Parole e frasi giapponesi terapeutiche per la pace interiore

Tempo di lettura: 9 minuti

Parole e frasi giapponesi terapeutiche.

Parole e frasi giapponesi terapeutiche per la pace interiore

Nella nostra realtà moderna e completamente interconnessa, siamo costantemente bombardati da notizie angoscianti provenienti da tutto il mondo. Sebbene sia importante rimanere informati, ci troviamo anche a gestire le esigenze della nostra frenetica routine quotidiana, compreso il lavoro e le varie responsabilità.

Fortunatamente, la cultura giapponese offre diverse opportunità per guadagnare pace interiore: non tutti possiamo partecipare a seminari di meditazione Zen o godere di passeggiate serene nei santuari e nei templi del Paese del Sol Levante. Tuttavia, anche per chi non vive in Giappone, è possibile integrare la mentalità Zen e abbracciare la peculiare prospettiva giapponese nel proprio stile di vita una volta che si comprendono i principi fondamentali.

Quindi, di seguito introdurremo parole e frasi giapponesi terapeutiche per la pace interiore.

marzia senso ji il mio viaggio in giappone traveltherapists

Marzia ad Asakusa: uno dei luoghi del cuore.

Prima di continuare, per essere sempre informati sugli aggiornamenti in merito a curiosità sul Giappone, cultura giapponese, migliori hotel di Tokyo dove dormire a Tokyo e consigli sull’organizzazione dei viaggi in Giappone, suggeriamo di visitare e seguire la nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio In Giappone”.

A proposito se stai organizzando il tuo viaggio in Giappone (o in qualsiasi altro paese del mondo) e desideri avere un codice sconto assicurazione di viaggio, ti consigliamo Heymondo che ti regala il 10% di riduzione sul prezzo, solo per essere lettore di Traveltherapists!

Inizia il tuo viaggio nella lingua e nella cultura giapponese oggi stesso con il CODICE SCONTO DEDICATO.

Scopri la magia del Giappone dal comfort di casa tua con il miglior corso di giapponese totalmente online sul sito https://www.giapponeseonline.com/

⚠️IL NOSTRO CODICE: ILMIOVIAGGIO-TUONOME⚠️

Per te, lettore di Traveltherapists e Il Mio Viaggio In Giappone, una speciale offerta: 3 MESI GRATUITI IN PIU’ dopo l’anno di corso al costo di soli 130,00 euro.

Parole e frasi giapponesi terapeutiche: abbracciando la filosofia Zen di Hibi Kore Kōjitsu (日日是好日”)

La frase buddista Zen “日日是好日” (Hibi Kore Kōjitsu) è comunemente tradotta come “ogni giorno è un buon giorno”, ma il suo significato è più profondo di quanto suggerisca questa semplice traduzione. In realtà, trasmette un messaggio più profondo, insegnando come liberarci dai pensieri negativi e disfunzionali.

Il principio fondamentale di “hibi kore kōjitsu” è che non esistono giorni intrinsecamente buoni o cattivi. Ogni giornata presenta nuove opportunità. Ci spinge ad accettare ogni giorno così com’è, con il minimo attaccamento a desideri futili e ad affrontare ogni cosa con gratitudine e saggezza.

Quando accade qualcosa di negativo, è naturale avere la sensazione di vivere una giornata terribile. Tuttavia, questo detto buddista serve a ricordare che prendere le distanze dalle nostre emozioni grezze ci consente di muoverci meglio nelle nostre realtà.

È importante coltivare l’abitudine di liberarsi da schemi di pensiero disfunzionali e focalizzarsi sulle cose positive di ogni giorno tenendo un diario della gratitudine prima di andare a dormire. Inizialmente, spostare la nostra prospettiva sugli eventi negativi richiede uno sforzo. Ma una volta che diventa una routine, contribuisce in modo significativo a mantenere un senso di calma e apprezzamento.

scrivere diario il mio viaggio in giappone traveltherapists

Parole e frasi giapponesi terapeutiche: Wakei Seijaku (和敬清寂) nella cultura del tè giapponese

La frase “和敬清寂” (Wakei Seijaku), composta da quattro caratteri, funge da principio guida nel rituale delle cerimonie del tè giapponese. Ciascuno di questi caratteri kanji ha un significato di rilievo nel contesto della cultura del tè e, se combinati, racchiudono l’essenza della promozione del rispetto reciproco e del mantenimento della pulizia per assaporare la tranquillità:

  • 和 (Wa): significa armonia e pace.
  • 敬 (Kei): Sottolinea l’importanza del rispetto degli altri.
  • 清 (Sei): Evidenziare chiarezza, pulizia e purezza.
  • 寂 (Jaku): Evoca il concetto di silenzio e di mente indisturbata.

L’origine di questo termine rimane oggetto di dibattito. Alcuni attribuiscono la sua creazione a Sen no Rikyū, il fondatore delle moderne cerimonie del tè, mentre recenti ricerche suggeriscono che Daishin Gitou, un monaco originario di Kyoto, potrebbe essere stato l’ideatore di questa espressione.

Indipendentemente dalle sue origini, il concetto di “wakei seijaku” è profondamente radicato nella cultura giapponese. I visitatori in Giappone spesso associano questa etica di rispetto reciproco e l’enfasi sulla pulizia e sul silenzio nelle visite ai templi e ai santuari.

marzia parmigiani kimono tempio bukko-ji kyoto il mio viaggio in giappone traveltherapists

Marzia al tempio Bukko-ji di Kyoto

Tuttavia, una comprensione approfondita di questo termine è incompleta senza conoscere il mondo del matcha. In una tradizionale cerimonia del tè, l’ospitante non esercita l’autorità esclusiva.

Tutto all’interno dell’intima sala tatami, dedicata esclusivamente alla cerimonia del tè, gioca un ruolo fondamentale nel conferire significato all’incontro. Questo comprende non solo gli ospiti, ma, ad esempio anche i fiori precisamente disposti in un vaso. Inoltre, mantenere gli strumenti e lo spazio in modo incontaminato e ordinato amplifica l’attenzione sul tè stesso, sulle stagioni in continua evoluzione e sui momenti profondi di comunicazione tra chi prepara il tè e gli ospiti.

Cerimonia del tè in Giappone

Parole e frasi giapponesi terapeutiche: Shōkakkō (小確幸) – La gioia dei piccoli piaceri della vita

Coniato dal famoso autore Haruki Murakami, il termine “小確幸” (Shōkakkō) si traduce direttamente in “piccola ma certa felicità” presente nel romanzo Afternoon in the Islets of Langerhands (1986). Sebbene possa essere ben noto tra gli appassionati di Murakami in Giappone, ha guadagnato notevole popolarità in Cina e in vari altri paesi asiatici al punto che alcuni credono erroneamente che sia di origine cinese.

Perfino i membri dei BTS hanno condiviso le loro liste personali di “shōkakkō” durante il suo picco di tendenza in Corea del Sud, contribuendo a farsi conoscere ancora di più dai loro fan.

La definizione di “piccola, ma certa felicità” può variare da persona a persona, ma Murakami offre alcuni esempi di “shōkakkō” nelle sue opere letterarie. Uno prevede di assaporare una birra fresca dopo una giornata di lavoro faticosa e calda, mentre un altro è incentrato sulla scoperta della biancheria intima ben piegata in un cassetto.

elina sindoni che fa segno vittoria con le dita, mentre marzia parmigiani tiene in mano il nuovo romanzo di murakami 2023 a Kyoto

Marzia ed Elina con il nuovo romanzo di Murakami a Kyoto

L’elenco dei membri dei BTS include gioie semplici come godersi una lattina di birra subito dopo una doccia rinfrescante, bere un tè Oolong, fare shopping e abbinare i vestiti, sentirsi amati e altro ancora.

shōkakkō bts il mio viaggio in giappone traveltherapists

Il posti di shōkakkō condiviso dai BTS (a destra c’è la traduzione)

Anche se potresti considerare questi piccoli piaceri piuttosto modesti, hanno un profondo significato nel mondo di oggi, dove i social media ci inondano con un ampio spettro di esperienze, da individui che vivono in regioni devastate dalla guerra a celebrità che accumulano fortune da un singolo post su Instagram.

In questo mondo caotico e diviso, potresti desiderare di vincere un grande premio, ma tale fortuna capita raramente. In termini di benessere mentale, avere una lista di “shōkakkō” si rivela molto più efficace che stringere in mano i biglietti della lotteria, poiché questi momenti non mancano mai di migliorare la qualità della nostra vita. Ad esempio, la nostra piccola, ma sincera, fonte di felicità consiste nel prendersi il tempo di dare un’occhiata ai libri di un negozio che c’ispira, andare al cinema a vedere un film che aspettavamo da tempo. O per me, Marzia, concedermi un buon caffè al caramello con biscotti al burro. Anche mettersi a letto guardando al calduccio in inverno le serie tv preferite è un buon esempio. E tu? Quali sono i tuoi momenti di shōkakkō?

tsundoku libreria jimbocho il mio viaggio in giappone traveltherapists

Parole e frasi giapponesi terapeutiche: Karisome (仮初め)

Infine, fra le parole e frasi giapponesi terapeutiche, troviamo “仮初め” (Karisome). In giapponese si riferisce a qualcosa di temporaneo, effimero o transitorio. È un termine che spesso è utilizzato per descrivere relazioni o situazioni che sono temporanee o che hanno una durata limitata nel tempo. Può anche essere usato per indicare qualcosa che è appena iniziato o che è ancora in una fase iniziale.

Karisome racchiude essenzialmente due significati: temporaneo e, a volte, poco persuaso, a causa della sua implicazione di un arco di tempo limitato. Il carattere kanji originale 染, che significa tintura di prova, racchiude perfettamente questo concetto.

Nell’uso contemporaneo è stato soppiantato da 初, che significa inizio. La frase più comunemente associata a questa parola è “仮初めの恋 (karisome no koi)”, che si traduce in “amore temporaneo” che difficilmente culminerà nella felicità. Pertanto, ci si potrebbe chiedere se le nostre 人生 (vite) debbano mai essere considerate karisome (仮初め).

Ma l’espressione sottolinea che dovremmo sfruttare al massimo il nostro tempo in questa vita fugace. Offre un senso di liberazione svincolandosi dalle pressioni sociali per raggiungere il successo senza incontrare battute d’arresto, un problema particolarmente palpabile nella società giapponese.

In fondo, non c’è modo di “provare prima” le nostre vite. Quindi, ogni giorno è un giro di prova, ed in quest’ottica, commettere errori sembra meno terribile. Possiamo persistere nella nostra sperimentazione, avvicinandoci sempre di più a ciò che ci soddisfa veramente, e questo è perfettamente accettabile, vero?

marzia parmigiani elina sindoni daruma katsuo ji il mio viaggio in giappone traveltherapists

Elina e Marzia al tempio dei daruma Katsuo-ji di Minoh, Osaka

In questo articolo abbiamo scoperto parole e frasi giapponesi terapeutiche per la pace interiore. Scoprire espressioni interessanti ed esplorarne le sfumature è una delle cose che amiamo fare di più. E tu, hai scoperto una parola o un’espressione che ti ha colpito? Speriamo di sì.

firma marzia parmigiani

Riferimenti: Medium

Dove dormire a Tokyo? Migliori Hotel 

BELLUSTAR TOKYO, A Pan Pacific Hotel

HOTEL GROOVE SHINJUKU, A PARKROYAL Hotel

Hotel Emit Shibuya

Ai Hotel Keikyu Kamata

Hotel Emit Shibuya – Vacation STAY 40894v

Shibuya Tobu Hotel

The Millennials Shibuya

Shibuya Creston Hotel

Hotel Wing International Premium Shibuya

sequence MIYASHITA PARK / SHIBUYA

Hotel Owl Tokyo Shinbashi

bnb+ Kanda Terrace Ogawamachi

 

 Migliori Hotel a Ikebukuro

 Henn na Hotel Tokyo Asakusabashi

ID STAY Ikebukuro 

Sunshine City Prince Hotel Ikebukuro

Hotel Wing International Ikebukuro

Tokyu Stay Ikebukuro

Restay Frontier (Adult Only)

Hotel VARKIN Ikebukuro

Hotel Wing International Select Ikebukuro

APA Hotel Ikebukuro Eki Kitaguchi

HOTEL MYSTAYS Higashi Ikebukuro

Hotel Metropolitan Tokyo Ikebukuro

 

Top hotel Ueno per qualità prezzo

Tabata Oji Hotel

GUEST HOUSE SaKURa

Time Sharing Stay Asakusa

Tabist ヒロマスホテル 上野

unito CHIYODA

 

Migliori hotel a Yokohama

PROSTYLE Ryokan Yokohama Bashamichi

Sotetsu Fresa Inn Yokohama Higashiguchi

APA Hotel & Resort Yokohama Bay Tower

Hotel Resol Yokohama Sakuragicho

Hotel Edit Yokohama

Chisun Hotel Yokohama Isezakicho

Hotel New Grand

InterContinental Yokohama Grand IHG Hotel

Richmond Hotel Yokohama-Bashamichi

Oakwood Suites Yokohama

Dove dormire a Kyoto? Top hotel di Kyoto

Laon Inn Gion Nawate

FUGASTAY Shijo Omiya

Randor Residential Hotel Kyoto Suites

Daiwa Roynet Hotel Kyoto Grande – former Daiwa Royal Hotel Grande Kyoto

Hotel Alza Kyoto

MUNI KYOTO

Kyoto Shijo Takakura Hotel Grandereverie

Kyomachiya Suite Rikyu

Nagi Kyoto Shijo

FOTO: Credit by Depositphotos.com

 

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Perfect Days: i bagni pubblici di Shibuya location nel film di Wenders

 

Kinkaku-ji a Kyoto: 18 cose che non sai

 

Cosa significa Shojin Ryori? La cucina buddista giapponese che favorisce l’illuminazione

 

Yamaguchi fra i 52 posti da visitare del New York Times nel 2024

 

Perché visitare il Giappone nel 2024? 5 novità entusiasmanti

 

Quali sono i migliori whisky giapponesi?

 

5 Fatti sul Giappone da sapere prima di un viaggio

 

Perché i giapponesi fanno una fila così ordinata?

 

Top luoghi vicini a Tokyo da visitare in un giorno

 

Pocket Wi-Fi Giappone: come funziona? Ecco perché scegliere Sakura Mobile

 

Blog Giappone

 

Miglior blog di viaggio

 

Il Mio Viaggio In Giappone

 

Assicurazione viaggio Giappone

Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!