Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone da Sailor Fuku e Gakuran a Sukeban e Gyaru

Tempo di lettura: 12 minuti

Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone da Sailor Fuku e Gakuran a Sukeban e Gyaru

Avete presente le uniformi scolastiche giapponesi? Belle vero? Chi di noi non le conosce?
Esistono da circa 150 anni ed in giapponese sono chiamate Seifuku (制服), sia nella versione femminile che in quella maschile.
Nonostante molte persone le riconducano solo ad un tratto “colorito” e peculiare della cultura nipponica, conoscere la storia di queste divise, consente un approfondimento psicosociale di tutta la cultura giapponese.
traveltherapists sailor fuku

L’uniforme stile marinara Sailor Fuku

Per questo parleremo di Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone da Sailor Fuku e Gakuran, alle sottoculture Sukeban e Gyaru.

Prima di continuare, per essere sempre informati sugli aggiornamenti in merito a curiosità sul Giappone, cultura giapponese, migliori hotel di Tokyo dove dormire a Tokyo e consigli sull’organizzazione dei viaggi in Giappone, suggeriamo di visitare e seguire la nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio In Giappone”.

A proposito se stai organizzando il tuo viaggio in Giappone (o in qualsiasi altro paese del mondo) e desideri avere un codice sconto assicurazione di viaggio, ti consigliamo Heymondo che ti regala il 10% di riduzione sul prezzo, solo per essere lettore di Traveltherapists!

In più, grazie al codice sconto Ninja Wi-Fi Giappone, puoi usufruire dello sconto del 10% usando il nostro codice GIAPPONE23.

Inizia il tuo viaggio nella lingua e nella cultura giapponese oggi stesso con il CODICE SCONTO DEDICATO.

Scopri la magia del Giappone dal comfort di casa tua con il miglior corso di giapponese totalmente online sul sito https://www.giapponeseonline.com/

⚠️IL NOSTRO CODICE: ILMIOVIAGGIO-TUONOME⚠️

Per te, lettore di Traveltherapists e Il Mio Viaggio In Giappone, una speciale offerta: 3 MESI GRATUITI IN PIU’ dopo l’anno di corso al costo di soli 130,00 euro.

Da dove viene la parola Seifuku?

Il termine Seifuku è stato introdotto nel XIX secolo, ma qui approfondiremo tutta la storia e le curiosità.

Inizialmente lo stile dell’uniforme giapponese era basato sulle divise militari dell’antica Europa. Scelta semplice, perché di facile realizzazione ed in seguito diventata una delle uniformi scolastiche più caratteristiche, iconiche e riconoscibili.

Seifuku: l’iconica uniforme scolastica giapponese

Seifuku è immediatamente riconoscibile in tutto il mondo come la tipica uniforme indossata dagli studenti in Giappone. Questo vestito distintivo occupa un posto unico nella cultura e nella storia giapponese. Con le sue origini che risalgono alla fine del XIX secolo, il seifuku si è evoluto e cambiato nel tempo, ma rimane un simbolo iconico della giovinezza e della scuola in Giappone.

Prime origini

Le prime seifuku nacquero nel periodo Meiji (1868-1912), quando il Giappone si stava rapidamente modernizzando e adottando molti aspetti della cultura occidentale. L’uniforme è stata modellata sulle uniformi scolastiche europee, che all’epoca stavano guadagnando popolarità. I ragazzi indossavano uniformi in stile militare che ricordavano le uniformi navali europee, mentre le ragazze indossavano camicette e gonne a pieghe. Questa influenza occidentale rifletteva la spinta del Giappone verso la modernizzazione e l’eliminazione del suo passato feudale.

Le uniformi sono diventate onnipresenti nelle scuole giapponesi all’inizio del XX secolo. Il loro uso è stato incoraggiato dal governo come parte della costruzione di una forte identità nazionale e del miglioramento dell’alfabetizzazione tra la popolazione generale. Sebbene all’inizio non fosse universalmente obbligatorio, sempre più scuole adottarono le uniformi come codice di abbigliamento standard.

 

Cambiamenti in tempo di guerra

Seifuku ha subito cambiamenti nello stile e nella funzione durante la seconda guerra mondiale. Il governo militarista ha enfatizzato l’ethos tradizionale giapponese e la lealtà all’imperatore. Le uniformi scolastiche riflettevano questo cambiamento nazionalista, incorporando elementi come le insegne del sole nascente, colletti in piedi e stemmi di crisantemi imperiali.Si sono verificati anche cambiamenti funzionali con ragazze che indossavano pantaloni da lavoro invece di gonne per aiutare lo sforzo bellico. Questo stile pratico ha sopportato le difficoltà del tempo di guerra e ha continuato anche dopo la sconfitta del Giappone.

 

Riforma del Dopoguerra

Sotto l’occupazione americana del Dopoguerra, il Giappone ha subito riforme educative insieme a cambiamenti sociali. Le rigide uniformi prebelliche erano viste come simboli oppressivi del militarismo imperialista. Le riforme hanno incoraggiato una maggiore neutralità di genere e individualità nelle scuole.

I ragazzi sono passati a stili più occidentali come blazer e pantaloni, mentre le ragazze indossavano di nuovo le gonne. Le regole su capelli e accessori sono state allentate. Questa liberalizzazione tendeva all’abbigliamento casual piuttosto che alle uniformi in alcune scuole, sebbene molte mantenessero le uniformi per tradizione e praticità.

Popolarità continua

Nonostante gli stili fluttuanti, le uniformi scolastiche sono rimaste profondamente radicate nella cultura giapponese. L’uso si è diffuso oltre le scuole pubbliche poiché le scuole private e le università hanno adottato le uniformi. Gli stili si sono diversificati nelle diverse scuole, ma tutti hanno mantenuto l’essenza dell’unità e dell’appartenenza alla squadra del seifuku.

La popolarità del seifuku si estese anche oltre il Giappone. Nell’Asia orientale, l’influenza coloniale giapponese ha contribuito alla diffusione delle uniformi scolastiche in luoghi come Taiwan e la Corea del Sud. Il concetto di uniformi abbinate ha preso piede anche in molte nazioni occidentali.

Simbolo culturale

Entro la fine del XX secolo, l’iconica seifuku ha trasceso il suo scopo originale e si è intessuto nel tessuto culturale.

Le gonne blu navy e i top con risvolti sul colletto rappresentano la giovinezza, la vitalità e l’innocenza della vita liceale. Il look rimane popolare nella cultura pop giapponese. È spesso presente in anime e manga, idolatrando i giorni spensierati dell’adolescenza.

Le seifuku sono anche un simbolo riconoscibile dell’estetica giapponese kawaii. L’innocenza giovanile viene celebrata attraverso colori vibranti e silhouette accentuate come maniche a sbuffo o calzini larghi. Ciò è dimostrato dalla popolarità del cosplay che coinvolge seifuku.

La seifuku è stata reinventata in molti stili, ma conserva le sue associazioni culturali. Ora è un simbolo iconico della moda giapponese e dell’esperienza scolastica. L’uniforme continua ad essere una parte indispensabile della vita degli studenti anche oggi.

Tradizione duratura

A oltre un secolo dalla sua introduzione, la caratteristica seifuku rimane una parte quotidiana della vita scolastica in Giappone. Mentre le mode e le regole sono cambiate con i tempi, l’uniforme ha ancora il suo scopo di proiettare unità e appartenenza.

gakuran traveltherapists 34

Gakuran – fonte: Pinterest

Indossando seifuku ogni mattina insieme ai loro compagni di scuola, gli studenti portano avanti questa tradizione di lunga data. Per i giovani giapponesi, seifuku è strettamente legato alla loro identità e detiene un ricco significato culturale. L’uniforme senza tempo continuerà probabilmente a essere un simbolo della giovinezza per le generazioni a venire.

variante uniforme giapponese ragazze traveltherapists sailor fuku

Sailor Fuku e Gakuran

Per studenti delle scuole medie e superiori fu istituita negli anni Venti del secolo scorso, un’uniforme di stile militare che inizialmente prevedeva un copricapo (ispirato a quella dell’esercito prussiano) per i maschi (Gakuran); e un completo in stile marina britannica per le femmine, (Sailor Fuku).
La Sailor Fuku consisteva in una blusa con scollatura alla marinara (completato da un fiocco o nastro cucito sul davanti) e una gonna  plissettata sopra il ginocchio.
I colori usati per la Sailor Fuku sono solitamente blu navy, rosso, bianco, grigio, verde e nero.
A completare l’uniforme, anche le scarpe ed i calzini che generalmente sono in tonalità scure.
Mentre i colori delle scarpe usate sono solitamente nere o marroni (tipo mocassino), i calzini possono essere anche blu o bianchi.
loose socks bianchi traveltherapists divisa giapponese

Loose socks

Alcune scuole impongono addirittura l’utilizzo di zaini e borse standard, senza possibilità di variazioni e pantofole morbide da usare all’interno delle strutture dette Uwabaki.
variante uniforme giapponese ragazze traveltherapists3

Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone – l’uniforme scolastica giapponese oggi

Attualmente, la divisa scolastica giapponese ha dettagli più occidentalizzati e sono stati introdotti altri indumenti.
Oggi possiamo trovare gilet e blazer, camicie e bluse completate con cravatte, in versioni sia gonna che pantaloni.
Spesso si usa la fantasia tartan, abbinata a motivi scozzesi e logo della scuola, un po’ come nel mondo anglosassone.
uniforme scolastica giapponese ragazza foto tokyo marzia parmigiani

Studentessa di Tokyo – ph M. Parmigiani

Questo al fine di evitare associazioni con il passato militare giapponese. I cambiamenti nei colori e nel design dipendono dalle scelte delle singole scuole.
Oggi, le uniformi sono richieste raramente nella maggior parte delle scuole elementari. Infatti per i più piccoli, spesso ci si limita a dotare i bambini di cappelli dai colori vivaci (qualcuno ricorderà l’elmetto giallo che si vede in molti anime) o di camicie bianche per essere un po’ più visibile in mezzo al traffico.
Tuttavia, nelle occasioni formali, i bambini si vestono diversamente, soprattutto per le foto delle cerimonie.
uniforme giapponese estiva ragazzi giappone traveltherapists

La divisa scolastica giapponese estiva e invernale

Ovviamente gli studenti giapponesi non portano la stessa divisa scolastica tutto l’anno, ma varia in base alla stagione, ovvero il primo giugno e il primo ottobre.
Queste sono le date in cui solitamente si passa dalla versione invernale a quella estiva e viceversa.
Quando esiste la necessità di utilizzare un abbigliamento sportivo, molti studenti indossano magliette e pantaloncini sotto la comune divisa e si cambiano in classe.
Questo perché spesso nelle scuole giapponesi non esistono gli spogliatoi e se ci sono, non sono divisi per sesso.
giappone: Studenti alle prese con la dipendenza da web e videogiochi

Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone – il tentativo di personalizzazione delle divise scolastiche in Giappone

E’ chiaro che una tale omologazione non è facilmente accettata dagli adolescenti giapponesi che in qualche modo cercano di “ribellarsi”.
Spesso le ragazze tendono ad accorciare la lunghezza delle loro gonne e non indossano i calzini regolamentari, ma ne mettono di più larghi, oppure possono personalizzarli con toppe, fibbie colorate o bottoni.
I ragazzi tentano la loro personale espressione nell’abbigliamento scolastico, indossando le magliette preferite sotto le camicie o allentando il nodo della cravatta.
I più romantici fra di voi, saranno lieti di sapere che gli studenti giapponesi hanno un modo molto particolare di dichiarare il loro amore e ha a che fare con la loro divisa.
gakuran bottoni dorati traveltherapists divisa giapponese

Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone – la dichiarazione d’amore tramite l’uniforme scolastica giapponese

Infatti, per dichiarare il loro amore a una ragazza – o a un ragazzo – i ragazzi giapponesi usano donare il secondo bottone – partendo dall’alto – della loro uniforme alla/al amata/o.
Questo perché si tratterebbe del bottone più vicino al cuore e – secondo una concezione animista – custode di tutte le emozioni e i sentimenti accumulati negli anni scolastici.
Molto tenero, vero?
gakuran traveltherapists 3

I bottoni dei gakuran – fonte: Pinterest

Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone: il ruolo dell’uniforme scolastica nella cultura del Giappone

L’uniforme scolastica in Giappone, non è solo il simbolo degli studenti, ma ha un importante ruolo anche in una prospettiva culturale più ampia.
Sebbene gli studenti giapponesi indossino abiti trendy e alla moda fuori dall’orario scolastico, è anche vero che molti di loro portano l’uniforme anche al di fuori, in occasione di altre attività e laboratori extrascolastici.
Noi tutti abbiamo imparato a conoscerla tramite i cartoni animati, i manga e gli anime.
Il suo aspetto kawaii ha fatto sì che esistessero un’infinità di varianti più classiche, fino a quelli più ricercati delle scuole private e gli adattamenti creati appositamente per i cosplayer.
cosplay traveltherapists sailor fuku

Cosplayer con divisa Sailor Fuku

Seifuku l’uniforme scolastica in Giappone – l’uniforme scolastica nella sottocultura giapponese: Sukeban

Il termine Sukeban è emerso in Giappone alla fine degli anni Sessanta per intendere un gruppo delinquenziale giovanile tutto al femminile.
Sukeban ha origine dal kanji 女 (Suke) e 番 長 (Banchou). In modo letterale significa donna Banchou, dove banchou indica il leader di una gang.
Queste gang di studentesse erano nate come alternativa ai gruppi che includevano solo maschi, dette Yankii.
gakuran traveltherapists pinterest

Fonte: Pinterest

Questi ultimi erano gruppi maschili in antitesi alle rigide norme sociali giapponesi. In realtà le gang di Sukeban non sono nate come forma criminale, bensì come forma di contrasto nei confronti delle forme di oppressione maschile così bene radicate nella società giapponese.
L’atteggiamento di bad girl, interamente declinato nella divisa scolastica, ha creato l’elemento basilare e più rilevante di questa sottocultura giovanile giapponese molto diffusa negli anni Settanta.
traveltherapists divisa giappones sukeban gang56

Sukeban

Come si vestivano le Sukeban delle gang femminili giapponesi?

Anche se le Sukeban sono oramai un ricordo lontano, alcuni echi si possono riscontrare in una sottocultura giovanile separata tutt’ora esistente: i Bōsōzoku.

traveltherapists divisa giapponese sukeban gang3

Bōsōzoku

Si tratta di gang criminali di motociclisti, in cui le donne sono accettate se compagne o fidanzate dai membri maschi della banda.
Gli amanti della cultura giapponese avranno sicuramente incontrato in film, anime, manga le Sukeban che nel doppiaggio italiano spesso venivano chiamate “teppiste”. Le Sukeban avevano sopracciglia sottili e a punta. Anche se all’inizio erano praticamente struccate, dagli anni Ottanta il loro trucco diventò molto pesante, com’era di tendenza nel resto del mondo.
Gonne lunghe, bluse accorciate (spesso tagliate con forbici per esporre l’ombelico), mascherine chirurgiche (eh sì, oggi sarebbero alla moda) e guanti di pelle.
A partire dagli anni Ottanta, le Sukeban usavano anche cinture con le borchie, Converse e bracciali di pelle.
Difficile non riconoscerle.
traveltherapists divisa giappones sukeban gang con mazza
Alcune gang di Sukeban utilizzavano kanji particolari sulle loro uniformi, sulle giacche o sui sukajan – i bomber giapponesi – simili a quelli delle gang di yankii.
Queste gang femminili giravano anche armate per combattere e non era difficile vederle con mazze da baseball, yo-yo, catene e lucchetti, stellette ninja, spade di legno, ma anche coltelli e rasoi.
traveltherapists divisa giappones sukeban gang the kazana sisters

The kazama Sisters – fonte: Pinterest

Qualcuno ricorderà una scena epica di Kill Bill: Vol. 1 (2003) dove la protagonista Beatrix Kiddo interpretata da Uma Thurman lotta contro Gogo Yubari (Chiaki Kuriyama), studentessa giapponese in uniforme.
kill bill vol 1 traveltherapists gogo yubari

Gogo Yubari in una scena del film

Seifuku: l’uniforme scolastica in Giappone: da Sukeban a Gyaru e Kogyaru

Oramai lo stile Sukeban è un pallido ricordo, dato che questi gruppi hanno subito un forte declino negli anni Novanta.
Successivamente, lo stile femminile è cambiato definendosi in una dimensione di stile chiamata Gyaru.
traveltherapists divisa giapponese kogyaru gang

Lo stile Kogyaru – fonte: Pinterest

Lo stile Gyaru sarebbe contraddistinto da trucco marcato, capelli tinti e minigonne. Dallo stile Gyaru si sarebbero originate altre sottoculture come il kogyaru (piccola ragazza), chiamato anche Kogal. Le Kogyaru sarebbero una sottocultura nata negli anni Novanta, che prevede un look all’occidentale, con pelle abbronzata, capelli biondi o rossi, trucco pesante e fuku alla marinara.
traveltherapists divisa giapponese kogyaru gang.34
A completare il look i loose socks (calzini larghi e allentati).
Insomma, come abbiamo visto, il tema dell’uniforme scolastica in Giappone, simbolo di conformismo, ma anche di trasgressione, merita sicuramente ulteriori approfondimenti.
Ciò soprattutto in una prospettiva culturale e psicologica che tratteremo ancora.
Nel frattempo speriamo di aver soddisfatto la vostra curiosità con la storia della divisa scolastica più iconica del mondo!
il mio viaggio in giappone traveltherapists seifuku marzia parmigiani divisa scolastica giapponese sailor moon

Marzia che indossa la seifuku

Dove dormire a Tokyo? Migliori Hotel 

Hotel Emit Shibuya

Ai Hotel Keikyu Kamata

Hotel Emit Shibuya – Vacation STAY 40894v

Shibuya Tobu Hotel

The Millennials Shibuya

Shibuya Creston Hotel

Hotel Wing International Premium Shibuya

sequence MIYASHITA PARK / SHIBUYA

Hotel Owl Tokyo Shinbashi

bnb+ Kanda Terrace Ogawamachi

 

 Migliori Hotel a Ikebukuro

 Henn na Hotel Tokyo Asakusabashi

ID STAY Ikebukuro 

Sunshine City Prince Hotel Ikebukuro

Hotel Wing International Ikebukuro

Tokyu Stay Ikebukuro

Restay Frontier (Adult Only)

Hotel VARKIN Ikebukuro

Hotel Wing International Select Ikebukuro

APA Hotel Ikebukuro Eki Kitaguchi

HOTEL MYSTAYS Higashi Ikebukuro

Hotel Metropolitan Tokyo Ikebukuro

 

Top hotel Ueno per qualità prezzo

Tabata Oji Hotel

GUEST HOUSE SaKURa

Time Sharing Stay Asakusa

Tabist ヒロマスホテル 上野

unito CHIYODA

 

Migliori hotel a Yokohama

PROSTYLE Ryokan Yokohama Bashamichi

Sotetsu Fresa Inn Yokohama Higashiguchi

APA Hotel & Resort Yokohama Bay Tower

Hotel Resol Yokohama Sakuragicho

Hotel Edit Yokohama

Chisun Hotel Yokohama Isezakicho

Hotel New Grand

InterContinental Yokohama Grand IHG Hotel

Richmond Hotel Yokohama-Bashamichi

Oakwood Suites Yokohama

Dove dormire a Kyoto? Top hotel di Kyoto

Laon Inn Gion Nawate

FUGASTAY Shijo Omiya

Randor Residential Hotel Kyoto Suites

Daiwa Roynet Hotel Kyoto Grande – former Daiwa Royal Hotel Grande Kyoto

Hotel Alza Kyoto

MUNI KYOTO

Kyoto Shijo Takakura Hotel Grandereverie

Kyomachiya Suite Rikyu

Nagi Kyoto Shijo

firma marzia parmigiani

Perché i cartoni giapponesi non hanno gli occhi a mandorla?

 

Otome Road: ecco perché Maiden Road a Tokyo è il paradiso delle ragazze otaku

 

Golden Gai Tokyo: viaggio nel passato a Shinjuku

Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!