Tokyo è in allerta per la ripresa dei contagi da Coronavirus

Tempo di lettura: 3 minuti

Tokyo è in allerta per la ripresa dei contagi da Coronavirus

Tokyo ha attivato il suo “alert” per la segnalazione di 34 nuovi casi di Coronavirus in un giorno solo.
Non succedeva dal 14 maggio.
Strada di Tokyo semi-deserta

Tokyo Alert

Il Rainbow Bridge è illuminato di rosso da martedì sera per segnalare il primo “Tokyo Alert” dopo che il governo metropolitano ha annunciato che il numero giornaliero di casi Covid-19 è aumentato in modo significativo all’improvviso.
Il governo metropolitano di Tokyo ha attivato l’allarme dopo che la conferma di 34 nuove infezioni da Coronavirus questo martedi.
 “Lo scopo di questo avviso è di rendere consapevoli i residenti della nostra situazione precaria e di esortarli a essere cauti”, ha detto il governatore Yuriko Koike durante una riunione della task force Coronavirus questo martedi.
I funzionari affermano che l’aumento di nuovi casi è attribuibile a infezioni nosocomiali, ma anche alle persone che partecipano alla vivace vita notturna nella zona di Shinjuku.
Il Rainbow Bridge sulla baia di Tokyo e gli uffici della città del governo metropolitano sono stati illuminati in rosso dalle 23 ora locale per rendere evidente lo stato di allerta.
Il Rainbow Bridge di Tokyo colorato di rosso: fonte, dwnews Instagram

La possibilità di chiudere nuovamente

Se il virus che causa la polmonite continua a diffondersi a questi ritmi, il Governatore Yuriko Koike ha dichiarato che prenderà in considerazione la possibilità di riattivare le richieste di chiusura dell’attività.
Il numero di infezioni giornaliere, che ha superato 200 il 17 aprile, è stato in discesa da allora, e ha toccato il minimo di due, il 23 maggio.
Ma da quel momento, è aumentato ad oltre 10 casi a Tokyo in 8 degli ultimi 10 giorni.
Il governo metropolitano ha fornito sette criteri per l’emissione dell’allerta. Ciò, comprese le nuove infezioni giornaliere non superiori a 20 in media nella scorsa settimana, ma Tokyo ha superato alcune di queste soglie dal 29 maggio.
Yuriko Koike – governatore di Tokyo. Fonte: Wikipedia

Un aumento repentino dei casi

Per la prima volta dal 14 maggio, più di 30 casi sono stati segnalati a Tokyo in un solo giorno.
Gli esperti hanno avvertito che la riapertura prematura delle attività potrebbe portare a una seconda ondata. 
Con le ultime infezioni, i casi totali di COVID-19 nella capitale sono saliti a 5283, con 306 morti. 
A livello nazionale, martedì la conferma di 50 nuove infezioni. Ciò, aumentando il conteggio totale a 16951 casi con 902 morti, esclusi i casi relativi alle navi da crociera, secondo il Japan Times.
Quando il Primo Ministro Shinzo Abe ha revocato lo stato di emergenza il 25 maggio in tutte le prefetture rimanenti, il numero dei nuovi contagi nel paese era bassissimo, compresa Tokyo. 
Ma residenti e funzionari sono diventati sempre più preoccupati poiché il numero di nuovi casi segnalati ogni giorno è aumentato.
Marzia a Tokyo

Una ripartenza troppo prematura?

A partire da martedì, il numero di nuovi casi a Tokyo è più che raddoppiato rispetto alla settimana precedente. Le cifre hanno superato il livello per il Tokyo Alert.
La decisione di Tokyo di entrare nella fase due solo una settimana dopo che Abe ha revocato lo stato di emergenza ha suscitato critiche.
Molti pensano che la città si stia muovendo troppo velocemente. Il governatore Yuriko Koike cerca di continuare ad avanzare con il suo piano per sollevare le richieste di chiusura delle attività per rilanciare l’economia locale .
Il limite per le riunioni è stato fissato ad un massimo di 100 persone per eventi al chiuso, e 200 per quelli all’esterno.
Nella fase tre del piano della città, verranno sollecitati a riaprire bar, sale giochi e altre strutture simili. 
I ristoranti potranno rimanere aperti fino a mezzanotte e gli eventi pubblici saranno limitati a 1000 persone.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:

2 pensieri su “Tokyo è in allerta per la ripresa dei contagi da Coronavirus

  1. Maria dice:

    E’ una vita che spero di visitare Tokyo… Speriamo che la situazione si appiani in tutto il mondo per poter viaggiare liberamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *