Travel Therapy: i benefici psicologici del viaggio

Tempo di lettura: 9 minuti

Travel Therapy benefici psicologici viaggio.

Travel Therapy: i benefici psicologici del viaggio

È noto da tempo che i viaggi offrono opportunità di avventura, scambio culturale, relax e crescita personale. Negli ultimi anni, i benefici per la salute mentale del viaggio sono diventati sempre più riconosciuti, portando all’emergere della “travel therapy” come mezzo per migliorare il benessere psicologico.

Noi di Traveltherapists, consigliamo spesso di viaggiare alle persone che desiderano esplorare al meglio la loro dimensione psicologica e uscire dalla zona di comfort. In questo articolo parleremo di Travel Therapy: i benefici psicologici del viaggio.

ragazza con valigia travel therapy psicologia del viaggio traveltherapists Travel Therapy benefici psicologici viaggio

Travel Therapy benefici psicologici viaggio: le ricerche

Numerosi studi hanno dimostrato correlazioni tra viaggi di vacanza e aumento della felicità, soddisfazione della vita, affetto positivo e altri indicatori di benessere soggettivo (Nawijn, 2010; Sirgy et al, 2011). Ad esempio, uno studio condotto su 1.530 adulti olandesi ha rilevato che la soddisfazione per i viaggi di vacanza era un significativo predittore di felicità, anche quando si controllavano i dati demografici e i tratti della personalità (Nawijn et al, 2010). Altre ricerche hanno mostrato una diminuzione dello stress e degli affetti negativi dopo le vacanze (De Bloom et al, 2010; Strauss-Blasche et al, 2005).

I vacanzieri tendono ad avere stati d’animo migliori e sentimenti di rilassamento che possono persistere per diverse settimane dopo il ritorno dal viaggio (Nawijn, 2011).

copertina significato viaggio travel therapy psicologia del viaggio traveltherapists

Travel Therapy benefici psicologici viaggio: perché viaggiare fa bene?

Ci sono diversi meccanismi chiave:

Fuga dalla routine e ampliamento delle prospettive

Il cambiamento di scenario e la fuga dalla routine regolare associata al viaggio consente alle persone di prendersi una pausa dai modelli abituali di pensiero e comportamento. Ciò offre opportunità di riflessione, nuove esperienze e cambiamenti cognitivi che possono essere terapeuticamente preziosi. Parafrasando lo scrittore Alain de Botton (2002), il viaggio ci incoraggia a osservare il mondo attraverso nuove lenti e a riconsiderare le nostre ipotesi. Interrompe le nostre tendenze all’inerzia e all’autocompiacimento. Le prospettive ampliate acquisite dal viaggio possono generare apertura, flessibilità e una crescita psicologica positiva.

significato del viaggio turisti con mappa travel therapy psicologia del viaggio traveltherapists Travel Therapy benefici psicologici viaggio

Rafforzamento dei legami sociali

Le esperienze di viaggio condivise spesso fungono da catalizzatori di relazioni, approfondendo i legami di coppia, famiglie, amici e persino estranei (White & White, 2004). Le gioie e le sfide di muoversi in luoghi sconosciuti promuovono la cooperazione, la comunicazione e il sostegno reciproco.

Il viaggio allontana le persone da routine occupate e separate per trascorrere insieme tempo prolungato e ininterrotto. Fornisce spunti di conversazione naturali e una vita di ricordi da portare con sé. La vicinanza interpersonale catalizzata dal viaggio spiega perché la soddisfazione relazionale tende ad aumentare dopo le vacanze (De Bloom et al, 2011).

Come aumentare l'autostima attraverso il viaggio travel therapy psicologia del viaggio

Promozione della consapevolezza e l’apprezzamento

Essere immersi in nuove culture e luoghi orienta naturalmente l’attenzione al momento presente. I viaggiatori si sintonizzano osservando e assaporando ogni nuova delizia. Facendo uscire le persone da routine negative, il viaggio promuove la consapevolezza e l’apprezzamento per le piccole cose della vita.

Evoca anche gratitudine per il privilegio della mobilità e l’esposizione a diverse visioni del mondo. Questi cambiamenti di prospettiva possono aumentare le emozioni positive e la soddisfazione della vita.

La ricerca mostra che ricordare le esperienze di viaggio è legato a momentanei aumenti di felicità, suggerendo che i ricordi di viaggio continuano a migliorare il benessere anche dopo la fine del viaggio (de Bloom et al, 2010).

donna tramonto traveltherapists miglior blog di viaggio Travel Therapy benefici psicologici viaggio

Travel Therapy benefici psicologici viaggio: facilitazione della scoperta di sé ed empowerment

Il viaggio consente alle persone di uscire dai ruoli abituali e dai concetti di sé e sperimentare nuovi modi di essere. I viaggi da soli, in particolare, incoraggiano l’indipendenza, l’autosufficienza e attingono a risorse interiori per navigare in luoghi e situazioni sconosciuti. L’incontro con culture diverse offre opportunità per l’auto-riflessione e la messa in discussione dei propri presupposti. Superare le sfide del viaggio costruisce resilienza, autoefficacia e capacità di regolazione emotiva. La ricerca mostra che i viaggi prolungati hanno impatti a lungo termine tra cui una maggiore fiducia in se stessi, autonomia, adattabilità e apertura alle esperienze (Lean, 2009; White & White, 2004). Muoversi con successo in luoghi stranieri ci aiuta a crescere in versioni espanse di noi stessi e a vivere un vero e proprio empowerment.

gruppo di amici abbracciati traveltherapists blog di viaggio miglior blog di viaggio Travel Therapy benefici psicologici viaggio

Promozione dell’attività fisica e immersione nella natura

Il viaggio spesso comporta alti livelli di camminata, nuoto, escursionismo e altre forme di movimento piacevole che avvantaggiano la salute mentale e fisica. Inoltre, le destinazioni incentrate su scenari naturali come spiagge, parchi, montagne e aree selvagge offrono opportunità di interazione con ambienti non urbani.

La ricerca collega l’esposizione alla natura con la diminuzione dell’ansia e della ruminazione. Si verifica un miglioramento dell’umore e del funzionamento cognitivo. Si vive una maggiore vitalità e altri effetti riparatori (Frühauf et al, 2019). La combinazione di attività fisica e ambienti naturali aiuta a spiegare perché le escursioni nella natura selvaggia, i viaggi avventurosi e i ritiri escursionistici possono essere fortemente terapeutici.

Travel Therapy benefici psicologici viaggio: apprendimento esperienziale e stati di flusso

Il viaggio implica intrinsecamente l’apprendimento attraverso esperienze di prima mano piuttosto che contesti educativi di routine. Muoversi fra nuovi cibi, lingue, norme culturali, sistemi di trasporto e luoghi prepara la mente all’adattamento e all’apprendimento immersivo. Le persone sono attratte da attività mentalmente coinvolgenti che forniscono livelli ottimali di sfida.

Il viaggio spesso induce stati di flusso caratterizzati da coinvolgimento focalizzato, curiosità e godimento intrinseco che rafforzano il benessere soggettivo (Csikszentmihalyi, 1997). Questi processi di apprendimento esperienziale spiegano perché il viaggio è stato a lungo collegato alla creatività e ai benefici cognitivi.

copertina yomiya motomiya festival fushimi inari taisha traveltherapists il mio viaggio in giappone

Travel Therapy benefici psicologici viaggio. Come può essere applicata la Travel Therapy?

Sebbene il viaggio abbia ampi benefici terapeutici, può essere strategicamente incorporato nei piani di trattamento per presentazioni cliniche specifiche:

Ansia e depressione: la programmazione eccessiva, l’isolamento, la mentalità pessimistica e il sentirsi “bloccati” spesso esacerbano l’ansia clinica e la depressione. Il viaggio aiuta a interrompere questi schemi attraverso il rilassamento, la connessione sociale, l’ottimismo e i cambiamenti di prospettiva. Esplorare nuovi posti con passi gestibili al di fuori della propria zona di comfort fornisce piccole vittorie che costruiscono l’autoefficacia per contrastare i modelli di pensiero negativi. Gli ambienti naturali e l’esposizione alla luce solare possono anche alleviare l’umore basso.

Dipendenza: il cambiamento dell’ambiente interrompe i segnali condizionati e le abitudini che supportano la dipendenza. Il viaggio offre esperienze arricchenti di ricompensa, divertimento e libertà come alternative all’uso di sostanze. Il supporto sociale e l’ispirazione ottenuti dalle interazioni durante il viaggio possono rafforzare il recupero. I programmi di terapia della natura selvaggia sfruttano l’immersione nella natura e le sfide esperienziali per promuovere una trasformazione duratura.

Dolore e perdita: il lutto spesso comporta il ritiro e l’evitamento di nuove esperienze. Il viaggio aiuta a contrastare la ruminazione e l’isolamento fornendo attività che promuovono l’ottimismo e la connessione sociale. Il cambiamento di scenario rinfresca le prospettive e sostiene il graduale riorientamento verso la vita di nuovo pienamente.

Problemi di relazione: i vincoli di tempo, le distrazioni e le tensioni di routine spesso impediscono un legame di qualità tra coppie e famiglie. Il viaggio rimuove questi ostacoli attraverso un lungo tempo ininterrotto insieme. Ambienti rilassati e nuove esperienze condivise migliorano la comunicazione, l’affetto, la giocosità e l’apprezzamento dei propri cari. Le vacanze arricchenti possono ravvivare relazioni stantie.

Crescita personale: il viaggio implica intrinsecamente l’espansione delle prospettive, l’acquisizione di nuove competenze e intuizioni che supportano la crescita. I viaggi in solitaria aiutano a rafforzare la conoscenza di sé, l’autoefficacia e l’identità. I viaggi di gruppo promuovono l’apprendimento interpersonale. Le esperienze culturali immersive favoriscono l’apertura e l’espansione personale. I tour di pellegrinaggio implicano una riflessione mirata e la creazione di significato.

Gestione dello stress: le seccature e le richieste quotidiane spesso si accumulano, prosciugando le risorse mentali necessarie per gestire lo stress in modo efficace. Il viaggio facilita “allontanarsi da tutto” per riposare e ringiovanire. L’esposizione alla natura e il ritmo rilassato reintegrano le capacità di gestire le sfide. La fuga dalla routine supporta un equilibrio più sano tra lavoro e vita privata a lungo termine.

Naturalmente, i terapisti devono anche essere sensibili a qualsiasi caratteristica o condizione del cliente in cui il viaggio rischia di esacerbare i problemi, come l’ansia da viaggio, l’evitamento eccessivo delle responsabilità, i problemi di sicurezza o la vulnerabilità a comportamenti rischiosi in nuovi ambienti. In tali casi, escursioni locali più modeste possono fornire alcuni benefici desiderati senza sollevare bandiere rosse.

felicità albert einstein il mio viaggio in giappone traveltherapists felicità

Travel Therapy benefici psicologici viaggio: implementare la travel therapy

In un’ottica di viaggio terapeutico, è bene abbinare a questa esperienza a esercizi e strategie come:

  1. Prescrivere mini-avventure a parchi locali, musei, festival e altre attività arricchenti accessibili vicino a casa. Ciò fornisce piccole nuove esposizioni.
  2. Pianificare in modo collaborativo un importante viaggio imminente, considerando come le destinazioni e gli itinerari potrebbero allinearsi con obiettivi terapeutici specifici.
  3. Riformulare i viaggi necessari come opportunità di avventura, sfida e crescita.
  4. Tenere diari di viaggio durante e dopo i viaggi per integrare le intuizioni attraverso la scrittura.
  5. Stabilire obiettivi per le escursioni in solitaria per costruire l’autoefficacia.
  6. Pianificare le vacanze in famiglia per rafforzare le relazioni.
  7. Prenotare ritiri o workshop incentrati sulla riflessione e sulla crescita.
  8. Tenere album di foto delle vacanze o album di ritagli per rivivere i ricordi.

Gli impatti anche di brevi escursioni possono essere migliorati attraverso la fotografia consapevole, l’inserimento nel diario, la discussione riflessiva e le attività artistiche espressive come dipingere i ricordi di viaggio.

I benefici continuano a lungo dopo il ritorno attraverso il ricordo intenzionale dei viaggi. Le persone spesso riferiscono che guardare le foto delle vacanze e condividere storie di viaggio con i propri cari, aumenta la felicità.

Mentre i lunghi viaggi intercontinentali non sono fattibili per molte persone, anche piccole gite locali possono aumentare il benessere. I terapisti possono incoraggiare i clienti a riformulare viaggi obbligatori come viaggi d’affari o visite familiari come opportunità di avventura e crescita.

Esplorare la natura, gli eventi culturali, i musei e i punti di riferimento nelle vicinanze, offre nuove possibilità di mettersi alla prova. Sfruttare il potere terapeutico del viaggio richiede in ultima analisi di sintonizzarsi con le opportunità di esplorazione, sfida, apprendimento e connessione ovunque ci troviamo.

Travel Therapy benefici psicologici viaggio: riepilogo

In questo articolo abbiamo parlato di Travel Therapy: i benefici psicologici del viaggio. Un numero crescente di ricerche dimostra la miriade di benefici psicologici del viaggio per migliorare la felicità, la soddisfazione, la crescita personale, la connessione e la salute mentale.

I professionisti psicologi dovrebbero cercare di sfruttare intenzionalmente il potere terapeutico del viaggio collaborando con i clienti per incorporare viaggi ed escursioni arricchenti nella pianificazione del trattamento.

Sebbene debbano essere considerati i limiti logistici, sfruttare in modo creativo la promessa di espansione della mente del movimento attraverso nuovi luoghi ed esperienze, può facilitare un cambiamento positivo duraturo.

Il potenziale di trasformazione di avventure locali anche modeste non dovrebbe essere sottovalutato. Attraverso l’attenzione e l’intenzione, l’atto quotidiano del viaggio può funzionare come terapia interrompendo schemi radicati, ampliando le prospettive, approfondendo le connessioni e spingendo la crescita.

 

Per chi desidera approfondire altre tematiche psicologiche, ricordiamo gli articoli: Travel Therapy, come il viaggio diventa terapia; come migliorare l’autostima 4 abitudini per il benessere psicologico e libri psicologia del viaggio la psicologia e l’arte di migliorarsi in viaggio. Quest’ultimo menzionato su Repubblica nell’articolo che ci ha dedicato.

firma marzia parmigiani

Riferimenti:

Csikszentmihalyi, M. (1997). Trovare il flusso: la psicologia dell’impegno con la vita di tutti i giorni. Libri di base.

De Bloom, J., Geurts, SA, Taris, TW, Sonnentag, S., de Weerth, C., & Kompier, MA (2011). Effetti delle vacanze dal lavoro sulla salute e sul benessere: molto divertimento, presto sparito. Lavoro e stress, 25(2), 196-216.

De Bloom, J., Kompier, M., Geurts, S., de Weerth, C., Taris, T., & Sonnentag, S. (2009). Ci riprendiamo dalle vacanze? Meta-analisi degli effetti delle vacanze sulla salute e sul benessere. Giornale di salute sul lavoro, 51(1), 13-25.

de Botton, A. (2002). L’arte del viaggio. Pinguino.

Frühauf, A., Niedermeier, M., Elliott, LR, Ledochowski, L., Marksteiner, J. e Kopp, M. (2019). Effetti acuti dell’attività fisica all’aperto sull’affetto e sul benessere psicologico nei pazienti depressi: uno studio preliminare. Salute mentale e attività fisica, 16, 4-9.

Lean, GL (2009). Viaggi trasformativi: ispirare la sostenibilità. In R. Bushell & S.J. Sheldon (a cura di), Benessere e turismo: mente, corpo, spirito, luogo (pp. 191-205). Conoscente.

Nawijn, J. (2011). Felicità attraverso le vacanze: solo una spinta temporanea o vantaggi a lungo termine? Rivista di studi sulla felicità, 12(4), 651-665.

Nawijn, J., Marchand, M., Veenhoven, R., & Vingerhoets, A. (2010). I vacanzieri più felici, ma la maggior parte non più felici dopo una vacanza. Ricerca applicata nella qualità della vita, 5(1), 35-47.

Sirgy, MJ, Kruger, PS, Lee, DJ e Yu, GB (2011). In che modo un viaggio influisce sulla soddisfazione di vita dei turisti? Giornale di ricerca sui viaggi, 50(3), 261-275.

Strauss-Blasche, G., Ekmekcioglu, C., & Marktl, W. (2005). Effetti moderati delle vacanze sulle reazioni al lavoro e allo stress domestico. Scienze del tempo libero, 27(1), 75-91.

White, NR e White, PB (2004). Viaggio come transizione: identità e luogo. Annali della ricerca sul turismo, 31(1), 200-218.

Altro, in questo blog di viaggio:

 

Come aumentare l’autostima attraverso il viaggio

 

Il potere del viaggio: come cambiare sé stessi

 

Come prepari la tua valigia dice chi sei

 

Libri psicologia del viaggio travel therapy: la psicologia e l’arte di migliorarsi in viaggio

 

Il Giappone è un paese sicuro per le donne?

 

Miglior blog di viaggio

 

Il Mio Viaggio In Giappone

 

Articolo Repubblica Traveltherapists

Diffondi il verbo!
error: Hai copiato finora senza chiedere il permesso? Ora basta!