Tokiwa: il più antico ponte di pietra di Tokyo riaprirà ad aprile dopo il restauro

Tempo di lettura: 3 minuti

Tokiwa: il più antico ponte di pietra di Tokyo riaprirà ad aprile dopo il restauro

C’è molta storia a Tokyo, nascosta nell’ombra dei palazzi in acciaio e cemento.
Dagli antichi santuari, ai templi, passando per gli edifici tradizionali splendidamente restaurati, la capitale giapponese pone molta attenzione alla preservazione del suo patrimonio.
Alla lista, si aggiunge in questi giorni lo storico ponte Tokiwa: si tratta del più antico ponte di pietra sopravvissuto di Tokyo dalla fine del 1800.
ponte tokiwa wikimedia commons il mio viaggio in giappone tokyo nihonbashi traveltherapists restauro

Il ponte Tokiwa: l’origine delle cinque strade

Il quartiere Nihonbashi (日本 橋) a Tokyo potrebbe sembrare una delle tante zone moderne della capitale giapponese.
Tuttavia, questa zona è stata molto importante durante il periodo Edo.
Qui si trova il ponte Nihonbashi (Tokiwa), che non era solo un mezzo per collegare due sponde, ma un simbolo della prosperità di Edo (il nome precedente di Tokyo).
Infatti, questo ponte era il punto di partenza delle cinque principali strade che collegavano Tokyo al resto del Paese.
Il ponte Tokiwa, noto per la sua architettura a doppia arcata, riaprirà ad aprile dopo quasi un decennio dal grande terremoto.
Il Japan Times riferisce che la ricostruzione del ponte Tokiwa è stata completata nell’autunno 2020, mentre l’area del parco circostante sarebbe ancora da completare.
Tuttavia, dovrebbe essere pronto per la riapertura ufficiale ad aprile.
ponte tokiwa wikimedia commons il mio viaggio in giappone tokyo nihonbashi traveltherapists lavori
I lavori del restauro a Tokiwa

Ponte Tokiwa a Nihonbashi: imperdibile in una visita a Tokyo

Il ponte Tokiwa era in origine una struttura in legno costruita nel 1603 per volere dello shogun Tokugawa Ieyasu.
Questa struttura, fu ricostruita utilizzando la pietra del castello di Edo dopo la restaurazione Meiji del 1868.
Purtroppo, il ponte Tokiwa è stato danneggiato durante il devastante terremoto del 2011, e per questo, chiuso e smantellato per evitare il crollo. 
 ponte-tokiwa-wikimedia-commons-il-mio-viaggio-in-giappone-tokyo-nihonbashi-traveltherapists-takahashi-Yuichi-Tokyo-national-museum
Takahashi Yuichi – Ponte Tokiwa (Tokyo National Museum) – Fonte: Wikimedia Commons

Un’attenzione certosina per ricreare il progetto originario

Il restauro operato in questo periodo, è stato fatto aderendo il più possibile al progetto originario in pietra.

Il ponte Tokiwa è fatto da diverse pietre colorate e pali di marmo bianco.

I pilastri e i ponti del ponte sono una miscela di pietre di colore leggermente diverso, e i candelieri in marmo bianco, evocano atmosfere moderne in contrasto con la forme delle lanterne da giardino in stile giapponese.

Rispetto ai materiali originali usati per costruire il ponte, gli operai hanno fatto del loro meglio per ricrearlo nella sua forma originaria, ma sono state utilizzate anche alcune parti nuove.

Se quello che avete letto, vi è piaciuto, seguiteci sulla nostra pagina Facebook dedicata “Il Mio Viaggio in Giappone”!

Ci trovate anche su Instagram sul nostro canale Traveltherapists!

 

 

 

Marzia Parmigiani

 

 

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Dawn Avatar Robot Cafe: il bar di Tokyo con camerieri robot controllati a distanza da disabili

 

 

 

Alice in Borderland: il viaggio spietato attraverso lo specchio in una Tokyo distopica che parla anche di te

 

 

 

10 miti sul Giappone che vale la pena di approfondire

 

 

Il castello Nebbia di Maruoka in Giappone: la leggenda di Oshizu

 

 

 

Itaewon Class: tutte le location del k-drama cult che parla dei temi scomodi in Corea del Sud

 

 

Ideale per fare networking: Clubhouse il nuovo social esclusivo che si basa sulla voce

 

 

FOLLOWERS: un nuovo Sex and the City ambientato a Tokyo si rivela nel J-Drama di Netflix

 

 

 

Crash Landing on You: le location della coraggiosa storia d’amore che svela la Corea del Nord

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *