne lavoratrici single in Giappone

Norme patriarcali

In Giappone, storicamente spetta alla donna dedicarsi ad attività educative e facilitare lo sviluppo del bambino. Ed al contempo, ci si aspetta che il padre non si occupi direttamente dell’educazione dei figli.

In una narrazione sociale del genere, è facile dipingere le madri giapponesi che lavorano a tempo pieno come non buone, negligenti o addirittura indifferenti. Questa narrazione può essere interiorizzata da molte madri che soffrono nel tentativo di dover aderire alle aspettative che la società ha nei loro confronti, generando malessere e ansia.

Dall’altro lato, i padri giapponesi sempre per lo stesso motivo (non sarebbero loro i principali responsabili dell’educazione dei figli) tenderebbero ad astenersi dall’utilizzare il loro congedo di paternità e non solo.

Potrebbero persino subire contraccolpi negativi sul lavoro proprio per aver utilizzato il congedo di paternità. Insomma, se in Giappone la madre si occupa della casa, ci si aspetta che il padre badi alle finanze.

madre giapponese seno allattamento il mio viaggio in giappone traveltherapists

Donne lavoratrici single in Giappone: detrazioni fiscali per il coniuge

Certo, le norme patriarcali persistono in diversi paesi sviluppati. Ma le leggi giapponesi sembrano averle istituzionalizzate e cementate nella struttura sociale.

Infatti, per esempio le donne sono incentivate a non scegliere lavori a tempo pieno. Ciò, poiché una famiglia con un reddito totale non superiore ad una certa soglia, riceve detrazioni fiscali dal governo.

Inoltre, i premi per i coniugi a carico sono esentati se non superano la soglia di 1,3 milioni di yen. E le detrazioni sono disponibili per gli individui (comunemente i mariti) se i coniugi non guadagnano oltre una certa soglia.

madre giappone il mio viaggio in giappone traveltherapists Donne lavoratrici single in Giappone

Ovviamente, questo incoraggia implicitamente le donne a optare per un tempo parziale e per una retribuzione inferiore, in modo che la loro famiglia possa godere di detrazioni fiscali.

Infatti, nel caso in cui la donna lavori a tempo pieno, la famiglia non riceverà alcuna detrazione anche se ha figli, perché il reddito familiare complessivo sarà superiore.

bimba spalle il mio viaggio in giappone traveltherapists Donne lavoratrici single in Giappone

Cerchi il miglior VPN? Approfitta del nostro codice sconto Surfshark VPN e risparmia l’82%!

Il futuro delle donne lavoratrici single in Giappone

Insomma, la questione lavorativa femminile in Giappone è tutt’altro che rosea. Lo avevamo già scoperto con Aggretsuko, una produzione anime Netflix che consigliamo a tutti di vedere.

Questo perché offre uno spaccato efficace e realistico sulla condizione lavorativa delle giovani donne single giapponesi.

Marzia Parmigiani con pupazzo aggretsuko a tokyo traveltherapists blog di viaggio miglior blog di viaggio blog giappone

Marzia e Aggretsuko a Tokyo

Le politiche e le leggi di cui abbiamo parlato, impediscono fortemente alle donne che lavorano di avere figli e spesso di sposarsi.

I bassi tassi di fertilità in Giappone sono guidati da una rigida cultura del lavoro che spesso è posto prima di tutto il resto. Ma anche dalla mancanza di incentivi finanziari adeguati; da asili nido spesso proibitivi per costi e dalle politiche fiscali che “costringono” implicitamente le donne a lavorare part time.

coppia giapponese con in braccio il figlio sotto i fiori di ciliegio

Coppia giapponese intenta nel far “benedire” il loro piccolo dai ciliegi in fiore.

Infine, le norme patriarcali sono profondamente radicate nella società giapponese. E c’è molto lavoro da fare per combattere lo svantaggio innegabile che le donne con figli hanno nel mercato dei posti di lavoro. Ciò, anche se è stato fatto qualche passo in avanti per le politiche a favore dei genitori.

Lasciamo di seguito alcuni suggerimenti di alloggio in Giappone.

bimbo giapponese ride il mio viaggio in giappone traveltherapists Donne lavoratrici single in Giappone

Dove dormire a Tokyo? Migliori Hotel 

Hotel Emit Shibuya

Ai Hotel Keikyu Kamata

Hotel Emit Shibuya – Vacation STAY 40894v

Shibuya Tobu Hotel

The Millennials Shibuya

Shibuya Creston Hotel

Hotel Wing International Premium Shibuya

sequence MIYASHITA PARK / SHIBUYA

Hotel Owl Tokyo Shinbashi

bnb+ Kanda Terrace Ogawamachi

 

 Migliori Hotel a Ikebukuro

 Henn na Hotel Tokyo Asakusabashi

ID STAY Ikebukuro 

Sunshine City Prince Hotel Ikebukuro

Hotel Wing International Ikebukuro

Tokyu Stay Ikebukuro

Restay Frontier (Adult Only)

Hotel VARKIN Ikebukuro

Hotel Wing International Select Ikebukuro

APA Hotel Ikebukuro Eki Kitaguchi

HOTEL MYSTAYS Higashi Ikebukuro

Hotel Metropolitan Tokyo Ikebukuro

 

Top hotel Ueno per qualità prezzo

Tabata Oji Hotel

GUEST HOUSE SaKURa

Time Sharing Stay Asakusa

Tabist ヒロマスホテル 上野

unito CHIYODA

 

Migliori hotel a Yokohama

PROSTYLE Ryokan Yokohama Bashamichi

Sotetsu Fresa Inn Yokohama Higashiguchi

APA Hotel & Resort Yokohama Bay Tower

Hotel Resol Yokohama Sakuragicho

Hotel Edit Yokohama

Chisun Hotel Yokohama Isezakicho

Hotel New Grand

InterContinental Yokohama Grand IHG Hotel

Richmond Hotel Yokohama-Bashamichi

Oakwood Suites Yokohama

Dove dormire a Kyoto? Top hotel di Kyoto

Laon Inn Gion Nawate

FUGASTAY Shijo Omiya

Randor Residential Hotel Kyoto Suites

Daiwa Roynet Hotel Kyoto Grande – former Daiwa Royal Hotel Grande Kyoto

Hotel Alza Kyoto

MUNI KYOTO

Kyoto Shijo Takakura Hotel Grandereverie

Kyomachiya Suite Rikyu

Nagi Kyoto Shijo

firma marzia parmigiani

 

Diffondi il verbo!