Tempo di lettura: 8 minuti

Hanami la storia dei ciliegi in fiore.

Hanami 2020: la storia dei ciliegi in fiore in Giappone

Hanami 2020. I tempi sono duri, si sa.

Noi di Traveltherapists siamo partite un mese fa per il Giappone, fra mille dubbi, ma con la voglia di realizzare, fra gli altri, uno dei sogni di una vita: assistere e celebrare la fioritura dei sakura giapponesi.

traveltherapists fra i ciliegi in fiore
Traveltherapists a Meguro, Tokyo – ph. M. Parmigiani

E durante la nostra permanenza, abbiamo vissuto una sorta di stato di grazia in un paese meraviglioso, che consigliamo davvero a tutti!

Se il Giappone è nel vostro cuore, continuate a seguirci, perché pubblicheremo diversi contenuti! Ma torniamo all’Hanami.

Infatti, capire il senso di questa celebrazione, può essere davvero utile ai tempi della paura Covid-19 perché non si tratta di un rito puramente estetico, ma una celebrazione che ha a che fare con l’attesa, l’accettazione e la speranza.

Perché? Continuate a leggere.

Da più di mille anni, la stagione dei fiori di ciliegio in Giappone, è fonte di fascino e meraviglia.

Ma quale è la storia dell’Hanami?

Il fiore di ciliegio è un simbolo così essenziale che quasi tutti gli artisti visivi giapponesi lo citano nelle loro opere.  

installazione alla stazione di Ueno, Tokyo
Panda e Hanami, due simboli di Ueno, Tokyo – ph. M. Parmigiani

Hanami la storia dei ciliegi in fiore: un pomeriggio di primavera a Tokyo

Noi di Traveltherapists, come vi dicevamo, abbiamo avuto il piacere ed il privilegio di passare un lungo periodo in Giappone nel 2020, nonostante il Covid-19.
Anche se purtroppo molti festival e manifestazioni legate all’Hanami sono stati sospesi per i rischi legati alla diffusione del Coronavirus, anche una sola passeggiata nei parchi, può donare tanto e riempire il cuore e gli occhi di bellezza.
elina guarda i ciliegi
Hanami 2020, parco di Ueno, Tokyo – ph. M. Parmigiani
Siamo in un parco di Tokyo, il parco di Ueno, nel tardo pomeriggio.
È il 23 marzo 2020, ormai primavera: gli alberi sono di colore smeraldo, quasi bluastro; le prime canne stanno iniziando a germogliare nel fiume.
Il cielo è un blu morbido, con qualche nuvola, forse pioverà presto. 
barche nel laghetto di Ueno a Tokyo
Lago nel parco di Ueno – ph – M. Parmigiani
Lungo la sponda del lago, le persone si sono radunate.
Gli adulti indossano kimono in tonalità che si abbinano al paesaggio, verde intenso, blu caldo ed i bambini indossano abiti del colore della carpa.
giapponesi fanno picnic sotto ciliegi marzo 2020
Hanami 2020 al parco di Ueno, Tokyo – ph. M. Parmigiani
Nelle colline sovrastanti si trovano due padiglioni collegati da un ponte di legno.
Vi si accede da una ripida scala che si snoda attraverso la foresta.
Nelle finestre, alcune delle cui tonalità traslucenti stile shoji, sono state spinte indietro per far entrare l’aria: potete scorgere che il soffitto è stato ricoperto da sfere di lanterne di carta rosse.
lanterne giapponesi rosse
Lanterne di carta giapponesi, Tokyo – ph. M. Parmigiani
Tutti questi dettagli, tutta questa vita, sono secondari all’elemento che domina il tutto: un boschetto di ciliegi, la maggior parte in piena fioritura.
Un insieme così abbondante, che è diventato una nuvola di rosa.
I petali sono così densamente ammassati da oscurare anche la vegetazione circostante: i pini e gli alberi di cachi, ora spogli di frutta. 
Sotto gli alberi, su larghe panchine di bambù, le persone osservano silenziose.
Marzia fra i ciliegi
Marzia fra i sakura

Hanami la storia dei ciliegi in fiore: la stagione dei Sakura

Quando la stagione dei fiori di ciliegio si avvicina, in genere la prima e la seconda settimana di aprile (anche se il periodo può cambiare, infatti quest’anno la fioritura è iniziata a fine marzo) i notiziari danno previsioni sulla fioritura (sakura zensen) assieme alle previsioni del tempo. 
Il fiore di ciliegio non è solo un’icona del Giappone: è l’icona del Giappone – una che lo esalta ed alla fine si eclissa, a vicenda.
Anche il Monte Fuji, viene spesso mostrato in primo piano con ciliegi in fiore.
La fotografia o la pittura sono ridotti a tre fasce di colore: l’azzurro del cielo, il bianco della cima della montagna, il più pallido rosa dei fiori.
marzia in Yukata rosso a fiori
Marzia che indossa il Kimono estivo (Yukata) a Golden Gai Tokyo
Certo, altri paesi e altre culture hanno, o hanno avuto, un fiore prezioso.
L’Olanda ha i suoi tulipani e l’India ed il sud-est asiatico, il loto. 
I giapponesi solo raramente hanno unito al fiore di ciliegio, il simbolismo religioso.
Il Giappone senza il fiore di ciliegio è come una persona senza testa: l’immagine è sbagliata, inconcepibile.
In nessun’altra parte del mondo è un fiore così legato al paese che lo adora.
parco di Tokyo alla sera
Persone radunate la sera sotto i sakura a Tokyo, – ph. M. Parmigiani

Hanami la storia dei ciliegi in fiore: la temporaneità delle cose

Il Giappone è principalmente un paese buddista, ma ciò che lo definisce più della sua religione, è il suo rigoroso e distinto senso estetico, che è stato fondato su una celebrazione della stagionalità.
Essere in Giappone, essere giapponesi, significa impegnarsi in un costante e continuo riconoscimento delle stagioni che cambiano, un riconoscimento che inizia alla nascita.
Se in Occidente, possiamo vivere con l’idea di sé; in Giappone si vive con l’idea degli elementi che circondano il sé.
coppia giapponese con bimbo
Una coppia giapponese innalza il figlio sotto i rami del ciliegio: una sorta di benedizione – ph. M. Parmigiani
Il cielo ed il mare, la foresta e la terra. I loro colori, i loro profumi e sapori.
Il cambiamento climatico, che sconvolge l’alternarsi delle stagioni, qui non è solo un problema ambientale, bensì una minaccia a 2000 anni di estetica. 
Qui, come ovunque, la crisi è esistenziale, perché porta inevitabilmente a contemplare l’eliminazione dell’uomo; ma è anche più immediatamente terrificante, perché significa la cancellazione di qualcosa di culturalmente inimitabile.
Mai come in questo momento, anche a causa del Covid-19, la sensazione di poter essere cancellati dall’oggi al domani, è più che mai presente.
hanami 2020 tokyo ueno park
Marzia al parco di Ueno

Hanami la storia dei ciliegi in fiore: perché sono stati scelti proprio i fiori di ciliegio?

Hanami (花見), letteralmente “guardare i fiori”, è un fatto della vita di corte giapponese iniziato nell’VIII secolo.
Un’altra particolarità della cultura giapponese è che queste pratiche, dall’inchino alla visione dei fiori, rimangono più o meno intatte dalle loro origini nella corte imperiale più di mille anni fa.
Originariamente, però, pare che non si trattasse della contemplazione degli alberi di ciliegio, bensì di susini.
Non lo sappiamo con certezza, ma una teoria possibile è che la corte giapponese abbia cambiato dalle susine al fiore di ciliegio, per affermarsi culturalmente. 
Ueno Park
Parco giapponese, – ph. M. Parmigiani
Questo perché la corte cinese era notoriamente innamorata del fiore di prugna: i giapponesi avevano già preso in prestito la loro religione, preso gli ideogrammi dai cinesi e non potevano imitarli anche in questo.
Qualunque sia la ragione, il fiore di ciliegio fa probabilmente la sua prima apparizione registrata nel Kojiki, un testo antichissimo.
Nel corso dei secoli è diventato il simbolo permanente della primavera stessa.
All’inizio del XIV secolo, il sacerdote buddista Kenko scrisse una serie di brevi meditazioni, raccolte nei decenni successivi in ​​una raccolta ora conosciuta come “Saggi nell’ozio”, o “La Tsurezuregusa di Kenko”, in cui menzionava il fiore di ciliegio.

Hanami la storia dei ciliegi in fiore: l’accettazione della temporaneità

L’idea che tutto nella vita sia temporaneo; che ogni desiderio, di natura altruistica o egoistica, non abbia senso, aiuta a spiegare l’adorazione della cultura del sakura.
Il piacere di vedere un ciliegio in fiore è il dolore di sapere che presto finirà.
Essere alla presenza di uno di questi alberi, significa essere umiliati di fronte alla natura e, inoltre, accogliere questa umiliazione, accettare il fluire delle cose.
Un sakura è la vita umana condensata nel periodo di una settimana: una nascita, una gloria breve, una morte. 
Un ciliegio è un promemoria dell’inarrestabilità della vita, del desiderio incessante e implacabile della terra di continuare a generarne di più.
tempio tokyo
Tempio con sakura, Tokyo – ph. M. Parmigiani
Vivere su un’isola significa essere vividamente consapevoli della propria vulnerabilità, essere sempre in balia della natura.
Un’onda, un terremoto, un tifone: qualsiasi cosa può essere distrutta, non importa quanto sia cara o combattuta duramente.
Oggi, stiamo vivendo l’angoscia ed il terrore legate al Covid-19, una battaglia che dobbiamo combattere, contro un qualcosa che esiste, ma che è invisibile agli occhi.
Per questo, capire il senso dell’hanami è più importante che mai.
Ci insegna i nostri limiti e a coltivare virtù come l’accettazione, l’attesa, ma soprattutto, la speranza.

Perché un ciliegio promette che, nonostante la distruzione, ci sarà sempre nuova bellezza.

 

 

VOGLIA DI GIAPPONE?

PERCHE’ NON PROVARE LA NOSTRA MISTERY BOX DE “IL MIO VIAGGIO IN GIAPPONE”? DIRETTAMENTE DA TOKYO HARAJUKU A CASA VOSTRA, GRAZIE AL LAVORO SINERGICO CON I NOSTRI COLLABORATORI GIAPPONESI!

Si tratta di una box piena di cibi dolci e salati e articoli direttamente dal Giappone a casa vostra in meno di una settimana con spedizione gratis!

Se volete dare un’occhiata, CLICCATE QUI!

 

miglior box di prodotti giapponesi prodotti dal Giappone mistery box il mio viaggio in giappone traveltherapists

 

 

A proposito, volete ricevere a casa dei veri gashapon dal Giappone?

 

Perché non provate la GASHAPON BOX de “Il Mio Viaggio In Giappone”?

Direttamente da Nakano, quartiere Otaku di Tokyo, riceverete una box con 6 gashapon in meno di una settimana e con spedizione gratis.

Volete saperne di più? CLICCATE QUI!

 

 

Se quello che avete letto, vi è piaciuto, seguiteci sulla nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio in Giappone”.

 

Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:
Hanami 2021: i ciliegi in Giappone quest’anno fioriranno prima
Capodanno in Giappone: Kadomatsu e Shimekazari le decorazioni propiziatorie
Bonenkai e Shinnenkai: le feste di fine anno in Giappone per dimenticare l’anno
Usi e costumi in Giappone
Una festa dei sensi: visitare il parco dei Fiori di Ashikaga e dintorni
Hinamatsuri, Japan Girls Day 3 marzo 2020
Perché in Giappone si festeggia il Natale?
Tokyo 2020: Olimpiadi posticipate per Covid-19
Diffondi il verbo!

4 risposte

  1. Ragazze che spettacolo queste foto con i ciliegi in fiore! Il Giappone è uno dei viaggi dei miei sogni e vorrei andarci proprio in questo periodo. Grazie per avermi spiegato il significato profondo che assume l’Hanami in Giappone

    1. Ti auguriamo di andarci al più presto e siamo liete di averti fatto conoscere un po’ meglio l’hanami!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *