Tempo di lettura: 2 minuti

La mostra di Monet e gli impressionisti a Bologna

A quasi un secolo dalla sua morte, il pittore francese Claude Monet gode di una notorietà quasi universale. Per celebrarlo, a Palazzo Albergati sito in via Saragozza, 28 a Bologna, la mostra intitolata “Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmottan Monet” aprirà al pubblico il 13 marzo 2020. Attraverso l’esposizione di ben 57 opere, sarà ripercorsa e celebrata, la storia di uno dei movimenti pittorici più amati al mondo: l’impressionismo.
Claude Monet (1840-1926) maestro dell’impressionismo
Claude Monet, ha avuto il merito di portare la pittura fuori dallo studio nella campagna ventilata. Ha testimoniato e ci ha dato il punto di vista definitivo del tempo libero francese. Le sue immagini di pioppi e pile di grano, di scogliere di pietra al largo della costa della Normandia, di donne che passeggiano all’ombra dei loro ombrellini inclinati, suggeriscono che la vita è intrinsecamente piacevole in una serie di pomeriggi languidi, il cui unico pericolo è la sovraesposizione al sole. 

 

Il Musée Marmottan Monet

Nel 1966, il museo diventa legatario universale di Claude Monet attraverso suo figlio Michel. Più di cento dipinti raffiguranti la carriera del maestro dell’impressionismo, sono disponibili nella sede di Parigi. Oltre ai capolavori della giovinezza e della maturità, abbiamo i dipinti monumentali che rappresentano le ninfee e il giardino di Giverny. Ciò che pochi sanno è che Monet era anche un grande collezionista d’arte. Possedeva dozzine di dipinti, inclusi capolavori, sia dei suoi precursori che dei suoi contemporanei, da Delacroix a Corot, da Manet a Renoir e, non ultimo, Cézanne.

Il Musée Marmottan Monet, nella persona della direttrice scientifica Marianne Mathieu, per la prima volta dalla sua fondazione nel 1934, concede a Bologna un nucleo di opere di Monet, ma non solo. Troverete anche Manet, Renoir, Degas e molti altri.

Infatti, assieme ai capolavori dell’impressionismo francese come Portrait de Madame Ducros di Degas, Portrait de Julie Manet di Renoir e Nymphéas di Monet, potrete ammirare le opere inedite al grande pubblico, in quanto facenti parte della collezione permanente del Musée Marmottan Monet. È il caso di Portrait de Berthe Morisot étendue di Édouard Manet, Le Pont de l’Europe, gare Saint-Lazare di Claude Monet e Jeune Fille assise au chapeau blanc di Pierre Auguste Renoir.

 

La mostra di palazzo Albergati, organizzata dal Gruppo Arthemisia, sarà inaugurata il 13 marzo 2020 per terminare il 12 luglio 2020. Per tutte le info utili, consultate il sito.

 

 

Marzia Parmigiani

 

Altro, in questo blog di viaggio:

Sogno e magia: Chagall a Bologna

Botero in mostra a Bologna

Diffondi il verbo!

2 risposte

  1. L’impressionismo mi piace molto e anche la città di Bologna😍 questa mostra potrebbe essere l’occasione giusta per tornare a farci un giro (e a mangiare i tortellini ahah)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *