Per il 2022 preparate le valigie: in Giappone si visita lo Shikoku

Tempo di lettura: 5 minuti

In Giappone si visita lo Shikoku.

Per il 2022 preparate le valigie in Giappone si visita lo Shikoku

L’isola di Shikoku (四国), letteralmente “quattro province” è una delle maggiori cinque isole del Giappone. Si tratta di un luogo suggestivo che vale la pena di menzionare, non tanto perché lo diciamo noi di Traveltherapists blog di viaggi – che da sempre nutriamo una grande passione per il Paese del Sol Levante – ma la Lonely Planet!

Ebbene, nel Best in Travel 2022 ritroviamo lo Shikoku (già inserito 2 anni fa) tra le 10 migliori regioni da visitare nel 2022 (pandemia permettendo).

Spesso abbiamo parlato di Giappone e vogliamo – visti i meriti – stendere il nostro tappeto rosso per quest’isola piccola ma allo stesso tempo talmente meravigliosa che merita menzione.

 

ritsurin-garden-shikoku giappone paesaggio il mio viaggio in giappone traveltherapists

La regione è conosciuta per l’antico Pellegrinaggio degli 88 templi, spesso abbiamo parlato nel nostro blog di pellegrinaggi, raccontando anche la storia del Cammino di Santiago.

Il cammino in questione, è annoverato tra i cammini più antichi spirituali e percorre 1400 Km. Si passa dalla Valle di Iya sommersi dalla natura selvaggia e per l’Awa Odori un festival che si tiene in agosto a Tokushima.

awa odori il mio viaggio in giappone traveltherapists blog giappone miglior blog di viaggio. di sera

In Giappone si visita lo Shikoku: cosa offre ai turisti quest’angolo di paradiso? Shikoku Best in Travel 2022

Lontana da percorsi prettamente turistici, lo Shikoku è una meta che ha il vantaggio di aiutare il viaggiatore a scoprire dei lati di sé che non conosceva.

L’immersione nella natura è tale da proteggere i pensieri positivi e creare delle potenziali risorse.

Ognuno di noi dovrebbe avere il privilegio di viaggiare con sé, di proteggere l’Io interiore e poterci discutere per comprenderlo. Possiamo dire che lo Shikoku è un dei luoghi dove è possibile farlo!

Scopriamo insieme perché quest’isola è stata proclamata da Lonely Planet Best in Travel 2022!

 

shikoku giappone paesaggio il mio viaggio in giappone traveltherapists In Giappone si visita lo Shikoku

In Giappone si visita lo Shikoku: i motivi per cui visitare Shikoku

Abbiamo parlato del Pellegrinaggio degli 88 templi: la storia è davvero interessante che non basterebbe uno storytelling eccellente per raccontarla. Ma qualche informazione può aiutarci a fare chiarezza.

Questo Pellegrinaggio fa parte della storia del Giappone, vede come protagonisti gli henro, i pellegrini che da 1200 anni attraversano lo Shikoku a piedi per raggiungere l’Illuminazione.

Questi pellegrini sono legati dalle tracce del santo buddista Shingon Kōbō Daishi, che proprio in quel luogo si narra raggiunse il Nirvana. Oggi, molte persone scelgono percorsi personalizzati per affrontare il cammino impervio e abbastanza complesso tra le meraviglie della natura, ma possiamo ancora scorgerne alcuni.

Il Pellegrinaggio degli 88 templi è un’occasione unica per vivere la tradizione del settai, ovvero il contributo che gli abitanti dell’isola danno al pellegrino per aiutarlo a raggiungere l’illuminazione. Questo contributo può essere: una bibita fresca, una donazione in yen e un saluto caloroso.

Un altro motivo per visitare questa regione è Kamikatsu, nella prefettura di Tokushima. Si tratta di una cittadina da fiaba che conosciamo per il suo zero-waste e il riciclo pari all’80% dei propri rifiuti oltre che per la bellezza che la contraddistingue.

 Kamikatsu offre il programma INOW per i visitatori e quindi offre l’opportunità di diventare abitanti per ben 2 settimane e partecipare alla vita comunitaria. Il sito di riferimento per questo genere di viaggio è: www.inowkamikatsu.com.

 

shikoku giappone paesaggio il mio viaggio in giappone traveltherapists In Giappone si visita lo Shikoku piante

In Giappone si visita lo Shikoku. Montagne, percorrendo montagne troverai la luce? Parliamo del motivo più “rurale” per visitare Shikoku

Le montagne della regione sono meravigliose, gole ripide, fiumi tortuosi e strade a strapiombo: parliamo della Valle di Iya.

Per molti secoli quest’area è stata esclusa dal turismo e aperta solo ai pellegrini perché incontaminata.

Si dice che il clan Heike trovò qui rifugio nel XII secolo: dopo essere stati sconfitti, costruirono dei ponti di liane, tecnica utilizzata spesso dalle popolazioni primitive per far cadere poi i nemici, tagliando le corde al loro passaggio.

Oggi ci sono ancora due di questi ponti che si possono ammirare, ma inaccessibili ovviamente al passaggio. Da segnalare anche in zona il villaggio di Nagoro, un luogo meraviglioso popolato da spaventapasseri e da una signora eccezionale che se ne occupa.

Ne abbiamo sentito parlare per la prima volta nel documentario a puntate di James May. Le bambole sono state create per combattere la solitudine dei pochi abitanti, dovuta allo spopolamento del villaggio.

ritsurin-garden-2 shikoku giappone paesaggio il mio viaggio in giappone In Giappone si visita lo Shikoku traveltherapists

VOGLIA DI GIAPPONE?

PERCHE’ NON PROVARE LA NOSTRA MYSTERY BOX DE “IL MIO VIAGGIO IN GIAPPONE”? DIRETTAMENTE DA TOKYO HARAJUKU A CASA VOSTRA, GRAZIE AL LAVORO SINERGICO CON I NOSTRI COLLABORATORI GIAPPONESI!

Si tratta di una box piena di cibi dolci e salati e articoli direttamente dal Giappone a casa vostra in meno di una settimana con spedizione gratis!

Se volete dare un’occhiata qui trovate la MYSTERY BOX DE IL MIO VIAGGIO IN GIAPPONE! 

 

Volete scoprire tutto sulla nostra Mystery Box?

Guardate questo divertente video di unboxing della Mystery Box powered by Il Mio Viaggio In Giappone, fatto da Stefy1986!

Regalate una protezione giapponese! Omamori gli amuleti giapponesi con il contenuto segreto

Gli oggetti che portano con sé un significato di protezione, sono un qualcosa di bello e suggestivo, da qualsiasi religione provengano.

Gli Omamori (#御守り) sono degli amuleti giapponesi che si trovano nei templi buddisti e nei santuari shintoisti.
La stessa parola 御守り (omamori) descrive il loro scopo abbastanza chiaramente: 御 (“o” titolo onorifico) e 守り (“mamori”, che significa “proteggere”).

Sebbene possano essere di varie forme, la maggior parte degli Omamori sono sacchetti di stoffa con una cordicella che contiene (e soprattutto nasconde) la preghiera principale.

 

omamori il mio viaggio in giappone traveltherapists

All’interno di un omamori c’è una piccola preghiera scritta progettata per conferire protezione, come portafortuna. 
Gli omamori possono essere acquistati per sé stessi o regalati e finché saprete dove si trova, l’omamori porterà fortuna. Inoltre, questi amuleti non “scadono”, ma è comune conservarli per circa un anno. Non bisognerebbe mai guardare mai dentro un Omamori, perché aprire e sbirciare dentro, fa perdere efficacia alla preghiera e la fortuna dell’amuleto diventa effettivamente inerte.

Gli Omamori traggono parte del loro potere dal mistero dell’ignoto, non si sa mai esattamente cosa ci sia dentro.

Siete interessati a comprare un omamori? Qui potete comprare Omamori giapponesi online!

 

Elina Sindoni

 

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Quali sono gli autori e le autrici giapponesi da leggere assolutamente?

 

I gashapon di Peach Aviation con biglietti aerei a sorpresa in Giappone

 

Blog Giappone

 

Miglior blog di viaggio

 

Il Mio Viaggio In Giappone

 

Mystery Box dal Giappone Traveltherapists

 

Ganghan Box (강한box) cibo dalla Corea

 

 

Diffondi il verbo!