Samurai Blue: storia della nazionale di calcio del Giappone

Tempo di lettura: 8 minuti

Samurai Blue nazionale Giappone.

Samurai Blue: storia della nazionale di calcio del Giappone

Il calcio ha una storia lunga e leggendaria in Giappone. Mentre il baseball è considerato lo sport nazionale, il calcio è cresciuto costantemente in popolarità e abilità nel corso dei decenni. La squadra nazionale di calcio giapponese rappresenta il paese nelle competizioni internazionali e ha partecipato più volte alla Coppa del Mondo FIFA. In questo articolo scopriremo Samurai Blue: storia della nazionale di calcio del Giappone.

Prima di continuare, per essere sempre informati sugli aggiornamenti in merito a curiosità sul Giappone, cultura giapponese, migliori hotel di Tokyo dove dormire a Tokyo e consigli sull’organizzazione dei viaggi in Giappone, suggeriamo di visitare e seguire la nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio In Giappone”.

A proposito se stai organizzando il tuo viaggio in Giappone (o in qualsiasi altro paese del mondo) e desideri avere un codice sconto assicurazione di viaggio, ti consigliamo Heymondo che ti regala il 10% di riduzione sul prezzo, solo per essere lettore di Traveltherapists!

In più, grazie al codice sconto Ninja Wi-Fi Giappone, puoi usufruire dello sconto del 10% usando il nostro codice GIAPPONE23.

Inizia il tuo viaggio nella lingua e nella cultura giapponese oggi stesso con il CODICE SCONTO DEDICATO. Scopri la magia del Giappone dal comfort di casa tua con il miglior corso di giapponese totalmente online sul sito https://www.giapponeseonline.com/

⚠️IL NOSTRO CODICE: ILMIOVIAGGIO-TUONOME⚠️

Per te, lettore di Traveltherapists e Il Mio Viaggio In Giappone, una speciale offerta: 3 MESI GRATUITI IN PIU’ dopo l’anno di corso al costo di soli 130,00 euro.

SION, SVIZZERA 4 GIUGNO: La squadra giapponese all'inizio della partita contro la Costa d'Avorio per la Coppa del mondo 2010: 4 giugno 2010 a Sion, Svizzera

La squadra giapponese all’inizio della partita contro la Costa d’Avorio per la Coppa del mondo 2010: 4 giugno 2010 a Sion, Svizzera

Samurai Blue nazionale Giappone: gli inizi del calcio in Giappone

La nazionale di calcio del Giappone (サッカー日本代表 Sakkā Nippon Daihyō) detta anche Samurai Blu o Blu Samurai, fa riferimento alla Federazione calcistica giapponese (JFA).

È la squadra di calcio asiatica con il maggior numero di successi a livello continentale, avendo conquistato quattro volte la Coppa d’Asia (1992, 2000, 2004 e 2011), ed è la più competitiva globalmente, avendo superato la fase a gironi della coppa del mondo di calcio in quattro circostanze.

Questo miglioramento è emerso a partire dagli anni Novanta, dopo che la squadra di calcio giapponese è stata oscurata per molti anni dai loro vicini sudcoreani.

Gli inizi del calcio in Giappone possono essere fatti risalire al 1873, quando i marinai britannici introdussero per la prima volta lo sport. La Japan Football Association (JFA) è stata fondata nel 1921, unendosi alla FIFA nel 1929. La prima partita internazionale del Giappone fu il 9 maggio 1917 contro le Filippine a Tokyo, che si concluse con una vittoria per 15-5 del Giappone.

Per diversi decenni, il Giappone ha lottato contro avversari regionali e non è riuscito a qualificarsi per la Coppa del Mondo. La squadra nazionale ha fatto il suo passo a partire dagli anni ’80, qualificandosi per la sua prima Coppa del Mondo nel 1998. Questa squadra, guidata da Takeshi Okada, ha battuto la Giamaica e ha perso da vicino contro Croazia e Argentina.

L’abilità calcistica del Giappone è aumentata notevolmente negli anni 2000, diventando la squadra di calcio asiatica di maggior successo. Sotto la guida dell’allenatore Philippe Troussier, il Giappone ha co-ospitato la Coppa del Mondo 2002 ed è arrivato agli ottavi di finale, il suo miglior risultato finora.

Questo risultato è stato eguagliato nel 2010 e nel 2018. Giocatori famosi come il centrocampista Shunsuke Nakamura e il portiere Eiji Kawashima sono diventati nomi familiari durante questa era.

pallone da calcio con la bandiera nazionale del Giappone

Samurai Blue nazionale Giappone: alcune curiosità sulla squadra di calcio giapponese nel corso dei decenni

– La più grande vittoria del Giappone è stata la sconfitta per 15-0 delle Filippine nel 1967. Il 27 settembre 1967, le squadre nazionali di calcio del Giappone e delle Filippine si sfidarono in una partita di qualificazione per le Olimpiadi estive del 1968.

Facevano parte del Gruppo 1, che comprendeva anche Corea del Sud, Libano, Vietnam del Sud e Taiwan (Repubblica Cinese), con il leader del gruppo che avanzava alle Olimpiadi. Questa partita ha segnato la vittoria più significativa del Giappone e la sconfitta più pesante delle Filippine nella storia del calcio internazionale. Le Filippine avevano precedentemente affrontato la loro sconfitta più considerevole contro la Malesia con una sconfitta per 1-15 ai Giochi asiatici del 1962. Al contrario, il Giappone subì la sua sconfitta più sostanziale contro le Filippine con un punteggio di 2-15 il 10 maggio 1917, sebbene questa partita non sia ufficialmente riconosciuta dalla Federcalcio giapponese.

– Perché la nazionale giapponese si chiama Blue Samurai? Il soprannome “Samurai Blue” per la nazionale di calcio giapponese ha origine da due elementi chiave. Innanzitutto è legato al colore blu delle loro divise da gioco, che sono blu royal dagli anni ’30. In secondo luogo, trae ispirazione dai samurai, gli antichi guerrieri del Giappone, a simboleggiare la loro identità internazionale.

Questo soprannome racchiude lo spirito di orgoglio, correttezza e un forte desiderio di vittoria, simili alle qualità del samurai.

La Federcalcio giapponese (JFA) ha adottato formalmente “Samurai Blue” come soprannome della squadra in vista della Coppa del Mondo 2006, in seguito alla sua popolarità tra i tifosi giapponesi. Sebbene il nome sia stato utilizzato colloquialmente per decenni, è stato solo allora che è diventato il soprannome ufficiale della squadra

– Alle Olimpiadi di Berlino del 1936, il Giappone sconfisse la Svezia 3-2 nella sua più grande vittoria a sorpresa dell’epoca.

– Kagawa è diventato il primo giocatore giapponese a segnare una tripletta in Premier League mentre giocava per il Manchester United nel 2013.

marzia parmigiani elina sindoni con le maglie ufficiali della nazionale di calcio giapponese il mio viaggio in giappone traveltherapists

Marzia ed Elina con le maglie ufficiali della nazionale di calcio del Giappone

– Nel 2011, il Giappone ha vinto il suo quarto titolo AFC Asian Cup, dimostrando il suo dominio continentale.

– Keisuke Honda è considerato uno dei migliori giocatori del Giappone, partecipando a 3 Mondiali dal 2010 al 2018.

– La JFA Academy è stata aperta nel 2010 per sviluppare i giovani giocatori. I laureati includono l’attaccante Takumi Minamino.

– Il Giappone ha vinto la sua prima partita della Coppa del Mondo FIFA battendo la Colombia 2-1 nel 2018 dopo 3 precedenti pareggi.

– Il Giappone ha il maggior numero di vittorie nella storia dell’AFC Asian Cup con 4 coppe.

Guardando al futuro, il Giappone mira a continuare la sua ascesa fra le squadre di calcio nazionali leader. Il paese ha investito molto in programmi per i giovani e strutture di formazione. La J-League è diventata una delle principali leghe professionistiche asiatiche. Il Giappone ha ospitato la Coppa del mondo femminile del 2023, accrescendo ulteriormente l’entusiasmo per questo sport.

Mentre il baseball ha una tradizione in Giappone, il calcio è diventato uno dei preferiti dai fan moderni. Samurai Blue ha portato gloria e orgoglio al paese con il suo spirito competitivo e il suo stile di gioco tecnico. Il futuro sembra roseo per la prossima generazione di stelle del calcio giapponese pronte a lasciare il segno sul palcoscenico della Coppa del Mondo. La nazionale giapponese riflette la passione del paese per il calcio e la ricerca del successo sportivo internazionale.

Nel gennaio 2023, il Giappone ha vinto la AFC Asian Cup per la quinta volta record. Hanno battuto l’Arabia Saudita 3-0 in finale. Takumi Minamino è stato nominato giocatore del torneo.

Il Giappone si è qualificato per la Coppa del Mondo femminile FIFA 2023 come co-organizzatrice. Il torneo si è svolto dal 20 luglio al 20 agosto in più città.

Azusa Iwashimizu del Giappone, davanti a destra, affronta il tiro di Karen Carney dell'Inghilterra durante una partita del Gruppo A della Coppa del mondo FIFA Womens 2007 a Shanghai l'11 settembre 2007. L'Inghilterra ha pareggiato con il Giappone 2-2.

Azusa Iwashimizu davanti a destra, affronta il tiro di Karen Carney (Inghilterra) durante una partita del Gruppo A della Coppa del mondo FIFA Womens 2007 a Shanghai l’11 settembre 2007. L’Inghilterra ha pareggiato con il Giappone 2-2.

Nel dicembre 2022, la squadra maschile del Giappone (Samurai Blu o Blu Samurai) si è qualificata per l’AFC Asian Cup 2023 finendo in cima al proprio gruppo di qualificazione.

Alla Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar, il Giappone è arrivato agli ottavi di finale prima di essere eliminato ai rigori dalla Croazia. Sono arrivati ​​secondi nel Gruppo E dietro la Spagna.

Giocatori degni di nota della squadra della Coppa del Mondo 2022 includevano il capitano Maya Yoshida, Ritsu Doan, Daichi Kamada, Wataru Endo e Takumi Minamino.

Nell’aprile 2022, Hajime Moriyasu ha esteso il suo contratto come allenatore del Giappone fino alla Coppa del Mondo FIFA 2026. Dal 2018 è dirigente.

In questo articolo abbiamo scoperto Samurai Blue: storia della nazionale di calcio del Giappone. Il Paese ha partecipato alle qualificazioni alla AFC Asian Cup 2024 nel settembre 2023. In qualità di paese ospitante, ottiene automaticamente un posto nel torneo. Il Giappone è stato inserito nel Gruppo D della Coppa d’Asia AFC 2024, insieme a Indonesia, Iraq e Vietnam. Il Giappone dovrebbe giocare contro Vietnam il 14 gennaio 2024.

Ritsu Doan, a sinistra, della nazionale di calcio giapponese passa la palla contro un giocatore della nazionale di calcio del Turkmenistan nella partita del gruppo F della Coppa d’Asia dell’AFC ad Abu Dhabi, Emirati Arabi Uniti, 9 gennaio 2019.

Dove dormire a Tokyo? Ecco una selezione di alloggi nella capitale e dintorni

Hotel Emit Shibuya

Ai Hotel Keikyu Kamata

Hotel Emit Shibuya – Vacation STAY 40894v

Shibuya Tobu Hotel

The Millennials Shibuya

Shibuya Creston Hotel

Hotel Wing International Premium Shibuya

sequence MIYASHITA PARK / SHIBUYA

Hotel Owl Tokyo Shinbashi

bnb+ Kanda Terrace Ogawamachi

 

 Migliori Hotel a Ikebukuro

 Henn na Hotel Tokyo Asakusabashi

ID STAY Ikebukuro 

Sunshine City Prince Hotel Ikebukuro

Hotel Wing International Ikebukuro

Tokyu Stay Ikebukuro

Restay Frontier (Adult Only)

Hotel VARKIN Ikebukuro

Hotel Wing International Select Ikebukuro

APA Hotel Ikebukuro Eki Kitaguchi

HOTEL MYSTAYS Higashi Ikebukuro

Hotel Metropolitan Tokyo Ikebukuro

 

Top hotel Ueno per qualità prezzo

Tabata Oji Hotel

GUEST HOUSE SaKURa

Time Sharing Stay Asakusa

Tabist ヒロマスホテル 上野

unito CHIYODA

 

Migliori hotel a Yokohama

PROSTYLE Ryokan Yokohama Bashamichi

Sotetsu Fresa Inn Yokohama Higashiguchi

APA Hotel & Resort Yokohama Bay Tower

Hotel Resol Yokohama Sakuragicho

Hotel Edit Yokohama

Chisun Hotel Yokohama Isezakicho

Hotel New Grand

InterContinental Yokohama Grand IHG Hotel

Richmond Hotel Yokohama-Bashamichi

Oakwood Suites Yokohama

 

Dove dormire a Kyoto? Top hotel di Kyoto

Laon Inn Gion Nawate

FUGASTAY Shijo Omiya

Hotel Excellence Enmachi Ekimae

Rest inn Kyoto

M’s Hotel Sanjo Omiya

Kyonoyado Kiyomizu Gojo Kuretakeso

Hotel Alfa Kyoto

Kamoya Ryokan

Stay SAKURA Kyoto TSUBAKI

Hanakiya

HOTEL THE POINT Kiyomizu Gojo

Sotetsu Fresa Inn Kyoto-Kiyomizu Gojo

Rinn Kiyomizu Gojo

Hotel IL Verde Kyoto

hotel MONday KYOTO MARUTAMACHI

Kyoto Crystal Hotel Ⅲ

The OneFive Kyoto Shijo

Hotel M’s Plus Shijo Omiya

Hotel M’s Est Nanajo

KYOSTAY Iroha Toji Main

Yukari Kyoto

FUUTEI Japanese-style lodge

Randor Residential Hotel Kyoto Suites

Rinn Horikawa Gojo

COCORO HOTEL

Kyomachirikyu Higashihonganji

Hilton Garden Inn Kyoto Shijo Karasuma

Hyatt Regency Kyoto

PARK HYATT KYOTO

Hyatt Place Kyoto

Villa Front Kyoto Seimei

Enzo Kyoto Gojo

Randor Residential Hotel Kyoto Suites

Daiwa Roynet Hotel Kyoto Grande – former Daiwa Royal Hotel Grande Kyoto

Hotel Alza Kyoto

MUNI KYOTO

Kyoto Shijo Takakura Hotel Grandereverie

Kyomachiya Suite Rikyu

Nagi Kyoto Shijo

THE THOUSAND KYOTO

firma marzia parmigiani

FOTO: Credit by Depositphotos.com

Altro, in questo blog di viaggio:

Cina e Giappone nell’immaginario occidentale

Che tempo fa a Tokyo mese per mese

Giappone: in arrivo un nuovo visto per nomadi digitali nel 2024

Le cose da non dire mai ad un giapponese: uchi soto keigo e regole di conversazione

Le cose da non fare in Giappone

10 differenze fondamentali fra la cultura del Giappone e della Corea del Sud

20 cose strane sulla Cina

Yakuza: storia del crimine organizzato in Giappone

Cosa fare e non fare a tavola in Giappone: guida all’etichetta e al galateo giapponese

Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!