Perché le giapponesi si coprono la bocca quando ridono?

Tempo di lettura: 5 minuti

Perché le giapponesi coprono la bocca.

Perché le giapponesi si coprono la bocca quando ridono?

Se siete appassionati di cultura nipponica vi sarà capitato di badare al fatto che i giapponesi – in particolare le donne – tendono a coprirsi la bocca quando ridono o sorridono. Ma perché le giapponesi si coprono la bocca?

Prima di tutto, se volete conoscere ogni aggiornamento, curiosità, cultura e consigli sull’organizzazione dei viaggi in Giappone, seguiteci sulla nostra pagina dedicata “Il Mio Viaggio In Giappone”.

In effetti c’è una ragione storica che affonda le radici in usi e costumi risalenti all’età antica.
il mio viaggio in giappone annerimento denti traveltherapists perché le giapponesi coprono la bocca ragazze giapponesi

Perché le giapponesi coprono la bocca mentre ridono: Ohaguro

Oggi, la maggior parte delle persone crede che l’atto di coprirsi i denti mentre si ride o si sorride, sia un’usanza nel galateo giapponese, oppure un trucco per nascondere denti non perfetti.
Anche se in parte alcuni lo fanno per questo, c’è una ragione storica più importante che ha creato un’abitudine che si è tramandata di secolo in secolo fino ad oggi.
In passato, infatti, le donne giapponesi avevano l’abitudine di tingersi i denti di nero in una pratica chiamata Ohaguro (お 歯 黒).
Pensate che in Giappone sono state trovate testimonianze della pratica di Ohaguro già nel il periodo Kofun (250-538).
Questa usanza è arrivata fino al periodo Heian, (794-1185), ma qui il motivo era anche un altro.

il mio viaggio in giappone annerimento denti traveltherapists perché le giapponesi coprono la bocca

Kanetsuke: perché le giapponesi si coprono la bocca

Fra la classe nobiliare iniziò l’usanza di tingersi i denti di nero, in una cerimonia chiamata Kanetsuke (鉄 漿 付).
Questa si celebrava quando le giovani donne (ma anche i giovani uomini) entravano nell’età adulta attorno ai 15 anni.
Inoltre, si diceva che il nero rappresentasse un modo per le donne sposate di trasmettere la loro virtù in termini di castità e fedeltà.
Infatti, se i denti sono anneriti, diventano meno visibili ed è più difficile far trapelare le emozioni al prossimo.
La soluzione utilizzata era detta kanemizu.
Si trattava dell’unione di acetato ferrico da limatura di ferro mischiata ad aceto e tannino di verdure o tè.
Si diceva che questa pratica preservasse dalla carie, un problema diffuso a quei tempi a causa dell’alimentazione e all’assenza di una buona igiene orale.
Questa pratica non era accessibile al popolo, quindi era anche un modo per i nobili di distinguersi.
Inoltre, la volontà di tingersi i denti di nero, rappresentava l’idea di differenziare i denti degli umani da quelli dei comuni animali.
il mio viaggio in giappone annerimento denti traveltherapists perché le giapponesi coprono la bocca sopracciglia rasate

Perché le giapponesi coprono la bocca: Bushido – il codice dei samurai

La pratica di annerirsi i denti, raggiunse il suo apice nel periodo Edo (1600-1868).
Addirittura in quegli anni, Ohaguro era un metodo per distinguere le donne sposate da quelle non sposate.
Nel Bushido – l’antico codice feudale dei samurai – il nero rappresentava l’integrità e la lealtà dei guerrieri.
Ecco perché anche gli shogun –  come Toyotomi Hideyoshi – praticavano Ohaguro.
il mio viaggio in giappone annerimento denti traveltherapists nobile sopracciglia rasate

Perché le giapponesi coprono la bocca: in Giappone la pratica di tingersi i denti di nero è stata imposta alle donne 

Ohaguro, annerendo i denti, impediva di decodificare efficacemente le emozioni espresse dalle persone.
Per questo, a livello sociale, fu imposto alle donne affinché non dessero attenzione al prossimo.
E non perché le donne lo considerassero esteticamente gradevole!
Siccome alle donne giapponesi non piaceva avere i denti neri, cominciarono a coprirsi consapevolmente la bocca mentre ridevano o mangiavano.
In seguito, la pratica fu abolita come parte dell’editto di modernizzazione del governo Meiji.
Anche oggi, dopo 150 anni dalla fine della pratica di Ohaguro, le donne giapponesi tendono ancora a coprirsi la bocca mentre ridono o mangiano, anche se inconsciamente.

 

Ohaguro e Hikimayu: eliminazione delle espressioni facciali dei giapponesi

Chi praticava Ohaguro, comunemente si radeva anche le sopracciglia.
Questa pratica detta Hikimayu (引眉), veniva completata con il disegno di finte sopracciglia sulla fronte (Tenzyou mayu / 殿上 眉).

Come per Ohaguro, anche la pratica di radersi le sopracciglia faceva parte di un rituale d’iniziazione all’età adulta.

Infatti, era parte della cerimonia di raggiungimento della maggiore età per giovani uomini e donne nobili.

 

giappone il mio viaggio in giappone perchè le giapponesi

Locandina del film del 1953 “Ugetsu” – fonte: Wikipedia

Perché i giapponesi si radevano le sopracciglia per poi disegnarle?

Vi starete chiedendo che senso ha radersi le sopracciglia, per poi ridipingerle più in alto sulla fronte. Era solo una strategia politica.

Se ci pensate, non solo gli occhi e la bocca, muovendosi, indicano determinate emozioni, ma anche le sopracciglia.

I nobili non volevano fare trapelare le emozioni ai loro avversari politici: sia in termini di segnali verbali che facciali.
E per impedire agli avversari di visualizzare i movimenti delle sopracciglia – e quindi determinate emozioni – preferivano raderle.
Disegnandole più in alto, sulla fronte, dove la pelle non reagisce alle emozioni, non rischiavano di essere “decodificati”.
Proprio come la pratica di Ohaguro, anche Hikimayu e Tenzyou Mayu, diventarono un’abitudine delle donne sposate, in modo che non potessero comunicare le loro emozioni a uomini diversi dal proprio marito.

Noi di Traveltherapists, lavoriamo sodo ogni giorno per offrire contenuti originali e di qualità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi supportare il nostro lavoro, metti un bel like alla nostra pagina Facebook di Traveltherapists e seguici sulla pagina Facebook de “Il Mio Viaggio In Giappone”. Segui Traveltherapists su Instagram e sul nostro canale Canale YouTube di Traveltherapists!

VOGLIA DI GIAPPONE?

PERCHE’ NON PROVARE LA NOSTRA MISTERY BOX DE “IL MIO VIAGGIO IN GIAPPONE”? DIRETTAMENTE DA TOKYO HARAJUKU A CASA VOSTRA, GRAZIE AL LAVORO SINERGICO CON I NOSTRI COLLABORATORI GIAPPONESI!

 

mistery box il mio viaggio in giappone traveltherapists

Si tratta di una box piena di cibi dolci e salati e articoli direttamente dal Giappone a casa vostra in meno di una settimana con spedizione gratis!

Se volete dare un’occhiata qui trovate la MYSTERY BOX DE IL MIO VIAGGIO IN GIAPPONE! 

 

Marzia Parmigiani

 

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Vuoi assaggiare i sapori della Corea del Sud? Prova la Ganghan Box degustazione per un assaggio di specialità coreane

 

L’importanza dei gruppi sanguigni per giapponesi e coreani

8 marzo: la festa del buon cuore di Hachiko in Giappone

 

 

Perché il Giappone si chiama Giappone?

 

 

Blog Giappone

 

Miglior blog di viaggio

 

Il Mio Viaggio In Giappone

 

Mystery Box dal Giappone

 

Ganghan Box (강한box) cibo dalla Corea

 

 

 

Diffondi il verbo!