Tempo di lettura: 6 minuti

Il problema del suicidio in Giappone nel 2020

Il Giappone ha fatto passi da gigante nel ridurre il tasso di suicidi dai giorni bui della fine degli anni Novanta.
In quel periodo, i licenziamenti innescati dalla crisi finanziaria asiatica hanno contribuito a far salire per la prima volta il numero di casi annuali.
Oltre 30.000 nel 1998.
La cifra ha raggiunto il picco a 34.427 nel 2003, ma da allora è in calo, scendendo ogni anno dal 2009.
L’anno scorso, il numero è sceso a 20.169, il più basso da quando le autorità hanno iniziato a tenerne traccia nel 1978.

L’introduzione della legge sulla prevenzione del suicidio in Giappone del 2006

Gli esperti hanno considerato che i dati siano migliorati.
Questo, grazie ad un’economia in miglioramento e l’introduzione nel 2006 della legge di base sulla prevenzione del suicidio
Tuttavia, il fatto che il Giappone abbia ancora un alto tasso di suicidi con un rapporto di 16 per 100.000 persone, dimostra che c’è ancora molto lavoro da fare.
Per le migliaia di persone direttamente colpite, può essere difficile sfuggire all’ombra del suicidio.
Ayaka Ishii, direttore del Light Ring, afferma che i sentimenti di disperazione o rabbia possono facilmente animare i giovani che stanno cercando di sconfiggere le tendenze suicide.
Ishii afferma che è importante che i giovani cerchino aiuto dagli altri e mantengano rapporti positivi.
Sottolinea l’importanza dell'”ascolto attivo”, ovvero sapere quando offrire consigli, offrendo allo stesso tempo una spalla su cui piangere.
 Ishii riconosce anche le difficoltà che si presentano con un ruolo del genere.
“Una cosa che sento spesso chiedere è come dovrebbero rispondere i volontari se ricevono un messaggio dalla persona nel cuore della notte”, dice Ishii.
“Cosa succede se la persona muore nel momento in cui non rispondi? Questi sono alcuni dei problemi che devono affrontare. “

Il problema del suicidio in Giappone nel 2020

Il numero complessivo dei suicidi in Giappone è diminuito

Mentre il numero complessivo di suicidi in Giappone è costantemente diminuito negli ultimi 10 anni, il numero di giovani che si uccidono è rimasto ostinatamente costante. 
Un totale di 659 persone di età inferiore ai 20 anni sono morte per suicidio l’anno scorso, in aumento rispetto all’anno precedente. 


La recente morte della wrestler Hana Kimura

Hana Kimura, una wrestler professionista di 22 anni e star del reality TV “Terrace House”,  si è apparentemente suicidata il maggio scorso dopo aver ricevuto una marea di messaggi negativi sui social media.
Questo perché le cause della sua morte non sono ancora chiare.
Questo evento ha riportato il problema del suicidio giovanile sotto i riflettori nazionali.
Il bullismo, tuttavia, è solo uno dei tanti motivi per cui i giovani si tolgono la vita. 
Altri fattori potrebbero includere relazioni familiari, abusi, pressione accademica, problemi di salute mentale o preoccupazioni finanziarie.
Il problema del suicidio in Giappone nel 2020
Hana Kamura, la wrestler che apparentemente si sarebbe tolta la vita a causa di atti di bullismo sui social. Fonte: Wikipedia

In Giappone i giovani hanno difficoltà a trovare un posto nella società

Jun Tachibana a capo dell’organizzazione no profit Bond Project che aiuta le donne che soffrono di problemi, afferma di incontrare spesso giovani che sentono di non trovare posto per loro nella società.
 “Questi ragazzi sentono che non c’è via d’uscita per loro, e il posto in cui cercano aiuto è molto importante”, afferma Tachibana.  
“Questi sono spesso bambini che hanno avuto brutte esperienze con gli adulti, quindi non si fidano di loro.
Molti di loro scelgono di non chiedere aiuto agli adulti e cercano di risolvere da soli i propri problemi. 
Quindi, quando agiscono d’impulso, non hanno nessuno a cui rivolgersi. “
La legislazione sul benessere dei minori in Giappone copre solo i giovani fino a 18 anni.
Tachibana afferma che i giovani di età superiore a quelli che subiscono abusi da parte di un membro della famiglia, spesso non vengono riconosciuti.
 “Una ragazza in quella situazione è venuta da noi oggi e l’abbiamo portata alle autorità per affrontarla, ma non so se le verrà data protezione o meno”, afferma Tachibana.  
“Allo stato attuale delle cose, non c’è molta comprensione nei confronti delle persone che vengono abusate da un membro della famiglia.”
Alcuni gruppi di prevenzione del suicidio ritengono che sia necessario un approccio proattivo per trovare le persone che scivolano attraverso le fessure della società.
Il problema del suicidio in Giappone nel 2020

OVA: L’organizzazione tecnologica no profit contro il suicidio in Giappone

Jiro Ito è il capo di OVA, un’organizzazione senza scopo di lucro che utilizza la tecnologia dell’informazione e della comunicazione per connettere le persone che pensano di togliersi la vita con gruppi che possono aiutarle.
Ito lavorava in una clinica per la salute mentale, ed è stato lì che ha capito che le persone che pensano al suicidio raramente verbalizzano le loro intenzioni.
Ito ha fatto delle ricerche sulla frequenza con cui le persone digitano “Voglio morire” o frasi simili nei motori di ricerca su Internet, ed è rimasto scioccato nello scoprire che generalmente si verifica circa 130.000 volte al mese in Giappone. 
Con questo in mente, Ito ha fondato OVA e ha iniziato a utilizzare la tecnologia pubblicitaria per rendere automaticamente disponibili informazioni sui servizi di prevenzione del suicidio sullo schermo del computer o del telefono ogni volta che l’utente cerca parole o frasi correlate al suicidio.
“È molto difficile trovare persone che stanno pensando di uccidersi”, afferma Ito.  “Utilizziamo un sistema pubblicitario originariamente destinato alle aziende per attirare i clienti, solo per identificare le persone ad alto rischio di suicidio.  Abbiamo un approccio proattivo per trovare persone e raggiungerle.
I giovani, in particolare i ragazzi, hanno una fragile autostima e temo di risultare deboli agli occhi degli altri, se chiedono aiuto e da questo punto di vista, l’uso della tecnologia e dei social media, gioca a vantaggio.

Il centro di prevenzione del suicidio di Tokyo

Sebbene il rapporto tra le persone che effettivamente si tolgono la propria vita in Giappone sono circa il 70% uomini e il 30% donne, la direttrice e ricercatrice Akiko Mura, volontaria è presso il Tokyo Suicide Prevention Center negli ultimi 19 anni, stima che circa il 60% di coloro che chiamano il Centro per la prevenzione del suicidio di Tokyo sono donne e il 40% sono uomini.
Il problema del suicidio in Giappone nel 2020

Fino a qualche anno fa il suicidio in Giappone era un tabù

“Il suicidio era un tabù in Giappone”, dice Mura.
“Fino a circa 20 anni fa, era persino difficile pronunciare la parola suicidio. Ora, le persone sono diventate in grado di dire pubblicamente che vogliono morire. 
Penso che l’idea che alcune persone desiderano morire, sia diventato qualcosa di possibile nella nostra società.”
Il centro di prevenzione di Tokyo, come oltre l’80% dei gruppi di prevenzione del suicidio, secondo un sondaggio condotto a fine aprile, ha interrotto i suoi incontri a causa del Covid-19. Inoltre, ha dovuto sospendere la sua hotline notturna all’inizio di aprile. 
Il servizio è ripartito una volta alla settimana dal 12 maggio e ha iniziato a funzionare due volte a settimana da giugno.
Il problema del suicidio in Giappone nel 2020

Le statistiche del Ministero della Salute sui suicidi in Giappone

Le statistiche del ministero della salute hanno mostrato che i suicidi in aprile sono diminuiti del 20% rispetto all’anno precedente, ma gli esperti avvertono che il calo potrebbe essere solo temporaneo. 
Le ragioni della riduzione potrebbero includere la chiusura delle scuole a marzo, un numero maggiore di dipendenti che lavorano da casa o un senso generale di unità di fronte a una crisi.
Uno studio dell’unità di ricerca sulla resilienza dell’Università di Kyoto, pubblicato alla fine di aprile, ha previsto che la ricaduta economica della pandemia potrebbe causare fra i 140.000 a 270.000 suicidi negli anni a venire.
I gruppi di supporto si stanno preparando per un momento difficile.
 “Certo, l’economia sarà un fattore, ma penso che sarà il senso di isolamento unito alla cattiva economia che renderà le persone ansiose e incapaci di vedere una via da seguire”, dice Mura.  “Penso che i sentimenti di disperazione e ansia saranno un fattore fondamentale per le persone che stanno pensando al suicidio”.

FONTE: Japan Times

Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:
La storia di Tsukiji Market: la cucina di Tokyo fra antico e moderno
Giappone: la pandemia aumenta i casi di suicidio nelle donne e negli under 20
Tsuyu: la stagione delle piogge in Giappone del mese di giugno
Giappone: solo il 10% delle aziende tutela i dipendenti LGBTI
Le nuove proteste contro il razzismo fanno il giro del mondo
Estate 2020: visitare Genova
Diffondi il verbo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *