Psicologia del turista: comprendere il comportamento e le motivazioni dei viaggiatori

Tempo di lettura: 4 minuti

Psicologia del turista.

Psicologia del turista: comprendere il comportamento e le motivazioni dei viaggiatori

Il turismo è un’industria globale enorme, con oltre 1,4 miliardi di arrivi di turisti internazionali in tutto il mondo solo nel 2018 (UNWTO, 2019). Le ragioni per cui le persone viaggiano e i fattori psicologici che influenzano il comportamento turistico sono vari e complessi. In questo articolo esploreremo la psicologia del turista: comprendere il comportamento e le motivazioni dei viaggiatori. Introdurremo alcuni dei concetti psicologici chiave e delle teorie relative alla motivazione e all’esperienza del turista. Comprendere la psicologia alla base del turismo può aiutare i fornitori di viaggi e le destinazioni a soddisfare meglio le esigenze dei visitatori e a migliorare l’esperienza di viaggio.

 

Psicologia del turista: teorie della motivazione turistica

I ricercatori hanno proposto varie teorie e strutture per spiegare cosa motiva le persone a viaggiare. Questi includono:

– La Gerarchia dei Bisogni di Maslow: Maslow propone che i bisogni umani possano essere organizzati in una gerarchia, con i bisogni fisiologici e di sicurezza più basilari in basso e l’autorealizzazione in alto. Il viaggio può aiutare a soddisfare bisogni di livello superiore come la stima attraverso il riconoscimento e l’apprezzamento di nuovi luoghi/culture e l’autorealizzazione attraverso nuove esperienze che portano alla crescita personale (Pearce, 1988).

– Fattori push e pull: i “fattori push” sono motivazioni interne che guidano il desiderio di viaggiare, come il bisogno di fuga, relax, avventura, socializzazione. I “fattori di attrazione” sono attributi esterni che rendono attraente una destinazione come spiagge, attività, cultura, cibo (Crompton, 1979).

– Ricerca di novità: alcuni teorici propongono che i turisti siano guidati dal bisogno di nuove esperienze e stimoli. Questa spinta alla ricerca della novità li porta a cercare esperienze diverse attraverso il viaggio (Lee & Crompton, 1992).

– Arousal ottimale: similmente alla ricerca della novità, questa teoria afferma che i turisti sono motivati a mantenere un livello ottimale di eccitazione e stimolazione. Se l’eccitazione è troppo bassa nella vita quotidiana, viaggiare verso nuove destinazioni fornisce eccitazione. Se è troppo alto, il viaggio aiuta a regolare l’eccitazione (Iso-Ahola, 1983).

Psicologia del turista: fattori psicologici nell’esperienza turistica

L’esperienza turistica si estende oltre le motivazioni, alle concrete percezioni, emozioni, valutazioni e ricordi legati al viaggio. Alcuni fattori chiave che modellano l’esperienza includono:

– Immagine della destinazione: la percezione di una destinazione da parte di un turista può influenzare in modo significativo la soddisfazione. Le destinazioni devono essere all’altezza delle immagini positive che attraggono innanzitutto i visitatori (Chon, 1990).

– Shock culturale: i turisti che visitano culture molto sconosciute possono sperimentare uno shock culturale relativo alle differenze nei costumi, nella lingua, nei trasporti, ecc, come può accadere nel caso del Giappone. Gli operatori turistici dovrebbero fornire risorse di orientamento per ridurre al minimo lo shock culturale (Reisinger & Turner, 2003).

– Ansia da viaggio: molti turisti provano ansia da viaggio legata alla navigazione in ambienti non familiari. Fornire indicazioni chiare, informazioni e garanzie può ridurre i livelli di ansia (Reisinger & Mavondo, 2006).

– Valutazione cognitiva: i turisti valutano continuamente ambienti ed esperienze rispetto alle aspettative. La soddisfazione risulta quando le esperienze soddisfano o superano le aspettative (del Bosque & San Martin, 2008).

– Autenticità: la ricerca di esperienze autentiche è una motivazione chiave del turismo. Le destinazioni devono bilanciare l’autenticità con le esigenze dei visitatori, poiché ambienti completamente autentici potrebbero non avere infrastrutture turistiche (Yeoman et al., 2007).

– Ricordi post-viaggio: dopo il viaggio, la memoria selettiva e il ricordo modellano i ricordi turistici. I ricordi positivi portano a una maggiore soddisfazione e a visite successive (Tung & Ritchie, 2011).

Domanda di operatori di marketing e fornitori di turismo

La psicologia dei turisti ha importanti implicazioni sul modo in cui l’industria del turismo commercializza e serve i visitatori. Alcune raccomandazioni includono:

– Sondaggi sui visitatori per comprendere le motivazioni e le esigenze della tua destinazione specifica. Targeting del marketing per fare appello a tali motivazioni.

– Gestire le aspettative attraverso una pubblicità chiara delle esperienze, stabilendo aspettative realistiche.

– Fornire materiali di orientamento per preparare i visitatori all’ambiente, riducendo lo shock culturale. Avere a disposizione risorse di traduzione.

– Sviluppare tour a tema o esperienze in linea con motivazioni comuni come avventura, cultura, relax.

– Raccogliere il feedback dei visitatori durante e dopo i viaggi. Affronta rapidamente eventuali problemi importanti o delusioni.

– Condividi immagini e storie positive dopo il viaggio per dare forma a ricordi positivi. Rimani impegnato attraverso i social media.

– Bilanciare l’autenticità con l’accessibilità. Mantenere elementi di architettura, cucina e cultura locali aggiungendo al contempo infrastrutture turistiche.

Il comportamento turistico nasce da un complesso gioco di motivazioni, percezioni, emozioni, valutazioni e ricordi. Comprendendo i concetti psicologici critici per i turisti, gli operatori turistici possono soddisfare meglio le esigenze dei visitatori, migliorare l’esperienza di viaggio e gestire le immagini e le aspettative della destinazione. Mentre il viaggio è un altissimo La psicologia dei turisti: comprendere il comportamento e le motivazioni dei viaggiatori

 

Sintesi essenziale

In questo articolo abbiamo trattato la psicologia del turista: comprendere il comportamento e le motivazioni dei viaggiatori. Il comportamento turistico nasce da un complesso gioco di motivazioni, percezioni, emozioni, valutazioni e ricordi. Comprendendo i concetti psicologici critici per i turisti, gli operatori turistici possono soddisfare meglio le esigenze dei visitatori, migliorare l’esperienza di viaggio e gestire le immagini e le aspettative della destinazione.

Per chi desidera approfondire altre tematiche psicologiche, ricordiamo gli articoli: Travel Therapy, come il viaggio diventa terapia; come migliorare l’autostima 4 abitudini per il benessere psicologico e libri psicologia del viaggio la psicologia e l’arte di migliorarsi in viaggio. Quest’ultimo menzionato su Repubblica nell’articolo che ci ha dedicato.

firma marzia parmigiani

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Sei infelice? È perché viaggi poco

 

Il viaggio come ricerca interiore: ritrovare sé stessi attraverso nuove esperienze

 

Viaggio significato etimologico: il processo della scoperta di sé

 

Travel Therapy: i benefici psicologici del viaggio

 

Blog Giappone

 

Miglior blog di viaggio

 

Articolo Repubblica Traveltherapists

Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!