Santiago de Compostela: cosa vedere

Tempo di lettura: 4 minuti

Con la fine del lockdown e la riapertura delle frontiere fra Spagna e Francia, noi di Traveltherapists, pensiamo che il Cammino di Santiago, sia un giusto compromesso fra vacanza sicura, emozionante ed a contatto con la natura.

Santiago de Compostela è una cittadina, capoluogo della Galizia nella Spagna del Nord. E’ famosa per essere il luogo dove si conclude simbolicamente il famoso pellegrinaggio legato alla figura del Santo.

Noi di Traveltherapists, l’abbiamo visitata ad agosto 2019. Scopriamo assieme i luoghi più importanti di questo suggestivo luogo e cosa vedere a Santiago de Compostela.

opera d'arte Santiago de Compostela

opera d’arte sul cammino di Santiago

La Cattedrale di Santiago de Compostela

Elina e Marzia a Santiago de Compostela

La Cattedrale di San Giacomo Maggiore, è uno dei maggiori luoghi di culto cattolico al mondo. Fondata nel 1075, sul posto in cui si pensa sia stato seppellito il Santo, custodisce le reliquie di San Giacomo il Maggiore, patrono di Spagna.

La consacrazione della cattedrale, avverrà solo nel 1211. E’ un luogo molto importante per i pellegrini che intraprendono il Cammino, che qui si conclude.

A livello architettonico, eccezionali sono la barocca facciata dell’Obradoiro, da cui parte la scalinata fino alla cattedrale e le torri:  la Torre das Campas e la Torre da Carraca, poste ai lati.

Dentro la Cattedrale, si trova il Portico della Gloria. Si tratta di un esempio di romanico, sulla cui lunetta troviamo scolpita la raffigurazione della Corte della Gerusalemme Celeste.

La statua di Santiago di Compostela con il suo mantello d’argento, si trova nella Capela Maior. Ogni anno, migliaia di fedeli visitano questo luogo.

 

La Piazza di Obradoiro

La Piazza di Obradoiro

La Piazza di Obradoiro

Posta di fronte all’entrata principale della Cattedrale, la Piazza dell’Obradoiro è il punto più importante del centro storico della città.

Il nome  Obradoiro nasce dal motivo che questa piazza era il luogo dei laboratori artigianali detti Obradoiros, dove lavoravano gli operai dediti alla costruzione della Cattedrale.

Sulla piazza dell’Obradoiro, troviamo anche il Pazo de Raxoi. Si tratta dell’antico municipio che risale al 1787.  E’ inoltre la sede della presidenza della giunta della Galizia.

Se avrete il piacere di recarvi a Santiago de Compostela, noi di Traveltherapists consigliamo di fermarsi almeno per un po’ in questa piazza per osservare i pellegrini quando arrivano alla loro meta finale, dopo 900 chilometri di cammino. Davvero emozionante!

 

Praza das Praterias

piazza Santiago de Compostela

Il nome della piazza deriva dal’unico portale di stile romanico rimasto della cattedrale, ovvero la porta degli orefici (Porta das Praterías), finemente scolpita.
Sulla parte destra, troviamo la Torre dell’Orologio (Torre del Reloj), costruita alla fine del XVII secolo ed alta 70 metri. A sinistra troviamo invece la Torre del Tesoro.
E’ delimitata dalla Cattedrale, dal Monastero di San Paio de Antealtares, dalla Casa de la Parra, e dalla Casa da Conga.
Dall’altro lato della piazza, vicino alla fontana con i cavalli, troviamo la facciata in stile barocco della Casa del Cabildo. Qui vicino, abbiamo anche il museo dedicato al Cammino di Santiago.

Il Monastero di San Martín Pinario

Il Monastero di San Martìn Pinario è un insieme di edifici in stile barocco galiziano. All’interno possiamo trovare vari dipinti, pregiati lavori di oreficeria e oggetti sacri.

Il Monastero di San Martìn Pinario, è uno dei principali della Galizia. La sua complessa facciata si contrappone ad un interno particolarmente semplice, dominato da un altare con spettacolari decorazioni dorate.

Il monastero fu eretto nel XVII secolo ed ha una superficie di circa 20000 metri quadrati. Oggi a parte il seminario privato, è anche hotel. Ci sono inoltre una chiesa ed un museo. Per info:http://www.sanmartinpinario.eu

Sulla facciata si trovano varie opere a rievocare le storie bibliche. E’ circoscritto da quattro colonne che recano l’effigie di San Benedetto e San Martino di Tour, nell’azione di offrire il proprio mantello a un bisognoso.

Il museo del Pueblo Gallego

Aperto nel 1976, questo museo si trova nel luogo conosciuto come la Puerta del Camino. E’ un museo nato come ente per la preservazione degli usi e dei costumi, nonché della storia dell’antico popolo della Galizia.

E’ composto da nove sale permanenti che colgono ogni aspetto della cultura galiziana, ma c’è anche spazio per le mostre temporanee. Avrete a disposizione anche una biblioteca ed archivi grafici e sonori.

Per ulteriori info: http://www.santiagoturismo.com/museos/museo-do-pobo-galego

 

Il mercato di Abastos de Santiago

Se volete provare l’ebbrezza di scegliere il vostro cibo e di farvelo cucinare sul momento per soli 5 euro, questo è il luogo che fa per voi!

E’ un mercato antico, dalla storia secolare, dove vi sarà difficile non mettervi ad assaggiare tutto! Si trova in Plaza de Abastos e potrete gustare ogni tipo di prodotti locali con un ottimo rapporto qualità/ prezzo.

Il mercato è all’interno di un edificio, che offre, oltre alla bancarelle con frutta, verdura, carne e pesce, anche dei piccoli ristoranti dove gustare tapas, sorseggiando ottimi vini e birre. Interessante è anche la presenza di workshop e corsi di cucina, per rendere la vostra esperienza ancora più unica.

Il mercato si trova nel centro storico a poca distanza dalla Cattedrale. Vi basterà attraversare Praza do Obradoiro per arrivare. Non potete sbagliarvi!

Per ulteriori info:https://www.caminodesantiago.gal/it/recurso/3416/mercado-de-abastos-de-santiago-de-compostela

Speriamo che la nostra guida possa esserti utile se deciderai di recarti in Galizia.

Al di là della suggestivo Santiago de Compostela, tutta la regione merita per la sua storia peculiare e antica.

Altro, in questo blog di viaggio:

https://traveltherapists.it/estate-2020-la-riapertura-del-cammino-di-santiago/

https://traveltherapists.it/il-cammino-di-santiago-un-viaggio-terapeutico/

https://traveltherapists.it/travel-therapy/

https://traveltherapists.it/viaggiare-da-soli-aumenta-lautostima/

 

 

Marzia Parmigiani

Diffondi il verbo!