Shoreditch: il quartiere hipster di Londra

Tempo di lettura: 5 minuti

Shoreditch: il quartiere hipster di Londra

Vi è mai capitato di tornare in una città avendo la sensazione di non averne colto l’essenza?

Se siete appassionati di Londra, questo articolo fa per voi e sicuramente anche il quartiere di Shoreditch!

Londra infatti è immensa e sempre nuova: soltanto coloro che vi abitano o le persone con un’esperienza di viaggio prolungata,  possono cogliere la bellezza degli itinerari non turistici.

Sarà sufficiente dedicare una giornata per calarvi in un’atmosfera completamente nuova. Parliamo di un’esperienza multisensoriale fatto di colori, odori, suoni.

Queste meraviglie, nel loro insieme permettono di godere di un luogo veramente stimolante, proiettato verso il futuro e perennemente in evoluzione.

Questi luoghi sono pieni di locali alla moda pub di ogni tipo, negozi vintage, atelier, negozi di design, mercatini e gallerie d’arte ricavati da spazi bonificati.

Luoghi d’incontro e dove è possibile ammirare il meglio dell’arte contemporanea della scena londinese.

Si tratta di luoghi di sperimentazione, che sicuramente trasformeranno la vostra percezione degli spazi e della narrazione urbana.

streetart shoreditch

SHOREDITCH E BRICK LANE

Dalla Old Street (una strada di origine probabilmente romana e quindi molto antica che ha dato il nome alla stazione della metro) iniziamo la nostra passeggiata per ammirare questo quartiere.

Fino ai primi anni Duemila, questa zona era considerata degradata e preda della criminalità (come la attigua e interessante Hoxton).

Per i prezzi molto bassi dell’epoca,  diversi artisti con budget limitato, cercarono il loro studio qui e ciò ha creato una comunità di persone in continuo contatto e scambio di idee.

La meravigliosa creatività del quartiere è così trainante, da attirare anche il genio di Banksy, che in questi luoghi ha lasciato tracce della sua arte.

Mentre si passeggia per le strade di Shoreditch, Si nota la stratificazione del tempo sugli edifici.

Un tempo fabbriche e padiglioni industriali, bombardati durante la seconda guerra mondiale e poi ricostruiti del tutto o parzialmente, con il proliferare dei murales e dei graffiti.

Il monocromatico dei palazzi è stato progressivamente invaso dei colori: il risultato è unico.

Molti colgono solo l’atmosfera hipster del posto, ma a tratti ho avvertito anche l’atmosfera underground e punk della Berlino raccontato negli anni 80. Qui ogni forma di sperimentazione è benvenuta.

brick lane

Da Shoreditch a Brick Lane

A parte Old Street, le maggiori strade da esplorare sono la Great Eastern Street e la Shoreditch High Street.

Interessante in questa zona è il Boxpark: un centro commerciale pieno di locali, bar, negozi vintage e di design, e spazi creativi ricavato da container industriali.

Boxpark è un’esperienza unica ed è stato posizionato qui perché un tempo Shoreditch era il centro dell’industria tessile.

Shoreditch è oggi sede della Silicon Roundabout, con riferimento alla Silicon Valley per la numerosa presenza di aziende informatiche (Circa 85 fra cui Google e Last.Fm).

Proseguendo il nostro tragitto ci troviamo in un altra delle zone più importanti dell’East London: Brick Lane (metro Whitechapel).

Come Shoreditch, anche questo quartiere ha subito diverse modificazioni nel tempo: meta di flussi migratori degli ebrei, oggi è il centro vitale della comunità bengalese di Londra.

Infatti, è possibile gustare in questa zona i migliori piatti bengalesi, indiani e asiatici in genere.

Il profumo di curry e di spezie, invade le strade e stimola l’appetito,  così come la presenza di notevoli opere di Street Art seduce la vista.

Anche se questo luogo non perde mai la sua magia, i momenti migliori per venire qui sono sicuramente il sabato pomeriggio e la domenica mattina!

Scegliete il week end anche per poter godere del mercato in strada e anche di quelli coperti (Backyard Market e Brick Lane Vintage Market).

Brick Lane: un battito di vita!

Brick Lane è anche un importante centro per la comunità mussulmana. Qui vicino esiste la moschea più grande di Inghilterra.

Facendo qualche passo a Brick Lane, è facile innamorarsi del battito del cuore delle vie: artistico e culturale, è un battito sempre vivo.

Non c’è niente di più bello che lasciarsi andare tra le vie del quartiere, guidati dall’istinto e dalla voglia di scoperta.

I profumi sono magici e destinati a chi non ha paura di osare e di conoscere nuove culture.

Perché Londra è integrazione oltre che essere un esempio di varietà e possibilità culturali.

Quando arrivate di fronte a una bellissima mucca nella strada di Buxton St, vuol dire che vi trovate all’ingresso di Spitalfields City Farm, è impossibile non notarne la creatività.

londra streetart

Rough Trade East negozio di dischi

Ci siamo anche fermate nel nostro negozio di dischi preferiti, dove potrete trovare ogni artista in vinile o in cd e perché no in audiocassetta.

C’è l’opportunità di scattarvi delle foto insieme in una cabina all’interno del negozio per immortalare quel momento speciale e noi l’abbiamo fatto.

Potete anche pensare di bere un bicchiere o qualcosa di caldo mentre, seduti nei 3 o forse 4 tavolini del negozio, vi fermate ad osservare tutte le tipologie di persone che lo visitano.

elina shoredicht
Elina al Rough Trade 2020

Non puoi andar via da Brick Lane, senza aver comprato qualcosa.

E noi siamo andate via con un disco dei Joy Division ed Elina ha anche provate la bellezza e il suono delle cuffie Marshall.

Sono numerosi anche i negozietti vintage dell’usato di abbigliamento.

Siamo sicure che apprezzerete, trovando qualcosa che fa il caso vostro.

Brick Lane come Shoreditch, sono un piccolo scrigno nascosto in una città immensa.

 

Marzia Parmigiani

 

Altro, in questo blog di viaggio:

Londra ha costruito la sua fortuna sull’oppressione coloniale

Hampstead Heath: l’oasi segreta di Londra

Vacanze di Natale a Londra

2 pensieri su “Shoreditch: il quartiere hipster di Londra

  1. Samuele dice:

    Shoreditch mi manca ancora.. Pensa cge tra due giorni partirò per Londra e avevo già messo in programma una tappa a questa parte della città (salvo imprevisti). Sono curioso di scoprirla!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *