Venezia: l’idea di un turismo più sostenibile diventa realtà

Tempo di lettura: 7 minuti

Venezia: l’idea di un turismo più sostenibile diventa realtà

In tempi antichi, quando a Venezia non arrivavano milioni di turisti all’anno, i cittadini avevano una popolare usanza.
Usavano intrattenersi passeggiando senza meta, attraverso le calli della città e le passerelle. 
In quelle occasioni, incontrando conoscenti per una chiacchierata, non mancava la consueta “ombra de vin”, come viene chiamato nella Laguna.
Ai tempi del Coronavirus, questa tradizione è tornata in auge. 
Ora molti residenti hanno più tempo e spazio per godersi il ritmo lento della città e la sua bellezza. 
Elina a Venezia

Tutte le città europee fanno molto affidamento sul turismo

Venezia non è certamente sola. 
Le economie di altre città europee come Roma, Barcellona, ​​Lisbona o Vienna, fanno molto affidamento sul turismo, lasciandole ora particolarmente esposte agli effetti collaterali della pandemia di Covid-19.
Ma c’è una nuova sensazione che molti residenti e operatori di viaggio locali condividono: la crisi scatenata dal Covid-19, crea un’opportunità per rendere più sostenibili i viaggi futuri verso e le loro città e regioni. 
Queste vicende, stanno dando vita ad un nuovo dialogo: la volontà di rendere il turismo meno stressante e più vantaggioso per le infrastrutture urbane e per i suoi abitanti locali.
gondole a Venezia
Hard Rock Café Venezia – ph M. Parmigiani

Venezia ha un’economia basata esclusivamente sul turismo

A Venezia, residenti e leader locali sperano che la loro città possa sviluppare un’economia che non ruoti interamente attorno al turismo.
Una nuova spinta per attirare investitori internazionali, allargherebbe l’impronta delle due università della città.
Ciò a contrasto di un Overtourism che tanto ha segnato la città negli ultimi decenni.

La pandemia ha bloccato l’industria alberghiera di Venezia

Come afferma Claudio Scarpa, la pandemia ha bloccato l’industria alberghiera di Venezia.
Scarpa, presidente dell’Associazione Veneziana Albergatori, rappresenta 430 hotel a Venezia ed è convinto che la pandemia “Sia un’occasione fondamentale per ripensare il turismo a Venezia”.
Altri veneziani appoggiano pienamente questo sentimento.
“Dobbiamo agire ora, prima che il turismo di massa torni a pieno regime, perché non avremo una seconda possibilità”, ha detto Paolo Costa, ex sindaco di Venezia.
Venezia di notte
Venezia dall’acqua – ph M. Parmigiani

Venezia come Città-Stato fu centro fondamentale commerciale e finanziario durante il Medioevo

Come Città-Stato, Venezia prosperò come centro commerciale e finanziario per gran parte del Medioevo. 
La sua posizione a metà strada tra Costantinopoli e l’Europa occidentale lo ha reso un centro ideale per il commercio di spezie, seta e sale.  
Tuttavia, mentre il centro commerciale si spostava dal Mediterraneo all’Atlantico, Venezia perse centralità alla fine del XVIII secolo.
Fu allora che i ricchi europei iniziarono a visitare le città ricche di arte in Italia, tra cui Venezia, in una tradizione nota come “il Grand Tour”. 
Lord Byron e Stendhal furono tra i primi vacanzieri della città. 
Nel XIX secolo, il Lido di Venezia divenne il luogo di pellegrinaggio per la benestante borghesia europea.
Ma alla fine del XX secolo, Venezia divenne quella che gli economisti descrivono come una “monocultura turistica”, prendendo in prestito il termine dalla rischiosa pratica agricola di coltivare un singolo raccolto.
colorato panorama veneziano

Almeno 20 milioni di turisti all’anno visitavano Venezia prima del Coronavirus

Prima del Covid-19, gli hotel di Venezia e dintorni ospitavano ogni anno 10,2 milioni di ospiti principalmente internazionali, secondo i dati ufficiali. 
Ma questa cifra, nella migliore delle ipotesi, non tiene conto degli escursionisti dalle navi da crociera, dalla stazione ferroviaria e dai tour in autobus. 
Secondo una stima, il numero effettivo di turisti è di circa 20 milioni all’anno, in gran parte concentrato in un’area di 5 chilometri quadrati per 50.000 residenti. 
tramonto veneziano

La globalizzazione ha contribuito al turismo di massa di Venezia negli ultimi decenni

L’esplosione del turismo di massa degli ultimi decenni è stato il risultato della globalizzazione, tariffe aeree economiche ed economie emergenti. 
Ryanair, EasyJet e altri vettori a basso costo hanno iniziato a volare nell’aeroporto Marco Polo.
Le sole navi da crociera hanno attirato 1,6 milioni di visitatori ogni anno.
La crescente forza delle economie cinesi e asiatiche ha permesso ai nuovi turisti di unirsi alla folla di europei e del nord americani.
Soprattutto in alta stagione tra maggio e ottobre, e durante il Carnevale a febbraio, Venezia è stata incredibilmente affollata, in particolare nelle sue strette calli, larghe solo due metri.
Francesca Barbini nell’ambito del progetto #riscrivereilfuturo rappresentante Fai ha recentemente dichiarato: “Venezia lenta e bellissima può offrire e al contempo chiedere idee e visioni a coloro che verranno. Penso che sia l’unica chiave per il futuro”.
carnevale di Venezia

Venezia ha il più alto numero di Airbnb per abitanti in Italia

Insomma, il turismo ha cambiato l’anima della laguna. 
I negozi di alimentari si sono trasformati in negozi di souvenir e l’aumento dei costi abitativi unito ad una crescente mancanza di servizi, hanno spinto fuori i residenti. 
Con oltre 8000 appartamenti elencati su Airbnb, Venezia ha il più alto rapporto Airbnb/popolazione in Italia.
Il centro storico della città, costituito da due isole, ebbe il suo apice negli anni ’50, con 175.000 residenti.
Nel 2009 la popolazione è scesa sotto i 60.000 abitanti.
Si tra della soglia convenzionale per essere considerata una città, in Italia. 
Attualmente, il centro della città conta circa 50.000 abitanti.

La metà dei veneziani lavora nel turismo

Circa 25.000 veneziani sono ora impiegati direttamente nel turismo. 
E anche se la cifra include coloro che si recano nel centro storico dalle altre aree della città, molti altri veneziani nel centro della città fanno affidamento indirettamente sul settore.
Non è stata una scelta pianificata, quanto il risultato di un circolo vizioso. 
Più Venezia diventava turistica, più gli abitanti uscivano dal centro.
Meno residenti in centro, più persone rimaste in difficoltà per trovare lavoro al di fuori del turismo, rafforzando così il modello.
Molti veneziani prima della pandemia, trovavano la situazione insostenibile. Tuttavia, fino a poco tempo fa, pochi hanno fatto qualcosa per cambiarla. 

venezia

Le navi da crociera hanno un impatto pesante su Venezia

Prima che la pandemia interrompesse i viaggi internazionali, le grandi navi da crociera erano una vista quotidiana da molti calli di Venezia.
“Quanto più a lungo rimane un visitatore, tanto minore è il suo impatto sul territorio”, ha dichiarato Magda Antonioli Corigliano, studiosa dell’industria del turismo all’Università Bocconi di Milano. 
Gli escursionisti tendono ad avere un impatto particolarmente dannoso, sostiene, perché sono in costante movimento e affollano sempre gli stessi punti intorno a San Marco e al Rialto.

Gli escursionisti da visita “mordi e fuggi” impattano pesantemente a livello ambientale su Venezia rispetto a coloro che restano più a lungo

D’altronde se si ha solo un giorno, si desidera vedere il più possibile. 
Quindi si va da un punto all’altro della città, prendendo un sacco di vaporetti.
Invece, i visitatori dediti ad un turismo lento, possono godersi la laguna a un ritmo diverso, magari di notte e avventurarsi oltre i suoi punti più evidenti, contribuendo meno agli ingorghi pedonali.
Poi ci sono le navi da crociera, che attraccano al porto di Marittima e navigano attraverso il Canale della Giudecca e il bacino di San Marco. Queste causano un impatto significativo sull’ambiente della città a causa della quantità di carburante utilizzata.
Le navi da crociera portano denaro, ma non tutto va nel centro storico di Venezia.
Nel 2012, il governo centrale ha approvato una legge che vieta le navi da crociera dal bacino di San Marco e dal Canale della Giudecca, per ridurre il sovraffollamento in quelle aree, ma deve ancora essere applicato. 
Anche se le navi da crociera attraccassero a Marghera, il vicino porto sulla terraferma, l’impatto ambientale delle navi sarebbe lo stesso.
L’unica differenza è che lo farebbero a pochi chilometri di distanza.
veduta canale venezia
Venezia, città Fairbnb

Da novembre ad oggi il turismo a Venezia è quasi scomparso

Il numero di turisti in città è precipitato inizialmente a novembre, quando una serie insolitamente alta di maree, ha fatto cancellare molte prenotazioni. 
Il turismo è quasi scomparso a partire dalla fine di febbraio, quando la pandemia di Covid-19 ha spinto le autorità a cancellare il Carnevale e, subito dopo, a dichiarare un blocco a livello nazionale.
Scarpa, presidente dell’ente alberghiero, ha affermato che l’improvviso calo del turismo potrebbe costare alla città oltre 1 miliardo di euro di entrate perse. 
Circa 10.000 veneziani sono stati licenziati nel solo settore alberghiero.
La ripresa, sarà lenta, dato che gli hotel prevedono solo un terzo del solito numero di visitatori per l’alta stagione quest’anno.
Il governo centrale italiano ha promesso di aiutare l’industria turistica fornendo pacchetti di aiuti e agevolazioni fiscali per hotel e ristoranti in difficoltà, ma anche altri settori sono stati duramente colpiti.
gondola ormeggiata
Gondole a Venezia

Gli attuali turisti a Venezia sono in gran parte italiani in un’ottica di turismo di prossimità

Da quando l’Italia ha revocato le restrizioni ai movimenti agli inizi di giugno, la Laguna ha visto pochi visitatori, la maggior parte dei quali escursionisti provenienti dallo stesso Veneto.
Si tratta di italiani che scelgono un turismo di prossimità.
I veneziani sono da tempo alle prese con le stesse domande: come si può rendere il turismo più sostenibile? 
E come smettere di fare affidamento solo su questo?
La Venezia di oggi è più che le sue origini medievali nella laguna. 
Da un punto di vista amministrativo, è una grande città di oltre 250.000 abitanti, composta da quartieri sulla terraferma e da diverse isole della laguna.
Ma la Venezia storica, che è ciò che la gente intende quando usano la parola colloquialmente, è di due isole. 
Un’isola grande, a forma di pesce, tagliata a metà dal Canal Grande, tecnicamente, “l’isola di Venezia” e un’isola più piccola, la Giudecca. 
Tutto il turismo è in gran parte concentrato in due dei sei quartieri dell’isola più grande.
Ci si sta concentrando per limitare l’accesso al centro storico con un sistema di quote e prenotazioni (i residenti e i visitatori con prenotazioni alberghiere sarebbero esclusi). 
Il governo spera di “regolare i flussi di turisti in modo che possano essere compatibili con la vita quotidiana dei residenti”.
Nel frattempo, l’industria alberghiera prevede di promuovere Venezia come destinazione natalizia per ricchi vacanzieri internazionali, creando pacchetti culturali speciali in collaborazione con musei, ha affermato Scarpa, funzionario del gruppo alberghiero locale.
Marzia Parmigiani
Altro, in questo blog di viaggio:

4 pensieri su “Venezia: l’idea di un turismo più sostenibile diventa realtà

  1. Daniele & Marilena dice:

    Ottima analisi sulla città lagunare!
    I dati che avete elencato sul giro d’affari che ruota intorno al turismo sono impressionanti…
    Impressionante, prima del COVID, è anche vedere come Venezia fosse presa d’assalto da milioni di turisti la maggior parte dei quali con un atteggiamento irrispettoso!
    Sarebbe bello se il turismo ripartisse ma in maniera più responsabile!

    • Elina Sindoni dice:

      Grazie, in realtà a parte Venezia come study case davvero rilevante, la stessa riflessione la stanno facendo tante altre città. Pensa che a Roma, molto romani non andavano al Colosseo dalle elementari per evitare la ressa dei turisti e con il lockdown, si sono riappropriati, almeno in parte, della loro città. 🙂

  2. Fabio dice:

    Sarebbe stato impossibile tenere nascosta al mondo la bellezza di una città così! Però effettivamente qualcosa lo si può fare per migliorare la situazione

  3. Nicoletta dice:

    Sono stata a Venezia poche settimane fa e devo dire che vederla con pochi turisti mi ha permesso di godermela di più, ma il risvolto negativo c’è eccome! Speriamo che tutto riparta al più presto ed in modo più responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *