Vacanze d’estate 2020: test per coloro che rientrano dall’estero

Tempo di lettura: 3 minuti

Vacanze d’estate 2020: test per coloro che rientrano dall’estero

La curva dei contagi in salita nelle ultime ore, sia a livello nazionale che internazionale, ha implicato una riflessione dei governatori italiani.

Molte persone si sono recate all’estero per le ferie 2020, ma già in alcune regioni sono previsti dei giri di vite.

 

Elina seduta a Caltagirone

 

La Puglia invita all’isolamento fiduciario chi rientra da Spagna, Malta e Grecia

Ad esempio, il governatore della Puglia Emiliano, impone la quarantena obbligatoria per i residenti che rientrano dalla Spagna, dalla Grecia e da Malta: zone calde per la situazione Covid-19. La decisione arriva dopo aver rilevato che molti pugliesi sono rientrati da queste zone, positivi al Coronavirus. La regione Puglia ha quindi imposto dal 12 agosto, un isolamento fiduciario obbligatorio di 14 giorni, per chi rientra da questi paesi. 

 

vista del gargano
Gargano, Puglia

In Emilia Romagna da oggi obbligo di tampone per coloro che tornano da Grecia, Spagna e Malta

Chi rientra da questi paesi dovrà tempestivamente comunicare con l’Asl di riferimento e sarà sottoposto a tampone salivare entro le 24 ore dal rientro a casa. L’ordinanza è stata sottoscritta dal governatore Stefano Bonaccini ed in caso di risultato negativo, non scatterà alcuna quarantena.

 

Nei pressi di Canossa in provincia di Reggio Emilia

La Sicilia e la Campania intensificano i controlli

Regioni virtuose come Sicilia e Campania, si trovano in allerta a causa dell’aumento dei casi. Il governatore della Campania Vincenzo De Luca invita i viaggiatori campani di ritorno a segnalare il proprio rientro a casa alle ASL di competenza.

Il governatore siciliano Nello Musumeci ha già un’ordinanza pronta, nel caso la situazione peggiori.

Inoltre, nelle ultime ore è arrivata l’Ansa di un ragazzo del siracusano risultato positivo dopo le vacanze passate a Malta.

A causa della sua partecipazione ad una festa di compleanno a Canicattini Bagni, ha imposto il tampone e isolamento fiduciario a più di cento persone.

Probabilmente il repentino aumento dei contagi in Sicilia è dovuto anche al turismo massiccio sull’isola in questo periodo da parte di visitatori italiani e europei che essendo in vacanza e complice il caldo, tendono ad usare meno le mascherine e a praticare il distanziamento sociale.

 

Mamma Caura saline di Marsala tavoli azzurri
La vista del ristorante Mamma Caura a Marsala

In Italia test salivare negli aeroporti a chi rientra dall’estero

Intanto negli aeroporti il test molecolare sulla saliva è diventato obbligatorio per coloro che rientrano dall’estero. Questo test è particolarmente versatile, dato che fornisce risultato in 15 minuti.

Anche i cittadini che rientrano dalla Croazia, saranno particolarmente monitorati. Ovviamente in caso di test positivo, scatta la quarantena ed il tracciamento di tutti i contatti.

Nonostante per ora il provvedimento riguardi solo gli aeroporti, non si esclude che possa essere esteso anche alle stazioni e ai porti dove regolarmente transitano navi e traghetti di provenienza straniera.

 

 

Marzia Parmigiani

 

 

 

Altro, in questo blog di viaggio:

Il saliturismo: le saline della laguna di Marsala fra benessere e tradizione

 

 

La Casa di Carta: tutte le location di una serie dall’atmosfera globale

 

 

Visitare l’Etna nel 2020: cosa vedere e alloggiare al Matilde’s Chalet Nature House

 

 

Mix mortale del Giappone: sconvolgimenti clima e una società che invecchia

 

 

6 agosto 2020: Hiroshima e Nagasaki 75 anni dopo la bomba atomica

 

 

Visitare il Molise e alloggiare in una casa vacanze

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *