Mono Kuyō Giappone: la pratica dei riti funebri per gli oggetti

Tempo di lettura: 10 minuti

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti.

Mono Kuyō Giappone: la pratica dei riti funebri per gli oggetti

Nella cultura animista del Giappone, si crede che tutte le cose, viventi o non viventi, abbiano uno spirito o un’anima. Questa convinzione si estende agli oggetti, che sono visti come dotati di un tipo di forza vitale. Quando un oggetto diventa inutile, si rompe o raggiunge la fine della sua utilità, si pensa che il suo spirito se ne vada. Mono kuyō si riferisce ai riti funebri eseguiti in Giappone per oggetti scartati o rotti, per esprimere gratitudine e consentire allo spirito dell’oggetto di continuare il suo viaggio. In questo articolo scopriremo Mono Kuyō Giappone: la pratica dei riti funebri per gli oggetti.

Prima di continuare, per essere sempre informati sugli aggiornamenti in merito a curiosità sul Giappone, cultura giapponese, migliori hotel di Tokyo dove dormire a Tokyo e consigli sull’organizzazione dei viaggi in Giappone, suggeriamo di visitare e seguire la nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio In Giappone”.

A proposito se stai organizzando il tuo viaggio in Giappone (o in qualsiasi altro paese del mondo) e desideri avere un codice sconto assicurazione di viaggio, ti consigliamo Heymondo che ti regala il 10% di riduzione sul prezzo, solo per essere lettore di Traveltherapists!

In più, grazie al codice sconto Ninja Wif-Fi Giappone, puoi usufruire dello sconto del 10% usando il nostro codice GIAPPONE23.

Inizia il tuo viaggio nella lingua e nella cultura giapponese oggi stesso con il CODICE SCONTO DEDICATO. Scopri la magia del Giappone dal comfort di casa tua con il miglior corso di giapponese totalmente online sul sito https://www.giapponeseonline.com/

⚠️IL NOSTRO CODICE: ILMIOVIAGGIO-TUONOME⚠️

Per te, lettore di Traveltherapists e Il Mio Viaggio In Giappone, una speciale offerta: 3 MESI GRATUITI IN PIU’ dopo l’anno di corso al costo di soli 130,00 euro.

Cosa significa mono kuyō?

Il termine “mono kuyō” (物供) si traduce letteralmente in “servizio commemorativo dello strumento” in giapponese.

“Mono” significa “cosa” o “oggetto” in giapponese. Si riferisce a oggetti inanimati, in particolare strumenti, utensili e altri strumenti utilizzati nella vita di tutti i giorni.

“Kuyō” significa “servizio funebre” o “rito funebre” in giapponese. È il rituale condotto per onorare lo spirito di qualcuno o qualcosa che è morto o è stato ritirato/scartato.

Così combinato insieme, “mono kuyō” si traduce letteralmente in un servizio funebre o rituale tenuto per oggetti che hanno raggiunto la fine della loro utilità e vengono scartati o ritirati dall’uso.

La parola “mono kuyō” illustra come la lingua giapponese vede gli oggetti come dotati di uno spirito o di un’anima che merita un rituale adeguato quando la sua forma fisica cessa di funzionare. Ciò riflette le radici animiste della cultura giapponese.

 

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: l’origine e la storia del Mono Kuyō

La pratica del mono kuyō affonda le sue radici nell’animismo giapponese, che attribuisce essenze spirituali chiamate kami a oggetti e fenomeni. L’animismo fa parte della spiritualità giapponese fin dai tempi antichi, anche prima dell’arrivo del buddismo in Giappone nel VI secolo. Le prime credenze animistiche includevano l’idea che montagne, fiumi, rocce, alberi e altre parti della natura avessero dei kami. Nel corso del tempo, questo concetto si è esteso anche agli oggetti realizzati dall’uomo.

Nella visione del mondo giapponese, si pensa che gli oggetti servano al loro scopo finché non si rompono o diventano inutilizzabili. Vengono poi scartati o riciclati. Tuttavia, i giapponesi credono che anche gli oggetti inanimati accumulino uno spirito o un’anima nel corso della loro utilità. Quindi, invece di scartarli senza senso, è importante eseguire rituali per liberare gli spiriti dell’oggetto. Ciò consente all’essenza dell’oggetto di trasformarsi e andare avanti per servire un nuovo scopo.

I rituali Mono kuyō crebbero in popolarità durante il periodo Edo in Giappone (1603-1867). In questo periodo, i rituali commemorativi buddisti per i morti divennero commercializzati, accessibili e ampiamente praticati tra la popolazione. Il sentimento si estendeva poi dai riti funebri per le persone a quelli per gli oggetti cari che erano “morti” al termine della loro utilità.

Oggi il mono kuyō è ancora praticato regolarmente, in particolare dai proprietari di piccole imprese per i quali oggetti e strumenti sono fondamentali per le operazioni quotidiane e il sostentamento. I riti vengono eseguiti per aghi rotti, spazzolini da denti logori, calendari scaduti, occhiali rotti e qualsiasi altro oggetto che abbia raggiunto la sua fine.

 

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: riti e cerimonie Mono Kuyō

Le cerimonie Mono kuyō condividono molti punti in comune con i tradizionali funerali giapponesi. Di solito si tengono nei templi buddisti e vengono eseguiti dai sacerdoti. A seconda dell’oggetto, il rito può essere un’elaborata cerimonia formale o una più piccola e privata. Il primo passo è la purificazione dell’oggetto. Questo viene fatto sventolando un tamagushi, un ramo di un albero sakaki con stelle filanti di carta, sopra l’oggetto. Successivamente, un sutra buddista viene cantato davanti a un altare con un’immagine dell’oggetto. Le offerte di fiori, cibo e incenso vengono fatte per nutrire lo spirito.

Alla conclusione del rituale, l’oggetto viene sepolto o bruciato, permettendo al suo spirito di lasciare questo mondo e di compiere una transizione pacifica. L’oggetto è ringraziato per i suoi anni di servizio. Si augura che il suo spirito rinasca e trovi un nuovo scopo. Proprio come i funerali umani, mono kuyō fornisce un senso di chiusura e un’opportunità per elaborare il dolore per la fine dell’utilità di un oggetto. Le cerimonie danno la certezza che lo spirito dell’oggetto non verrà dimenticato.

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: riti funebri per oggetti diversi

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: bambole

Alcuni degli oggetti più comuni utilizzati durante i riti funebri in Giappone sono le tradizionali bambole Hina. Le Hina sono bambole giapponesi decorate esposte durante l’annuale festival Hinamatsuri il 3 marzo. Le famiglie in genere mantengono set di bambole Hina che sono tramandate di generazione in generazione come cimeli di famiglia.

Quando una bambola si rompe o diventa troppo usurata per essere restaurata, per essa è organizzato un servizio mono kuyō. Al termine della cerimonia, la bambola è cremata o portata in mare per essere liberata. Le sepolture in mare per le bambole Hina sono popolari nelle città costiere. Le bambole sono posizionate su piccole imbarcazioni e lasciate alla deriva sulle onde.

Aghi

Per sarti, sarte e altri che lavorano frequentemente con gli aghi, il mono kuyō fornisce un rituale importante quando gli aghi si rompono o diventano troppo smussati per l’uso. Dato il ruolo indispensabile che gli aghi svolgono nelle professioni del cucito, si ritiene che i loro spiriti accumulino grandi abilità nel corso di molti anni di servizio. Riti funebri adeguati permettono a questa saggezza di ritornare nella riserva spirituale cosmica e alla fine rinascere in un nuovo ago.

 

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: coltelli

Nel mondo culinario giapponese, i coltelli sono trattati con riverenza. I migliori chef utilizzano gli stessi coltelli per tutta la loro carriera, stringendo stretti legami nel corso di decenni di servizio condiviso. Si pensa che i coltelli ben usati assumano uno spirito o un’anima propria. Quando questi coltelli diventano opachi in modo irreparabile, i riti mono kuyō aiutano a guidare i loro spiriti nella vita successiva prima che il metallo venga riciclato per nuovi coltelli.

Altri utensili

Oltre ad aghi e coltelli, mono kuyō è comunemente utilizzato anche per tazze da tè rotte, calendari scaduti, specchi rotti, pennelli per calligrafia ritirati e qualsiasi altro oggetto domestico o attrezzi professionali.

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: foto e radiografie

Anche se oggi è meno comune, in passato non era insolito praticare mono kuyō per vecchie foto e radiografie. Le foto catturavano un certo momento nel tempo, quindi si credeva che l’anima di quel momento riposasse nelle immagini. Si pensava che i raggi X incapsulassero l’essenza spirituale della persona in quel particolare punto della sua storia sanitaria.

Anche se le foto e le radiografie non sono più utilizzate o necessarie, la loro sepoltura o rogo rituale aiuta a fornire conforto affinché le loro anime possano continuare. Tuttavia, con l’odierna digitalizzazione di foto e cartelle cliniche, questa pratica si verifica meno frequentemente.

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: preti a noleggio

I monaci e i preti buddisti in Giappone eseguono abitualmente rituali mono kuyō. I templi buddisti possono ricavare una parte significativa delle entrate dallo svolgimento di tali riti funebri. I clienti più ricchi commissionino cerimonie più elaborate, mentre gli eventi più piccoli sono alla portata della gente comune. I prezzi vanno da ¥ 20.000-¥ 30.000 per un funerale a un coltello, mentre ¥ 50.000 forniscono un funerale di un giorno intero completo.

sacerdote il mio viaggio in giappone traveltherapists

Mono Kuyō nella cultura popolare

Mono kuyō è apparso nella cultura pop giapponese, fornendo commenti sulla pratica culturale. Negli anime e nei manga, i personaggi occasionalmente tengono funerali per oggetti rotti importanti per loro. Anche l’acclamato regista dello Studio Ghibli Hayao Miyazaki ha fatto riferimento a mono kuyō nel suo film del 2013 “Si alza il vento”. Il film presenta una scena in cui l’ingegnere aeronautico Jirō Horikoshi partecipa a un’audace cerimonia per aerei e piloti di caccia precipitati. Ciò fornisce un commento sociale sulla storia imperialista del Giappone e sul lato oscuro delle pratiche mono kuyō.

Si alza il vento romanzo Tatsuo Hori

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: esempi insoliti 

Mentre le gru origami, i coltelli da cucina e i pennelli per calligrafia sono tutti comunemente onorati attraverso il mono kuyō, occasionalmente anche oggetti unici e bizzarri ricevono riti funebri. Ciò riflette il valore attribuito al mono kuyō indipendentemente dalla natura dell’oggetto. Alcuni esempi insoliti includono:

– Occhiali rotti – In un tempio di Tokyo, i visitatori possono rendere omaggio a un monumento a forma di tomba agli occhiali le cui lenti sono saltate fuori o le montature rotte irreparabilmente.

– Corde da arrampicata cadute – Le corde da alpinismo che si sfilacciano e devono essere ritirate vengono sottoposte a mono kuyō prima di essere triturate per altri usi.

– Telefoni cellulari rotti – Al Santuario Kabira del Kansai, i clienti possono richiedere rituali shintoisti per i dispositivi mobili rotti che si ritiene contengano un’essenza spirituale.

– Edifici demoliti – Le strutture pubbliche a volte ricevono un elaborato mono kuyō quando sono demolite al termine del loro periodo di utilizzo sicuro.

– Bambole sessuali in pensione – Nel tempio Yorudan di Osaka, i clienti dicono addio agli ausili per l’intimità che non sono più utilizzabili.

Sebbene divertenti per gli osservatori esterni, questi esempi mostrano come mono kuyō persista come un modo per trovare significato anche scartando gli oggetti più strani della vita.

Mono Kuyō Giappone funerali oggetti: prospettive critiche su Mono Kuyō

Mentre molti abbracciano il mono kuyō, alcuni critici sostengono che la pratica promuova lo spreco e il consumo eccessivo. Distruggere oggetti riparabili per liberare i loro spiriti potrebbe essere visto come dannoso per l’ambiente. Alcuni attivisti credono che la società dovrebbe combattere il condizionamento culturale secondo cui gli oggetti sono usa e getta.

Tuttavia, i difensori ribattono che la pratica è fondamentalmente eco-consapevole. Mono kuyō è nato da una società basata sul riutilizzo e sul riciclaggio. Le professioni si basano sull’estrazione della massima utilità da strumenti e oggetti prima di mettere a riposo gli spiriti. Pertanto, mono kuyō riflette valori di parsimonia e conservazione profondamente radicati.

Altri sostengono che i riti mono kuyō forniscano conforto in tempi di intensi cambiamenti. Con il boom economico e i relativi sprechi, sostengono che le cerimonie aiutino la società giapponese a passare con grazia da un’era a quella successiva. I rituali agiscono come una valvola di sfogo per lo stress della modernizzazione.

La linea di fondo

In questo articolo abbiamo esplorato Mono Kuyō Giappone: la pratica dei riti funebri per gli oggetti. Mentre il dibattito continua sui suoi meriti, il mono kuyō rimane una tradizione culturale unica che porta conforto in tempi di transizione. Per gli estranei, fornisce informazioni sulla religione e sulla visione del mondo giapponese. Per gli addetti ai lavori, offre una connessione al patrimonio e un significato più grande di qualsiasi oggetto stesso. Mono kuyō persiste come una costante piena di sentimento nell’impermanenza.

firma marzia parmigiani

Riferimenti

– Mono no aware: The Essence of Japanese Beauty by Hiroko Yoda

– The Book of Tea by Kakuzo Okakura 

– Divided Lenses: Screen Memories of War in East Asia edited by Michael Berry and Chiho Sawada

– Encyclopedia of Shinto Volume 1 edited by Matsuo Shimazono

– The Catalpa Bow: A Study of Shamanistic Practices in Japan by Carmen Blacker

– Japanese Celebrations: Cherry Blossoms, Lanterns and Stars! by Betty Reynolds

– Japanese Pilgrimage by Oliver Statler

Dove dormire a Tokyo? Migliori Hotel 

BELLUSTAR TOKYO, A Pan Pacific Hotel

HOTEL GROOVE SHINJUKU, A PARKROYAL Hotel

Hotel Emit Shibuya

Ai Hotel Keikyu Kamata

Hotel Emit Shibuya – Vacation STAY 40894v

Shibuya Tobu Hotel

The Millennials Shibuya

Shibuya Creston Hotel

Hotel Wing International Premium Shibuya

sequence MIYASHITA PARK / SHIBUYA

Hotel Owl Tokyo Shinbashi

bnb+ Kanda Terrace Ogawamachi

 

 Migliori Hotel a Ikebukuro

 Henn na Hotel Tokyo Asakusabashi

ID STAY Ikebukuro 

Sunshine City Prince Hotel Ikebukuro

Hotel Wing International Ikebukuro

Tokyu Stay Ikebukuro

Restay Frontier (Adult Only)

Hotel VARKIN Ikebukuro

Hotel Wing International Select Ikebukuro

APA Hotel Ikebukuro Eki Kitaguchi

HOTEL MYSTAYS Higashi Ikebukuro

Hotel Metropolitan Tokyo Ikebukuro

 

Top hotel Ueno per qualità prezzo

Tabata Oji Hotel

GUEST HOUSE SaKURa

Time Sharing Stay Asakusa

Tabist ヒロマスホテル 上野

unito CHIYODA

 

Migliori hotel a Yokohama

PROSTYLE Ryokan Yokohama Bashamichi

Sotetsu Fresa Inn Yokohama Higashiguchi

APA Hotel & Resort Yokohama Bay Tower

Hotel Resol Yokohama Sakuragicho

Hotel Edit Yokohama

Chisun Hotel Yokohama Isezakicho

Hotel New Grand

InterContinental Yokohama Grand IHG Hotel

Richmond Hotel Yokohama-Bashamichi

Oakwood Suites Yokohama

Dove dormire a Kyoto? Top hotel di Kyoto

Laon Inn Gion Nawate

FUGASTAY Shijo Omiya

Randor Residential Hotel Kyoto Suites

Daiwa Roynet Hotel Kyoto Grande – former Daiwa Royal Hotel Grande Kyoto

Hotel Alza Kyoto

MUNI KYOTO

Kyoto Shijo Takakura Hotel Grandereverie

Kyomachiya Suite Rikyu

Nagi Kyoto Shijo

 

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Kabukicho Tower Shinjuku: primo grattacielo del Giappone progettato da una donna

 

Quali sono i migliori whisky giapponesi?

 

Come distinguere giapponesi coreani e cinesi?

 

I torii più iconici del Giappone

 

5 Fatti sul Giappone da sapere prima di un viaggio

 

Perché i giapponesi fanno una fila così ordinata?

 

Top luoghi vicini a Tokyo da visitare in un giorno

 

Pocket Wi-Fi Giappone: come funziona? Ecco perché scegliere Sakura Mobile

 

Perché i tatuaggi sono proibiti negli onsen del Giappone?

 

Giappone in autunno: 12 top luoghi da visitare

 

Blog Giappone

 

Miglior blog di viaggio

 

Il Mio Viaggio In Giappone

 

Assicurazione viaggio Giappone

 

pocket wifi Giappone come funziona

Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!